I veleni sono i soli rimedi? – Le sostanze farmaceuticamente attive – Dr. H. M. Shelton

  Le bon guide de l’hygiéniste n. 55 p. 19-20                                  

                                                 Dr. H. M. Shelton

Si cercano SOSTANZE FARMACEUTICAMENTE ATTIVE. Certo se sapessero il senso di questa espressione FARMACEUTICAMENTE ATTIVE, cesserebbero immediatamente la loro ricerca.

Difatti, LE AZIONI COSIDDETTE “FARMACEUTICHE” dei MEDICINALI sono, in verità, le AZIONI di RESISTENZA e di ESPULSIONE dell’ORGANISMO VIVENTE. Sono le PROVE che queste sostanze NON SONO UTILIZZABILI, vale a dire sono VELENOSE, e che il CORPO deve SFORZARSI di ESPELLERLE per EVITARE dei DANNI.

I MEDICINALI NON HANNO le AZIONI CHE SI ATTRIBUISCONO LORO, perché sono delle SOSTANZE INERTI PASSIVE che SUBISCONO L’AZIONE dell’ORGANISMO VIVENTE. Il LORO DINAMISMO è quello delle STRUTTURE VIVENTI, NON quello dei MEDICINALI che sono SENZA VITA.

Ogni MEDICINALE è un VELENO e ogni NUOVO MEDICINALE un NUOVO VELENO. Importa poco che sia minerale, vegetale o che provenga dal mare o dagli animali, ogni medicinale introduce nell’organismo vivente una MALATTIA. Sono i SINTOMI della MALATTIA che i MEDICI e i FARMACOLOGI considerano per ERRORE come quelli dei MEDICINALI.

La STUPIDITA’ di questi SCIENZIATI appare nella loro dichiarazione che sperano di avere un veleno estratto dalla schiuma irlandese per guarire le ulcere dello stomaco.

L’IDEA stessa che la MALATTIA possa essere PREVENUTA prendendo un VELENO e IGNORANDO LA CAUSA, è talmente RIDICOLA che anche un giovane alunno sarebbe capace di scoprirne l’ERRORE.

La sola spiegazione della persistenza dell’IDEA PAZZA nella MENTE degli SCIENZIATI, è che HANNO SUBITO un TOTALE LAVAGGIO DEL CERVELLO durante il processo educativo, che sono stati condizionati a tal punto che NON SONO PIU’ CAPACI DI ANALIZZARE LOGICAMENTE.

Gli SCIENZIATI, – MEDICI, FARMACOLOGI, BIOLOGI, ecc. – continuano a credere che la malattia possa essere guarita e che le sostanze adeguate per guarirla siano quelle conosciute per provocare la malattia se introdotte in un organismo sano.

Il vecchio aforisma espresso in latino “UBI VIRUS, IBI VIRTUS”, là dove c’è un veleno c’è una virtù, continua a dominare la mente pensante di quelli che si fanno chiamare scienziati.

L’ IDEA è che, SE UNA SOSTANZA UCCIDE PUO’ GUARIRE.

SE distrugge la salute, può restaurarla.

SE produce la debolezza, aumenterà la forza.

SE si oppone ad ogni funzione e struttura normale della vita, può restaurarle ad uno stato normale quando sono state alterate.

NESSUNA NOZIONE TANTO ASSURDA è stata mai mantenuta dallo SPIRITO UMANO.

CHE COSA SI PUO’ PENSARE di un SISTEMA EDUCATIVO che si qualifica  COLLEGIO di FARMACIA e di SCIENZA?

CHE COSA HANNO da VEDERE, la NEGROMANZIA, il VUDUISMO e la MAGIA con la SCIENZA?

BISOGNA LASCIARE il PROCESSO del RISTABILIMENTO alle SOLE FORZE della NATURA.

__________________________________________________________________________

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.