Le NOCI, il cibo simbiotico degli scoiattoli – Gudrum Dalla Via

Nel suo libro “Enzyme Nutrition”, E. HOWELL scrive che se i SEMI non sono in fase di GERMINAZIONE non forniscono l’ENZIMA necessario alla loro digestione.

L’ ARTE DEL CRUDO”,

Gudrum Dalla Via 

<<Se un seme germoglia e fa nascere una piantina in una stagione non idonea, questa muore in poco tempo. Quindi, per la sopravvivenza della specie, serve anche la presenza di INIBITORI, sostanze capaci di inibire qualsiasi attività enzimatica (o soltanto quella di ENZIMI specifici). Questo meccanismo deve essere reversibile, cioè, in presenza delle condizioni favorevoli per la specie, gli enzimi devono poter rientrare in attività.

L’insegnamento degli SCOIATTOLI risulta prezioso.

Questi piccoli roditori raramente mangiano le noci e le nocciole appena colte o cadute dall’albero.

Le sotterrano accuratamente e le ritrovano dopo un certo periodo (quelle dimenticate possono dare vita ad un nuovo albero e questo è un ingegnoso sistema della natura per assicurare il diffondersi di alcune specie).

Lo scoiattolo non fa questo accantonamento solo per il periodo invernale, cioè per costruire delle scorte, ma anche durante il periodo estivo.

Quando consuma il seme oleoso, esso è ormai in fase di germinazione o pre-germinazione, ricchissimo di enzimi, preziosi per lo scoiattolo come per noi. 

CHI FACESSE GRANDE USO di SEMI CRUDI nella SUA ALIMENTAZIONE farà bene a farli germinare, fosse anche solo per alcune ore.”

 

———————————————————————————————————

Cibomed Salute

MODERARE SEMI – ALIMENTAZIONE – SALUTE

I SEMI sono embrioni di pianta con funzione biologica riproduttiva non nutritiva, presentano fitotossine e inibitori di nutrienti (acido cianidrico, alcaloidi, glicosidi, tannini, saponine, fitati, ecc…), spariscono una volta germogliati.
La pianta “madre” difende i suoi semi “figli” riempiendoli dei peggiori veleni esistenti in natura, così da scoraggiare gli animali a mangiarli.
Senza queste difese le piante rischierebbero l’estinzione e di conseguenza anche tutti gli altri esseri viventi (la natura non fa mai nulla a caso).
I PESTICIDI NATURALI delle piante (“armi” chimiche di difesa, a scopo di sopravvivenza) sono in quantità maggiori e più dannosi per la salute rispetto addirittura ai pesticidi sintetici.

Per esempio della FRUTTA SECCA (in realtà si chiamano semi oleosi) noi mangiamo il seme non il frutto (mallo esterno, alimento per roditori).
Lo scoiattolo infatti ha una dentatura scalprodonte adatta a mangiare la dura ghianda.

La pianta con i propri frutti nutre l’animale, quest’ultimo in cambio le sparge i semi (se cadessero perpendicolarmente soffocherebbero pianta madre e piante figlie).
Relazione simbiotica fra vegetali e animali.
————————————————————————————————

CIBOMED CONSIGLIA di non eccedere nel consumo di semi e in caso prima di mangiarli attuare quegli accorgimenti che aiutano a inibire parte di queste sostanze dannose.

Importante anche tenere a mente che i semi hanno un alto contenuto di grassi, proteine e un basso contenuto di acqua organica.
Il nostro organismo al contrario ha un basso fabbisogno lipidico, proteico e un alto fabbisogno idrico organico (siamo fatti prevalentemente di acqua).
Più ci allontaniamo dai nostri fisiologici fabbisogni nutrizionali e più andiamo incontro a problemi di salute.
Nutrienti come omega 3, amminoacidi (per costruire le proteine), vitamine, minerali, ecc, si possono prendere da altri vegetali per noi più salutari (biochimica e qualità-quantità-proporzioni più compatibili alla fisiologia dell’organismo-metabolismo umano).

————————————————————————————————

DISINFORMAZIONE – SPECULAZIONE

Se le informazioni nutrizionali mediche e dei media fossero state tutte scientificamente corrette oggi gli studi medici e gli ospedali non sarebbero strapieni di persone con problemi di salute.

Buona parte della formazione e delle informazioni riguardanti la nutrizione sono manipolate dal settore alimentare (vendendo di più guadagnano di più) e dal settore medico-farmaceutico (un’alimentazione scorretta causa tanti problemi di salute e di conseguenza genera tanti pazienti-clienti).

Quando una pubblicazione non combacia con la scienza, logica e natura è da ritenersi assolutamente inattendibile.
Incrociando gli studi dei vari rami scientifici si riescono a individuare le verità e le falsità.