QUERELA contro governo ed altri per procurato allarme, danneggiamenti etc, priva dei dati da compilare e completare coi dati del denunciante – Come far partire la Denuncia – Resistenza Italiana 2020 – marzo 2020

Resistenza Italiana 2020🇮🇹, [19 Mar 2020 alle 21:34]
COME FAR PARTIRE LA DENUNCIA :
la potete fare via PEC, all’indirizzo della Procura della Repubblica riportato, ma dovrete aspettare, in questo caso, che un Carabiniere o Poliziotto, venga a casa vostra, nell’indirizzo da voi segnalato, ad accertare le vostre generalità’ rispetto ai dati forniti, e presentare un Documento per il riconoscimento.
In alternativa, potete stamparla in TRIPLICE COPIA,
compilarla, firmarla e presentarvi, di persona, presso una caserma dei CARABINIERI o QUESTURA di POLIZIA o POLIZIA MUNICIPALE.
In ultima opzione, potrete
spedirla via POSTALE, con una RACCOMANDATA, e con RICEVUTA DI RITORNO, CON UNA BUSTA CONTENENTE 2 COPIE DELLA DENUNCIA, aggiungendo fotocopia di un vostro documento con le vostre generalita’, con tutti i vostri dati, e riferimenti, e in OGNI FOGLIO, quindi NON SOLO ALLA FINE della DENUNCIA/QUERELA, ma su TUTTI I FOGLI RIGUARDANTI LA DENUNCIA STESSA, UNA VOSTRA FIRMA con data.
Poi, appena vi ritornerà’ a casa LA RICEVUTA CHE AUTENTICA LA RICEZIONE DA PARTE DELLA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI COMPETENZA, rispetto alla PROVINCIA PIÙ’ VICINA ALLA VOSTRA RESIDENZA(Che ognuno di voi dovrà’ autonomamente cercare per se, vivendo ognuno di voi in varie provincie e città d’Italia), quella Ricevuta che vi sarà ARRIVATA e RECAPITATA, ALLEGATELA ALLA COPIA A VOI RIMASTA, rappresenterà di fatto l’UFFICIALITÁ della vostra denuncia.
Continuiamo….✌🇮🇹👊
Andrea Libero Gioia
https://t.me/ResistenzaItaliana2020/201

 

———————————————————————————————————

Alla Procura della Repubblica di Roma

Denuncia/Querela contro il Presidente della Repubblica, il Presidente del Consiglio dei Ministri, testate giornalistiche, radiofoniche e televisive ed altri per false comunicazioni, abuso della credulità popolare, procurato allarme ed altro.

CONTRO :

  1. 1)  Il Presidente della Repubblica, Prof. Sergio Mattarella;
  2. 2)  Primo Ministro, Prof. Giuseppe Conte;
  3. 3)  Il Ministro della Sanità, Dr

4)

5) 6) 7) 8) 9) 10) 11) 12) 13) 14)

  1. 15)  Il Direttore della Radio Televisione Italiana, Dr.Marcello Foa
  2. 16)  I Direttori dei tre TG nazionali, delle Reti Mediaset e de La Sette
  3. 17)  Tutti gli altri responsabili coinvolti nei fatti qui descritti che si ravvisassero nel corso

delle indagini.

Per le ipotesi dei reati p. e p. dagli articoli:

  1. 1)  Attentati contro i diritti politici del cittadino. (art. 294 c.p.);
  2. 2)  Abuso d’ufficio (art. 323 c.p.);
  3. 3)  Interruzione di un servizio pubblico o di pubblica necessità (art. 331c.p.);
  4. 4)  rt. 414 c.p.);
  5. 5)  rt. 421 c.p.);

6)
7) c.p.); 8)
9)

  1. 10)  Diffamazione di Istituzioni di Stato estero (Art. 595 c.p.);
  2. 11)  Danno erariale
  3. 12)  Pubbblicazioe o diffusione di notizie false, esagerate o tendenziose, atte a turbare
  4. 13)  Procurato allarme presso l’autorità. (Art. 658 cp).
  5. 14)  Abuso della credulità popolare (art. 661 c.p.);
  6. 15)  Ed eventuali altre fattispecie di reato che venissero rilevate nel corso delle indaginiIL FATTO

6 ed 11 marzo 2020: con due decreti a distanza di pochi giorni il Presidente del Consiglio, Prof. Giuseppe Conte annuncia l’inasprimento per le norme contro il diffondersi del “contagio del

Roberto Speranza;

Il capo della Protezione Civile: Dr. Angelo Borrelli;

Il capo della Croce Rossa Italiana Dr. Francesco Rocca;

Il Ministro dell’Economia e Finanze, Dr Roberto Gualtieri;

Il Ministro di Grazia e giustizia, Dr Alfonso Bonafede;

Il Presidente della Regione Veneto, Dr Luca Zaia;

Il Presidente della Regione Lombardia, Dr Attilio Fontana;

I Sindaci dei Comuni interessati alle violazioni qui denunciate;

I Prefetti delle Province interessate dalla sospensione dei diritti costituzionali;

Il Capo della Polizia, Dr Franco Gabrielli;

Il Capo della Protezione civile, Dr Borrelli

Direttori responsabili delle principali testate giornalistiche e televisive:

Istigazione a delinquere (a

page1image16865856

Pubblica intimidazione (a

page1image16866048

Falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici (art. 476 c.p.);

page1image16866240

Falsità materiale commessa da pubb. Uff. in certificati o autoriz.amministr. (art. 477

page1image16866432

Falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici (art. 479 c.p.);

page1image16866624

Falsità ideologica commessa dal pubb. Uff. in certificati o in autoriz. Ammin. (art.

page1image16866816

480c.p.);

page1image16867008

l’ordine

1

coronavirus”. Tutta l’Italia è definita “zona protetta”. Di conseguenza sono consentiti gli spostamenti solo per motivi inderogabili di lavoro e di salute e sono vietati gli assembramenti. Le attività commerciali, esclusi i negozi e supermercati di alimentari, le tabaccherie e le edicole, devono restare chiusi. Chiunque viene colto in violazione del decreto, è denunciato alle autorità e rischia ammende ed anche il carcere.

I DATI INCONTROVERTIBILI

Coronavirus: Iss, in Italia i decessi accertati finora per causa del Covid-19 sono solo due

Conferenza stampa del 13 marzo 2020 – Roma (dal minuto 10:38 – https://youtu.be/vR5- 01ZjYmM?t=638) – “Le persone morte a causa del coronavirus in Italia, che non presentavano altre patologie, potrebbero essere solo due. E’ quanto risulta dalle cartelle cliniche finora esaminate dall’Istituto superiore di sanità”. E’ quanto riferito dal Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, nel corso della conferenza stampa tenuta presso la Protezione civile a Roma. “I pazienti deceduti positivi hanno una media di oltre 80 anni – 80,3 per l’esattezza – e sostanzialmente sono prevalentemente maschi”, ha aggiunto Brusaferro. “Le donne sono il 25,8 per cento. L’età media dei deceduti è significativamente più alta rispetto agli altri positivi. Le fasce d’età superiori ai 70 anni, con un picco tra gli 80 e gli 89 anni. La maggioranza di queste persone è portatrice di patologie croniche. Soltanto due persone non sono risultate al momento portatrici di patologie”, ma anche in questi due casi, l’esame delle cartelle non è concluso e potrebbero, dunque emergere cause di morte diverse dal Covid-19. Il presidente dell’Iss ha precisato che, alla data del 13 marzo 2020, dagli ospedali di tutta Italia sono pervenute “poco più di cento cartelle cliniche”.

Sono i primi dati un minimo dettagliati forniti finora dalla Protezione civile sulle cause di morte dei pazienti affetti da coronavirus. Allo stato attuale, infatti, le autorità non sono in grado di distinguere coloro i quali sono morti a causa del virus, da quelli che, invece, vengono quotidianamente comunicati all’opinione pubblica, ma che erano in massima parte portatori di altre gravi patologie e che, quindi, non sarebbero deceduti a causa del Covid- 19. Rispondendo a una domanda di “Agenzia Nova”, infatti, Brusaferro non ha saputo indicare il numero esatto dei decessi da coronavirus. Il professore ha inoltre chiarito che, in base ai dati analizzati, la grande maggioranza delle vittime “avevano serie patologie e in alcuni casi l’insorgenza di un’infezione delle vie respiratorie può portare più facilmente a un decesso. Per far chiarezza su questo punto, e fornire dati reali, “man mano che acquisiremo le cartelle andremo ad approfondire ulteriormente. Comunque le popolazioni più a rischio sono quelle fragili, portatrici di più patologie”.

CORONAVIRUS 2019: non esiste un test per la diagnosi! Numero molto alto di falsi positivi dalla Real-Time PCR

Department of Epidemiology and Biostatistics, School of Public Health, Xi’an Jiaotong University Health Science Center, Xi’an 710061, China.

Dalla Cina arrivano primi dati a livello globale sull’affidabilità dello screening per CORONAVIRUS 2019: L’80,33% dei positivi alla Real- Time PCR sono falsi positivi.

5 marzo 2020: dalla “democratica” Cina, arrivano gli unici risultati al mondo, sul tasso di falsi positivi risultanti dall’indagine attiva sui cosiddetti “contagiati” dal virus. In Italia si parla di portatori sani e/o di contagiati come di pericolosi untori da circoscrivere in “zone rosse” di quarantena. Di questi, tuttavia, l’80,33% sono falsi positivi.

page2image16956800 page2image16955264

2

La PCR che ricerca l’RNA del virus non è affidabile: solo il 19,67% dei cosiddetti “contagiati”, meglio definibili come, “individui infetti asintomatici” alberga veramente l’RNA virale ed in quantità, peraltro, più che minima. Una diagnosi di certezza su questo 20% circa, a questo punto, può arrivare solo dall’isolamento del virus finora riportato solo da pochissimi dei nostri ricercatori.

Di seguito lo studio, nella parte in lingua inglese:

[Potenziale tasso di falsi positivi tra gli “individui infetti asintomatici” in stretti contatti di pazienti COVID-19].

Abstract:

Obiettivo: Mentre la prevenzione ed il controllo di COVID-19 continua a progredire, lo screening del test dell’acido nucleico positivo nei contatti ravvicinati dei pazienti è stato effettuato in molte parti della Cina. Tuttavia, la percentuale di risultati falsi positivi allo screening non è stata finora riportata. Chiarire la percentuale di falsi positivi durante lo screening è importante nel controllo e nella prevenzione di COVID-19.

Metodi:

I valori numerici e gli intervalli ragionevoli dei vari indicatori che influiscono sulla percentuale di falsi positivi sui risultati positivi (ndr, alla PCR) sono stati stimati sulla base delle informazioni a nostra disposizione al momento. La percentuale di falsi positivi di soggetti positivi nello screening attivo è stata dedotta, e sono state effettuate analisi di sensibilità univariate e multivariate per comprendere la solidità dei risultati.

Risultati:

Quando il tasso di infezione dei contatti ravvicinati e la sensibilità e la specificità dei risultati riportati sono stati presi come punti di stima, il valore predittivo positivo dello screening attivo è stato solo del 19,67%, mentre il tasso di falsi positivi dei risultati positivi è stato dell’80,33%. I risultati dell’analisi di sensibilità multivariata-probabilistica hanno supportato i risultati del base-case, con una probabilità del 75% per il tasso di falsi positivi superiori al 47%. Conclusioni: Nei contatti ravvicinati dei pazienti di COVID-19, quasi la metà o anche di più degli “individui infetti asintomatici” riportati nello screening del test dell’acido nucleico positivo potrebbero essere falsi positivi.

Il lavoro mostra chiaramente due cose:

a) Il 20% di veri positivi su cento positivi alla PCR ridimensiona in modo drastico l’entità dell’epidemia portata avanti da OMS-CDC;

b) Ancora più importante: non esiste la propagandata rapida e temibile diffusione del virus che, peraltro, non dà problemi quod vitam in circa il 95% delle persone sintomatiche.

Link dello studio Pubmed:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/32133832

Coronavirus e 5G: esiste una correlazione? Lo studio a firma dei Dottori P.R.Doyon e O.Johansson lo conferma

Mentre un buon numero di studi ha dimostrato che i moderni campi elettromagnetici ambientali creati dall’uomo possono avere sia effetti stimolatori che inibitori sulla funzione del sistema immunitario, i meccanismi precisi devono ancora essere completamente chiariti. Si

page3image16842112 page3image16842304

3

ipotizza qui che, a seconda dei parametri, uno dei mezzi con cui l’esposizione a lungo termine del campo elettromagnetico abbia il potenziale per condurre alla fine all’immunosoppressione è attraverso l’inibizione a valle dell’enzima calcineurina – una fosfatasi proteica, che attiva le cellule T del sistema immunitario e può essere bloccato da agenti farmaceutici.

La calcineurina è il bersaglio di una classe di farmaci chiamati inibitori della calcineurina (ad es. Ciclosporina , pimecrolimus e tacrolimus). Quando i destinatari del trapianto di organi assumono tali prodotti farmaceutici per prevenire o sopprimere il rigetto del trapianto di organi, uno dei principali effetti collaterali è l’immunosoppressione che porta ad un aumentato rischio di infezione opportunistica : p. Es., Fungina, virale (virus di Epstein-Barr, citomegalovirus), batterica atipica (Nocardia, Infezioni da listeria , micobatteri, micoplasma) e parassiti (ad es. Toxoplasmosi).

Electromagnetic fields may act via calcineurin inhibition to suppress immunity, thereby increasing risk for opportunistic infection: Conceivable mechanisms of action

Author links open overlay panel P.R.Doyon and O.Johansson

Doyon Independent Research, 1428 7th Ave., Santa Cruz, CA 95062, United States

The Experimental Dermatology Unit, Department of Neuroscience, Karolinska Institute, 171 77 Stockholm, Sweden – Received 15 February 2017, Accepted 30 June 2017, Available online 3 July 2017.

Qui lo studio: https://doi.org/10.1016/j.mehy.2017.06.028
DI SEGUITO L’ESTRATTO DELLO STUDIO JOHANSSON-DOYON PUBBLICATO NEL 2017: Abstract

While a good number of studies have demonstrated that modern, man-made ambient electromagnetic fields can have both stimulatory and inhibitory effect on immune system function, the precise mechanisms have yet to be completely elucidated. It is hypothesized here that, depending on the parameters, one of the means by which long-term electromagnetic field exposure has the potential to eventually lead to immunosuppression is via downstream inhibition of the enzyme calcineurin — a protein phosphatase, which activates the T-cells of the immune system and can be blocked by pharmaceutical agents.

Calcineurin is the target of a class of pharmaceuticals called calcineurin inhibitors (e.g., cyclosporine, pimecrolimus and tacrolimus). When organ transplant recipients take such pharmaceuticals to prevent or suppress organ transplant rejection, one of the major side effects is immunosuppression leading to increased risk of opportunistic infection: e.g., fungal, viral (Epstein-Barr virus, cytomegalovirus), atypical bacterial (Nocardia, Listeria, mycobacterial, mycoplasma), and parasitic (e.g., toxoplasmosis) infections.

Frequent anecdotal reports, as well as a number of scientific studies, have shown that electromagnetic field exposures may indeed produce the same effect: a weakened immune system leading to an increase in the same or similar opportunistic infections: i.e., fungal, viral, atypical bacterial, and parasitic infections.

Furthermore, numerous research studies have shown that man-made electromagnetic fields have the potential to open voltage-gated calcium channels, which can in turn produce a pathological increase of intracellular calcium, leading downstream to the pathological production of a series of reactive oxygen species. Finally, there are a number of research studies demonstrating the inhibition of calcineurin by a pathological production of reactive oxygen species.

page4image17289152

4

Hence, it is hypothesized here that exposures to electromagnetic fields have the potential to inhibit immune system response by means of an eventual pathological increase in the influx of calcium into the cytoplasm of the cell, which induces a pathological production of reactive oxygen species, which in turn can have an inhibitory effect on calcineurin. Calcineurin inhibition leads to immunosuppression, which in turn leads to a weakened immune system and an increase in opportunistic infection.

Graphical abstract

Scaricare al seguente link l’immagine ad alta risoluzione: https://ars.els- cdn.com/content/image/1-s2.0-S0306987717301718-fx1_lrg.jpg

TRADUZIONE:

Mentre un buon numero di studi ha dimostrato che i moderni campi elettromagnetici ambientali creati dall’uomo possono avere sia effetti stimolatori che inibitori sulla funzione del sistema immunitario, i meccanismi precisi devono ancora essere completamente chiariti. Si ipotizza qui che, a seconda dei parametri, uno dei mezzi con cui l’esposizione a lungo termine del campo elettromagnetico abbia il potenziale per condurre alla fine all’immunosoppressione è attraverso l’inibizione a valle dell’enzima calcineurina – una fosfatasi proteica, che attiva le cellule T del sistema immunitario e può essere bloccato da agenti farmaceutici.

La calcineurina è il bersaglio di una classe di farmaci chiamati inibitori della calcineurina (ad esempio ciclosporina, pimecrolimus e tacrolimus). Quando i destinatari del trapianto di organi assumono tali prodotti farmaceutici per prevenire o sopprimere il rigetto del trapianto di organi, uno dei principali effetti collaterali è l’immunosoppressione che porta ad un aumentato rischio di infezione opportunistica: ad esempio, fungina, virale (virus di Epstein-Barr, citomegalovirus), batterica atipica (Nocardia, Infezioni da listeria, micobatteri, micoplasma) e parassiti (ad es. Toxoplasmosi).

Frequenti rapporti aneddotici, nonché una serie di studi scientifici, hanno dimostrato che le esposizioni al campo elettromagnetico possono effettivamente produrre lo stesso effetto: un sistema immunitario indebolito che porta ad un aumento delle stesse o opportune infezioni opportunistiche: cioè fungine, virali, batteriche atipiche e infezioni parassitarie.

Inoltre, numerosi studi di ricerca hanno dimostrato che i campi elettromagnetici artificiali hanno il potenziale per aprire canali di calcio dipendenti dalla tensione, che a loro volta possono produrre un aumento patologico del calcio intracellulare, portando a valle alla produzione patologica di una serie di specie reattive dell’ossigeno. Infine, ci sono una serie di studi di ricerca che dimostrano l’inibizione della calcineurina da parte di una produzione patologica di specie reattive dell’ossigeno.

Quindi, si ipotizza qui che le esposizioni ai campi elettromagnetici abbiano il potenziale di inibire la risposta del sistema immunitario mediante un eventuale aumento patologico nell’afflusso di calcio nel citoplasma della cellula, che induce una produzione patologica di specie reattive dell’ossigeno, che in talune circostanze può avere un effetto inibitorio sulla calcineurina. L’inibizione della calcineurina porta all’immunosoppressione, che a sua volta porta a un sistema immunitario indebolito e ad un aumento dell’infezione opportunistica.

Increased Risk of Noninfluenza Respiratory Virus Infections Associated With Receipt of Inactivated Influenza Vaccine

Randomized Controlled Trial Clin Infect Dis, 54 (12), 1778-83 Jun 2012

page5image16800512 page5image17246336

5

Benjamin J Cowling 1, Vicky J Fang, Hiroshi Nishiura, Kwok-Hung Chan, Sophia Ng, Dennis K M Ip, Susan S Chiu, Gabriel M Leung, J S Malik Peiris

Affiliations expand
PMID: 22423139 PMCID: PMC3404712 DOI: 10.1093/cid/cis307

Abstract

We randomized 115 children to trivalent inactivated influenza vaccine (TIV) or placebo. Over the following 9 months, TIV recipients had an increased risk of virologically-confirmed non- influenza infections (relative risk: 4.40; 95% confidence interval: 1.31-14.8). Being protected against influenza, TIV recipients may lack temporary non-specific immunity that protected against other respiratory viruses.

Qui lo studio: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22423139-increased-risk-of-noninfluenza- respiratory-virus-infections-associated-with-receipt-of-inactivated-influenza- vaccine/?fbclid=IwAR3eg0OIxmorn0z-63oQlRsOKLf8E5xJrn6qd9tdoTwqW5Bs4EbtjQSe1to

Traduzione:

Abbiamo randomizzato 115 bambini a vaccino antinfluenzale inattivato trivalente (TIV) o placebo. Nei successivi 9 mesi, i destinatari della TIV avevano un aumentato rischio di infezioni non influenzali confermate virologicamente (rischio relativo: 4,40; intervallo di confidenza al 95%: 1,31-14,8). Essendo protetti contro l’influenza, i destinatari della TIV potrebbero non avere un’immunità temporanea non specifica che proteggeva da altri virus respiratori.

Influenza Vaccination and Respiratory Virus Interference Among Department of Defense Personnel During the 2017- 2018 Influenza Season

Greg G Wolff 1
Affiliations expand
PMID: 31607599 DOI: 10.1016/j.vaccine.2019.10.005

Abstract

Purpose: Receiving influenza vaccination may increase the risk of other respiratory viruses, a phenomenon known as virus interference. Test-negative study designs are often utilized to calculate influenza vaccine effectiveness. The virus interference phenomenon goes against the basic assumption of the test-negative vaccine effectiveness study that vaccination does not change the risk of infection with other respiratory illness, thus potentially biasing vaccine effectiveness results in the positive direction. This study aimed to investigate virus interference by comparing respiratory virus status among Department of Defense personnel based on their influenza vaccination status. Furthermore, individual respiratory viruses and their association with influenza vaccination were examined.

Results: We compared vaccination status of 2880 people with non-influenza respiratory viruses to 3240 people with pan-negative results. Comparing vaccinated to non-vaccinated patients, the adjusted odds ratio for non-flu viruses was 0.97 (95% confidence interval (CI): 0.86, 1.09; p = 0.60). Additionally, the vaccination status of 3349 cases of influenza were compared to three different control groups: all controls (N = 6120), non-influenza positive controls (N = 2880), and pan-negative controls (N = 3240). The adjusted ORs for the comparisons among the three control groups did not vary much (range: 0.46-0.51).

Conclusions: Receipt of influenza vaccination was not associated with virus interference among our population. Examining virus interference by specific respiratory viruses showed mixed results. Vaccine derived virus interference was significantly associated with

page6image17282368 page6image17282560page6image17282752

6

coronavirus. and human metapneumovirus; however, significant protection with vaccination was associated not only with most influenza viruses, but also parainfluenza, RSV, and non- influenza virus coinfections.

Keywords: Department of Defense; Influenza vaccine; Respiratory illness; Virus interference.

Published by Elsevier Ltd. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31607599-influenza-vaccination- and-respiratory-virus-interference-among-department-of-defense-personnel-during-the-2017- 2018-influenza- season/?fbclid=IwAR0saFps8YG60Am_zQGtQ_uyJ1F0UQ0zm2LwrTqaMSOjp5XGm014AgDWPsE

Si è passati dai 18.668 decessi del 2003 a 49.301 del 2016. L’Italia conta il 30% di tutte le morti per sepsi nei 28 Paesi Ue. Il dato emerge dal Rapporto Osservasalute 2018, presentato a Roma. “C’è una strage in corso, migliaia di persone muoiono ogni giorno per infezioni ospedaliere, ma il fenomeno viene sottovalutato. “Si è diffusa l’idea che si tratti di un fatto ineluttabile”, ha dichiarato Walter Ricciardi, Direttore dell’Osservatorio nazionale sulla salute.

Fonte: http://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/sanita/2019/05/15/allarme-rosso- infezioni-ospedaliere-49-mila-morti-lanno_41a0e9c5-8f5d-4373-acda-4f46014f9dd0.html

CONCLUSIONE

L’ESECUTIVO, RICORRENDO AD UNA DECRETAZIONE D’URGENZA, HA DE FACTO E DE IURE RIDOTTO LE LIBERTA’ INDIVIDUALI SULLA BASE DI UNA MISTIFICAZIONE ED ESAGERAZIONE DEI FATTI, stabilendo altresì norme che recano grave nocumento all’economia. Il Governo e gli altri organismi preposti alla tutela delle salute hanno misconosciuto ed ignorato le vere cause alla base di episodi para-influenzali con conseguenti patologie connesse (verbigrazia, polmoniti). Sono eziologie che vanno ricercate altrove (cfr supra). Rebus sic stantibus, non si giustificano in alcun modo le misure decise, in quanto, oltre che incostituzionali, sono basate sulla dichiarazione di INGIUSTIFICATA pandemia che tale non risulta essere per i motivi illustrati e provati tramite irrefragabile documentazione medico- scientifica (cfr supra).

P. Q. M. SI CHIEDE

1) di voler procedere con gli atti di competenza in ordine alla configurazione della fattispecie di attentato contro la Costituzione dello Stato, rimettendosi alle valutazioni delle autorità competenti anche in ordine ai gravissimi reati sopra delineati;

2) di procedere per la penale punizione dei colpevoli al fine di impedire la continuazione dei reati ravvisati e di altri ravvisabili;

3) di provvedere affinché sia riconosciuto il risarcimento degli ingenti danni causati allo Stato ed ai Cittadini, a seguito della violazione dei diritti costituzionali, civili, sociali in generale e dei diritti economici sottratti allo Stato ed ai Cittadini.

page7image17251328page7image17251712 page7image17251904page7image17203200page7image17203392

Allarme rosso per la mortalità causata dalle infezioni

page7image17203584

batteriche ospedaliere

page7image17203776page7image17203968

7

Ricordiamo, sottolineiamo ed enfatizziamo ad uso di chi ci legge rammentando l’obbligatorietà dell’azione penale (art.112 Costituzione) in caso di evidenti violazioni di legge e l’altrettanto obbligatorio arresto in caso di flagranza di reato. Ricordiamo altresì il giuramento prestato nei confronti della Legge, delle Istituzioni, della Repubblica, dello Stato e dei Cittadini italiani tutti, a cui l’operato di questo Giudice si deve uniformare e deve rispondere.

Ci si riserva inoltre di costituirsi parte civile nell’instaurando procedimento penale.

Si domanda altresì di essere informati circa un’eventuale richiesta di archiviazione (ex art. 408 comma II C.P.P.) da parte del Pubblico Ministero. (La persona offesa dal reato se ha chiesto di essere avvertita (nella notizia di reato o successivamente alla sua presentazione ha diritto a ricevere avviso della richiesta di archiviazione ed entro 10 giorni dalla notificazione può proporre opposizione presentando a pena di inammissibilità della domanda l’oggetto dell’investigazione suppletiva e i relativi elementi di prova).

Si fa istanza infine di essere avvisati in caso di proroga del termine delle indagini preliminari, ex art. 405 c.p.p. e di essere sentiti personalmente.

Si porgono gli ossequi. In fede.

……………………………………………………………..

………………………….., li ………………….. 2020

8

 

Nome cognome Indirizzo Telefoo MOBILE E-MAIL :

ROMA, data /2020

Al Comando stazione dei Carabinieri ;
Alla Procura Della Repubblica Competente ; Alla Presidenza della Repubblica ;

Al Consiglio Superiore della Magistratura; Alla Corte dei Conti;

All’Autorità AGCOM ; E, p.c. Ad Altri.

Querela/denuncia contro il Presidente della Repubblica, il Presidente del Consiglio dei Ministri, testate giornalistiche, radiofoniche e televisive ed altri per false comunicazioni, abuso della credulità popolare, procurato allarme ed altro.

CONTRO :

  1. 1)  Il Presidente della Repubblica Dr. Sergio Mattarella;
  2. 2)  Primo Ministro Dr. Giuseppe Conte;
  3. 3)  Il Ministro della Sanità Dr.

4)

5)
6)
7)
8)
9)
10)
11)
12) E quant’altri coinvolti nei fatti qui descritti che si ravvisassero nel corso delle indagini.

Per le ipotesi dei reati p. e p. dagli articoli:

  1. 1)  Attentati contro i diritti politici del cittadino. (art. 294 c.p.);
  2. 2)  Abuso di ufficio (art. 323 c.p.);
  3. 3)  Interruzione di un servizio pubblico o di pubblica necessità (art. 331c.p.);
  4. 4)  rt. 414 c.p.);
  5. 5)  rt. 421 c.p.);

6) 7) 8) 9)

  1. 10)  Diffamazione di Istituzioni di Stato estero (Art. 595 c.p.);
  2. 11)  Danno erariale
  3. 12)  Pubbblicazioe o diffusione di notizie false, esagerate o tendenziose, atte a turbare l’ordine
  4. 13)  Procurato allarme presso l’autorità. Art. 658.
  5. 14)  Abuso della credulità popolare (art.661 c.p.);
  6. 15)  Ed eventuali altre fattispecie di reato che venissero rilevate nel corso delle indagini.-

Roberto Speranza;

Il Ministro dell’Economia e Finanze Dr. Roberto Gualtieri;

IlMinistro Guardasiggilli Dr. Alfonso Bonafede;

Il Presidente della Regione Veneto Dr. Luca Zaia;

Il Presidente della Regione Lombardia Dr. Attilio Fontana;

I Sindaci dei Comuni interessati alle violazioni qui denunciate;

I Prefetti delle Province interessate dalla sospensione dei diritti costituzionali;

Il Capo della Polizia Dr. Franco Gabrielli;

Direttori responsabili delle principali testate giornalistiche , radiofoniche, televisive:

Istigazione a delinquere (a

Pubblica intimidazione (a

Falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici (art. 476 c.p.);

Falsità materiale commessa da pubb. Uff. in certificati o autoriz.amministr. (art. 477 c.p.);

Falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici (art. 479 c.p.);

Falsità ideologica commessa dal pubb. Uff. in certificati o in autoriz. Ammin. (art. 480c.p.);

1

Nome cognome Indirizzo Telefoo MOBILE E-MAIL :

TEMPO DI COMMISSIONE : Reati in corso di esecuzione;
LUOGO DI COMMISSIONE : Territorio nazionale
PERSONE OFFESE: i Cittadini e Repubblica italiana, ed alcune sigle sindacali e

professionali dei Medici e sanitari in generale

PREMESSA
DEFINIZIONE DEL TERMINE “EPIDEMIA”…. ENCICLOPEDIA TRECCANI:

page2image16858304

vasto ….

un gran numero di persone

Manifestazione collettiva d’una

malattia (colera, influenza ecc.), che rapidamente si diffonde fino a

page2image17240384

colpire

in un territorio più o meno

page2image17240192 page2image17238464

WIKIPEDIA : Si definisce epidemia (dal greco ἐπί + δήμος, lett.: sopra il popolo, sopra le persone) il diffondersi di una malattia, in genere una malattia infettiva, che colpisce quasi

simultaneamente una collettività di individui, ovvero una data popolazione umana, con una ben delimitata diffusione nello spazio e nel tempo, avente la stessa origine.
Poiché, in una data popolazione, ogni anno, è atteso il verificarsi di un certo numero di eventi

page2image17246336

morbosi,

un’epidemia comporta un numero di casi in

eccesso rispetto ai valori attesi per quella determinata comunità, e sulla base

page2image17251328

delle esperienze e del numero di casi storici di morbosità

[1]

.

page2image17239232

LA REPUBBLICA : Manifestazione di malattia infettiva
tempo e in uno stesso luogo: e. d’influenza, di vaiolo, di colera…

che colpisce un

page2image17237312

numero generalmente assai grande di persone

, nel medesimo

page2image17237888

IL FATTO

https://www.repubblica.it/cronaca/2020/02/24/news/coronavirus_149_i_casi_confermati_c onte_i_contagi_possono_crescere_-249427098/

Coronavirus, sei vittime, 229 contagi. Sette regioni coinvolte, 27 milioni di italiani

L’ultima vittima è un 80enne morto a Milano. In nottata morto un 84enne a Bergamo e questa mattina un 88enne di Caselle Landi. Non è invece

page2image17241536 page2image17249984

deceduta per coronavirus, come si credeva in un primo momento, una paziente oncologica a Brescia: tutti avevano patologie pregresse. A Vo’ individuato un uomo che potrebbe essere collegamento con Codogno. Domani Oms e Ecdc in missione congiunta in Italia

2

Nome cognome Indirizzo Telefoo MOBILE E-MAIL :

https://www.corriere.it/cronache/20_febbraio_24/coronavirus-italia-ultime-notizie-oggi- nord-23035e06-56ce-11ea-b89d-a5ca249e9e1e.shtml

page3image16862784 page3image16860672

L’epidemia di coronavirus (Covid-19) è scoppiata in Cina alla fine del 2019 e da lì si è diffusa in 28 Stati. L’Italia è il terzo Paese al mondo per numero di contagi, dopo la Cina (oltre 77 mila) e la Corea del Sud (763): in base all’ultimo bollettino, sono 219 i casi accertati nel nostro Paese (contando anche i decessi e chi era malato ma è poi guarito). Sette persone che avevano contratto il virus sono morte (qui il nostro approfondimento sulle vittime). Le misure attivate dalle autorità locali per contenere l’epidemia coinvolgono oltre 50 mila persone: i comuni in quarantena sono undici, in Lombardia è in vigore un provvedimento che prevede, tra le altre cose, la chiusura delle scuole (qui i dettagli sulle misure prese in ogni regione, qui la nostra guida al coprifuoco al Nord Italia).

A seguito di informazioni pervenute dalla Cina … In assenza totale di

page3image16799168 page3image16799360 page3image16801856 page3image16801472 page3image16802432 page3image16805312

qualunque reale e concreta motivazione emergenziale … il Governo ha

partorito questi demenziali provvedimenti….

Ecco il colpo di genio dei nostri governanti il d.l. n. 6 del 23/02/2020.

Nella serata di sabato 22 il Consiglio dei Ministri ha approvato un decreto-legge che introduce misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID- 2019, prontamente firmato dal Presidente della Repubblica. Il decreto interviene in modo organico, nell’attuale situazione di emergenza sanitaria internazionale dichiarata dall’OMS (Organizzazione mondiale della sanità), nella finalità di prevenire e contrastare l’ulteriore trasmissione del coronavirus. (MA QUALE DIFFUSIONE???)

Ampi poteri alle autorità competenti nelle zone focolaio

Il decreto prevede, tra l’altro, che nei comuni o nelle aree nei quali risulta positiva almeno una persona per la quale non si conosce la fonte di trasmissione, … omissis …

Le misure di contenimento

Si introduce la facoltà, per le autorità competenti, di adottare aggiuntive misure di contenimento, al fine di prevenire la diffusione del virus anche fuori da quelle già elencate:
 il divieto di allontanamento,

page3image16807424

  •   il divieto di accesso al Comune o all’area interessata;
  •   la sospensione di manifestazioni, eventi e di ogni forma di riunione in luogo pubblico oprivato;
  •   la sospensione dei servizi educativi dell’infanzia e delle scuole e dei viaggi di istruzione;
  •   la sospensione dell’apertura al pubblico dei musei;
  •   la sospensione delle procedure concorsuali e delle attività degli uffici pubblici, fatta salval’erogazione dei servizi essenziali e di pubblica utilità;
  •   l’applicazione della quarantena con sorveglianza attiva a chi ha avuto contatti stretti conpersone affette dal virus,
  •   l’obbligo per chi fatto ingresso in Italia da zone a rischio epidemiologico di comunicarlo alDipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente, per l’adozione dellamisura di permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva;
  •   la sospensione dell’attività lavorativa per alcune tipologie di impresa e la chiusura di

alcune tipologie di attività commerciale;

  •   la possibilità che l’accesso ai servizi pubblici essenziali e agli esercizi commerciali perl’acquisto di beni di prima necessità sia condizionato all’utilizzo di dispositivi di protezioneindividuale;
  •   la limitazione all’accesso o la sospensione dei servizi del trasporto di merci e di persone,

salvo specifiche deroghe.

3

Nome cognome Indirizzo Telefoo MOBILE E-MAIL :

L’attuazione delle misure di contenimento

E’ stato previsto che l’attuazione delle misure di contenimento sia disposta con specifici decreti

del Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro della salute, sentiti i Ministri e il Presidente della Regione competente ovvero il Presidente della Conferenza dei presidenti delle regioni, nel caso in cui gli eventi riguardino plurime regioni. Nei casi di estrema necessità ed urgenza, le stesse misure potranno essere adottate dalle autorità regionali o locali, ai sensi dell’articolo 32 della legge 23 dicembre 1978, n. 833, fino all’adozione del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri.

Arresto e ammenda per chi non rispetta le misure

Il decreto legge n. 6, ai fini sanzionatori,… omissis…

L’esecuzione delle misure

…omissis…

Le disposizioni attuative

Il decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, è corredato dal , …. omissis …

L’ordinanza del capo della polizia

Il capo della Polizia ha emanato un’ordinanza, inviata ai prefetti delle zone di competenza interessate, che prevede il presidio di 35 varchi nel lodigiano ed 8 quelli nel padovano, nella finalità di disegnare una “cinta”, intorno all’area focolaio … omissis …

L’ordinanza del ministero della Salute e del presidente della Regione Veneto

Sempre nel corso del 23 febbraio, il Ministero della Salute, d’intesa con il presidente della Regione Veneto, ha adottato, con un’ordinanza contingibile ed urgente … omissis …

  •   sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsivoglia natura, di eventi in luogo pubblico o privato, sia in luoghi chiusi che aperti al pubblico, pure di natura culturale, ludica, sportiva, religiosa, discoteche e locali notturni,
  •   chiusura degli asili e delle scuole di ogni ordine e grado nonché delle attività scolastiche e di formazione superiore, corsi professionali, master, corsi per le professioni sanitarie e università per anziani, ad esclusione dei medici in formazione specialistica e tirocinanti delle professioni sanitarie, salvo le attività formative e-learning e fad,
  •   sospensione dei servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura,

DPCM recante identica data

  •   sospensione di ogni viaggio di istruzione sia sul territorio statale che estero,
  •   obbligo, per chi abbia fatto ingresso in Veneto da zone a rischio epidemiologico identificatedall’OMS, di comunicare tale circostanza al dipartimento di prevenzione della Asl competente per territorio, per l’adozione della misura di permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva,
  •   disinfezione quotidiana dei treni regionali e dell’intero trasporto pubblico locale (via terra, via aerea, via acqua).

L’ordinanza raccomanda e ribadisce l’adozione delle misure igieniche per le patologie a diffusione respiratoria:

  •   pulire spesso le mani,
  •   sottrarsi al contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute,
  •   non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani,
  •   coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce,
  •   non assumere farmaci a meno che siano stati prescritti dai sanitari,
  •   lavare le superfici con antisettici a base di cloro o alcol,
  •   impiegare la mascherina solo se si sospetta di essere malato o si assiste personeammalate,
  •   contattare il numero verde regionale 800462340 in ipotesi in cui si verifichi febbre o tosse, e

si è tornati dalla Cina da meno di 14 giorni.

4

Nome cognome Indirizzo Telefoo MOBILE E-MAIL :

Ma i più prestigiosi centri di ricerca, e quasi tutti i medici

attenti alla situazione in divenire hanno preso posizione

esattamente uguale e contraria a quella prevista dal Governo.

Ecco ad esempio qui :

https://www.agi.it/salute/news/2020-02-18/coronavirus-virologo-letalit-7120484/

page5image16786816

Il primo grande studio sul coronavirus ne conferma la bassa letalità

Giovanni Maga, direttore dell’Istituto di Genetica Molecolare del Cnr di

Pavia, commenta la ricerca cinese sulla morbilità. Senza complicazioni

il 95% dei malati, Colpiti soprattutto gli anziani, molto meno i bambini

“Il primo grande studio clinico relativo alla morbilità, quindi relativo all’intensità dei sintomi e della letalità del virus, conferma il quadro che si era già venuto a definire in queste ultime settimane:

Lo ha detto all’AGI Giovanni Maga, direttore dell’Istituto di Genetica Molecolare del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Pavia, commentando il più grande studio

condotto in Cina sul nuovo coronavirus.
“I dati ci dicono che soltanto un numero limitato di persone può avere conseguenze anche letali, soprattutto se si tratta di persone anziane e/o con problemi di salute come malattie cardiovascolari pregresse”, spiega Maga. “La mortalità più apparentemente elevata nella provincia di Hubei, e in particolare nella città di Wuhan, dipende probabilmente – continua – dalle difficoltà riscontrate soprattutto nelle prime fasi dell’epidemia a fornire un’assistenza puntuale ed adeguata a tutti i casi che si presentavano”.
“Si vede invece come nelle altre province, la gestione dei casi gravi ha consentito di abbassare il tasso di mortalità fino a livelli dello 0,1-0,3 per cento, confermando di nuovo che si tratta di una malattia infettiva in grado di dare conseguenze anche gravi ma in una fascia di persone ben definita e a cui invece l’assoluta maggioranza delle persone risponde senza andare incontro a gravi patologie e quindi risponde con la guarigione”, conclude il virologo.

lunedì 24 febbraio 2020

GENOVA – “Un soggetto può morire per Coronavirus (ovvero il virus ha contribuito direttamente alla sua morte) o con il Coronavirus (

).

così Matteo Bassetti, direttore della clinica di malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova e presidente della Sita (società italiana di terapia anti-infettiva)

spiega la situazione legata alla diffusione del Coronavirus e alle morti fin qui registrate in Italia.
Il virologo fa una precisazione puntuale e spiega come due dei tre morti italiani hanno perso

page5image16787584

siamo di fronte a un’infezione che nell’80 per cento dei casi causa

page5image16787968page5image16786048

sintomi lievi e all’incirca il 95 per cento delle persone guarisce senza

page5image16785856 page5image16785280

gravi complicazioni”.

page5image16781824 page5image16781632

Coronavirus, il virologo Bassetti: “Questa non è una epidemia,

la mortalità è bassa”

ruolo non primario nella morte

il virus è presente ma il suo

sembrano morti più con il virus, che per il virus. Tutti inoltre sembravano presentare

Degli attuali tre (sette) decessi italiani, due

gravissime malattie preesistenti”

la vita non in modo diretto a causa del Coronavirus ma per altre patologie di cui già soffrivano a cui il virus in questione si è aggiunto. Una differenza sottile ma sostanziale. Inoltre al momento tutte le vittime italiane erano anziane, il primo in veneto aveva 78 anni, la seconda in Lombardia 75 mentre l’ultima vittima, quella di Crema, aveva 68 anni e una situazione di salute già compromessa. La donna infatti era ricoverata all’ospedale oncologico di Cremona, così come confermato dal sindaco della cittadina di residenza.

5

Nome cognome Indirizzo Telefoo MOBILE E-MAIL :

I casi di contagio di Coronavirus in Italia al momento sono oltre 150, e fanno dello Stivale il terzo Paese al mondo per numero di casi dopo Cina e Corea del Sud. In Italia i casi si sono

moltiplicati a partire da sabato. Il ministero della salute è al lavoro anche per cercare di risalire al cosiddetto ‘paziente zero’. Gli altri Paesi Europei fanno registrare al momento numeri molto inferiori di contagio rispetto all’Italia. Il direttore della clinica di malattie infettive dell’ospedale San Martino spiega anche un altro aspetto che focalizza meglio l’attenzione su quello che sta accadendo nel nostro Paese “E’ cambiato il metodo di rilevamento. Questo numero comprende casi con definizione OMS (Organizzazione mondiale della sanità ndr) di caso sospetto poi divenuti certi, polmoniti senza altra diagnosi, contatti di casi certi e sindromi influenzali. Gli altri paesi europei, in particolare Francia e Germania hanno fatto lo stesso? Assolutamente no. Quanti casi avrebbero con questo metodo di rilevamento? Il nuovo virus è entrato in Italia, come in molti altri paesi ed è quindi il momento di affrontare il problema dal punto vista clinico – spiega ancora Bassetti -. Le rete degli infettivologi e di quelli che si occupano di emergenze infettivologiche è preparata e ha affrontato e risolto in passato situazioni molto peggiori. Come già detto occorrerà inserire in tutta Italia nella diagnosi differenziale delle polmoniti anche il coronavirus”.
Il virologo poi entra nel dettaglio dei numeri di quello che è il Coronavirus:

page6image17265216

che nell’85-90% dei casi l’infezione decorre in maniera blanda.

Nel 10-15% dei casi in maniera più grave e solamente nel 5% in maniera critica (articolo pubblicato dalla John Hopkins University).

Il tasso di letalità (numero di morti su numero di infetti) rimane al momento (al di fuori della

spiega Bassetti.

A dare poi un quadro della situazione e a riportare in una logica più normale il caso Coronavirus in Italia è il confronto con i morti in Italia causati dall’influenza stagionale. Il

dato dell’Istituto Superiore di Sanità informa che ogni giorno in

“Resta il fatto

Provincia di Hubei in Cina) inferiore all’1%.

Questa non è una epidemia”

page6image17266176

Italia muoiono 217 persone affette da influenza stagionale. In

una settimana sono più di 1.500 morti. (contro i sette del

page6image17265408

coronavirus).

page6image17267328

Infine un invito chiaro e diretto a tutti di non sprecare le mascherine:
non servono a nulla contro il coronavirus. Ho visto molte persone usarle per strada o sui mezzi pubblici ma non ci proteggono. Le uniche che andrebbero usate, e cambiate dopo averle indossate per una giornata, sono quelle con il marchio Ffp2 o Ffp3. Lancio un appello: non le sprecate se non è necessario e lasciatele agli operatori sanitari” spiega Bassetti.

“Le mascherine da chirurgo

23 FEBBRAIO 2020 17:08

Coronavirus, “il tasso di mortalità è bassissimo e molto contenuto”

A Tgcom24 il professor Alessandro Miani (Società medicina ambientale):

“Nella peggiore delle ipotesi siamo di fronte a una mortalità tra il 2 e il 3 per

cento circa, in realtà molti studi suggeriscono che è molto inferiore a questa”

“Si tratta nei fatti di una forma influenzale, di una sindrome influenzale da coronavirus; più

forte dell’influenza ma con una mortalità molto contenuta, stando ovviamente a quelli che sono i dati che ci vengono suggeriti anche da studi internazionali. Nella peggiore delle ipotesi siamo di fronte a una mortalità tra il 2 e il 3 per cento circa, in realtà molti studi suggeriscono che è molto inferiore a questa”. E’ quanto spiega a Tgcom24 il professor Alessandro Miani, presidente della Società italiana di medicina ambientale, parlando di coronavirus.

6

Nome cognome Indirizzo Telefoo MOBILE E-MAIL :

“L’80 per cento dei contagiati – aggiunge Miani – è composto da persone con dei sintomi molto lievi, quindi paragonabili a quelli di un’influenza, oppure da asintomatici, com’è stato detto.

Secondo me quello che bisogna fare oggi è distinguere la paura dalle verità scientifiche e quindi collocare nella sua giusta dimensione questo tipo di epidemia”.

https://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/linfluenza-stagionale-uccide-fino-a-400-persone-

lanno_15202886- 202002a.shtml?fbclid=IwAR0ZmTw26txfrTrHOpTgSc5MgQ7TvM2zYFfyUOe6d7XAd3_TV 0VI2lCpvus

page7image17260416 page7image17259456 page7image17260800

Coronavirus, «È una follia questa

emergenza». Il duro dissenso del capo del

laboratorio del Sacco. E sforna i numeri

23 FEBBRAIO 2020 – 11:36 di Redazione

«I miei angeli sono stremati. Corro a portar loro la colazione. Oggi la mia domenica sarà al Sacco. Vi prego, abbassate i toni» ha scritto «A me sembra una follia. Si è scambiata un’infezione appena più seria di un’influenza per una pandemia letale. Non è così», a parlare è Maria Rita Gismondo, direttore responsabile di Macrobiologia Clinica, Virologia e Diagnostica Bioemergenze, il laboratorio dell’Ospedale Sacco di Milano in cui vengono analizzati da giorni i campioni di possibili casi di coronavirus.

Diversi post, tutti pubblicati su Facebook, in cui la dottoressa Gismondo prova a fare il punto della situazione: «Il nostro laboratorio ha sfornato esami tutta la notte. In continuazione arrivano campioni» scrive, denunciando che «i suoi angeli sono stremati»: «Oggi la mia domenica sarà al Sacco. Vi prego, abbassate i toni».

page7image17261184 page7image17261568 page7image17261760 page7image17261952

E infine: «Leggete! Non è pandemia! Durante la

scorsa settimana la mortalità per influenza è stata

di 217 decessi giorno! Per coronavirus 1 a giorno»

https://www.huffingtonpost.it/entry/il-direttore-del-laboratorio-dellospedale-sacco-scambiata- influenza-per-pandemia-mi-sembra-una- follia_it_5e525423c5b6b82aa6544246?ncid=fcbklnkithpmg00000001&ref=fbph&fbclid=IwAR0m_bij NzOuQMVOUlniszljC9xBtU6S6pgK5F7nWMvvC777deDVg5QiepQ&fbclid=IwAR184m93S- qwYG2xBYOzh2T9Ns4V4CooxcS880J30iOq0PkNjUg7SoP2tF8

https://www.open.online/2020/02/23/coronavirus-lo-sfogo-dal-laboratorio-di-analisi-del-sacco-una- follia-scambiata-uninfezione-poco-piu-seria-di-uninfluenza-per-una-pandemia-letale/

Adesso basta!

page7image17266752 page7image17266944page7image17267904page7image17268096 page7image17268288page7image17268480page7image17251136

Da medici e professionisti della salute (la nostra associazione AMPAS conta ad oggi 714 medici iscritti) stiamo con rammarico assistendo ad una irresponsabile diffusione di uno stato di panico generalizzato e ingiustificato, per noi (alla luce dei dati in nostro possesso) di difficile comprensione, il cui danno complessivo sembra essere di gran lunga superiore al danno della malattia stessa.

7

Nome cognome Indirizzo Telefoo MOBILE E-MAIL :

La diffusione del Coronavirus Covid-19 non sembra particolarmente diversa dalle diffusioni usuali di altri virus influenzali, almeno sulla base dei dati ufficiali ad oggi disponibili.

Ad esempio a livello mondiale secondo le ultime notizie (Ansa) del 22 febbraio 2020, ci sono

rispettivamente:

77.662 contagiati; 21.029 guariti; 2.360 decessi. Praticamente numeri insignificanti.

Il sito Epicentro scrive:
“Globalmente, ogni anno, il virus influenzale colpisce tra il 5 e il 15% della popolazione adulta (vale a dire da 350 milioni a 1 miliardo di persone)”.
L’OMS definisce poi meglio gli effetti: “Tra i 3 e i 5 milioni di casi di influenza riportati annualmente evolvono in complicanze che causano il decesso in circa il 10% dei casi (vale a dire da 250 a 500 mila persone), soprattutto tra i gruppi di popolazione a rischio (bambini sotto i 5 anni, anziani e persone affette da malattie croniche).”

I 2360 decessi del Covid-19 appaiono dunque essere un numero ridottissimo (meno dell’1%)

rispetto alla mortalità annuale attesa per la normale influenza.

A fronte di quella che sembra essere una maggiore contagiosità rispetto ad altre influenze e malattie infettive, questo coronavirus risulta dunque poco letale e la sua diffusione assolutamente inferiore a qualsiasi influenza del passato.

Come medici, che hanno a cuore la salute del paziente (e della collettività) non solo da un punto di vista infettivo ma da un punto di vista globale, , con sospensione di servizi chirurgici, chiusure di pronto soccorso e medici di famiglia a servizio ridotto, non potrà che preludere a nuove malattie, disservizi e disagi.

a cui noi siamo quotidianamente chiamati a

Risultano perciò a noi inspiegabili, nonostante le possibili complicanze polmonari, le misure di sicurezza eccezionali

adottate, fonti di allarmismi ingiustificati e psicosi collettiva.

Invitiamo dunque politici, amministratori e responsabili della pubblica salute a intervenire

tempestivamente nella rimodulazione o attenuazione dei provvedimenti al fine di tutelare

nel modo più adeguato la salute dei cittadini

rispondere.

Se dovesse rivelarsi alla fine tutta la situazione simile a quanto in passato già verificatosi

per le “false pandemie” legate a SARS (2002), aviaria (2005) e suina (2009), qualcuno dovrà

rispondere dei danni provocati da questo procurato allarme.

Invitiamo i colleghi medici a riprendere in mano la situazione fornendo ai loro assistiti le corrette indicazioni per un rafforzamento delle difese immunitarie naturali (ricordando che la paura e il panico sono potenti immunosoppressori) e sensibilizzando gli amministratori locali a non mettere in atto misure che non siano pienamente giustificate dalla gravità della situazione.

Confidando in una rapida risoluzione del problema che faccia leva sull’intelligenza e la sensibilità di tutti, restiamo a disposizione della comunità alla luce di ulteriori aggiornamenti.

I medici associati all’AMPAS (medici per un’alimentazione di segnale).

page8image16837312

APPARE EVIDENTE STANTI LE PREMESSE EVIDENZIATE CHE NON ESISTE ALCUNA

EPIDEMIA, NON ESISTE ALCUNA EMERGENZA E SOPRATTUTTO CHE SI SONO UTILIZZATI

page8image16837504page8image16837696

TUTTI I MEZZI DI COMUNICAZIONE PER RAGGIRARE LA “PUBBLICA BUONA FEDE“…

8

Nome cognome Indirizzo Telefoo MOBILE E-MAIL :

Da rilevare l’oscenità di tutta questa messa in scena inconsistentemente ed ottusamente sostenuta a fronte del drammatico e tragico scenario della reale situazione sanitaria della Nazione..

DATI RELATIVI AD ALTRE EMERGENZE MOLTO PIU’ RILEVANTI in morti all’anno (relativament all’anno 2017) … ma sicuramente in data odierna preggiorati.. :

1) Inail dati Infortuni e malattie professionali, online open data Inail 2017

https://www.inail.it/cs/internet/comunicazione/pubblicazioni/dati-inail/dati-inail-anno-2017.html

Tra gennaio e dicembre presentate all’Istituto 635.433 denunce di infortuni sul lavoro (-0,2% rispetto al 2016), 1.029 delle quali con esito mortale (+1,1%).

2) Amianto, nel 2017 in aumento i morti in Italia: sono 6.000.http://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/sanita/2018/06/19/amianto-nel-2017-in-

page9image17276416page9image17277376

aumento-i-morti-in-italia-sono-6.000 93cfafa0-b9bd-492e-b75c-85faacb82cec.html

3) Il consumo di alcol in italia

in totale:

_

(ANSA) – ROMA, 19 GIU – Sono in aumento nel 2017 in Italia i morti per amianto,

6.000

3.600 per tumore polmonare, 1.800 per mesotelioma e 600 per asbestosi. Ancora 40 milioni le

tonnellate di amianto da bonificare e circa 1 milione i siti contaminati, sia edifici privati che pubblici,

tra cui 2.400 scuole, 250 ospedali e 1.000 tra biblioteche ed edifici culturali.

http://www.dire.it/21-11-2015/25599-alcool-in-italia-ogni-anno-diciassettemila-morti/

4) Incidenti stradali in italia

https://www.istat.it/it/archivio/202802

page9image17255808

17.000

morti per le conseguenze dell’alcool ogni anno in Italia, 775.000 minori considerati consumatori a rischio nel nostro Paese che diventano 1,6 milioni se si prendono in considerazione i giovani fino a 25 anni; 1,7 milioni di possibili decessi per tumori legati al consumo di bevande alcoliche entro il 2030 nel mondo.

page9image17285120 page9image17285312page9image17285504

Nel 2016 si sono verificati in Italia 175.791 incidenti stradali con lesioni a persone che hanno provocato page9image17285696(morti entro il 30° giorno) e 249.175 feriti.

3.283 vittime

5) In Italia il fumo causa 83.000 decessi l’anno: è la prima causa di mortehttps://www.corriere.it/salute/sportello_cancro/15_settembre_16/italia-fumo-causa-83mila-

decessi-l-anno-prima-causa-morte-6c387a82-5c5c-11e5-83f0-40cbe9ec401d.shtml

6) Infezioni ospedaliere

http://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/sanita/2019/05/15/allarme-rosso-infezioni- ospedaliere-49-mila-morti-lanno_41a0e9c5-8f5d-4373-acda-4f46014f9dd0.html

page9image17286272page9image17286464page9image17286656

Allarme rosso per la mortalità causata dalle infezioni ospedaliere: si è passati dai 18.668 decessi

del 2003 a

49.301

del 2016. L’Italia conta il 30% di tutte le morti per sepsi nei 28 Paesi Ue. Il

dato emerge dal Rapporto Osservasalute 2018 presentato oggi a Roma. ”

migliaia di persone muoiono ogni giorno per infezioni ospedaliere

C’è una strage in corso,

, ma il fenomeno viene

sottovalutato, si è diffusa l’idea che si tratti di un fatto ineluttabile”, ha detto Walter Ricciardi,

Direttore dell’Osservatorio nazionale sulla salute.

page9image17288960page9image17289152

9

Nome cognome Indirizzo Telefoo MOBILE E-MAIL :

E dove è andata a finire la funzione aggregativa ed etica dello Stato??

Che altro aggiungere se non che la strateggia accerchiatrice dei cosiddetti “Privati”… che in realtà consistono di una dozzina di banche mondiali, magari pure sotto una infinità di diverse sigle e loghi anche farmaceutici e vaccinisti, ha come fine ultimo la distruzione di i legami sociali, questa stessa nostra civiltà e l’instaurazione di una dittatura monetaria schiavizzante per le future generazioni se non si interverrà attraverso una generale presa di coscienza e di civismo sociale a smantellare questo infame progetto …. A cominciare da questa Procura della Repubblica.-

TUTTO CIÒ PREMESSO CHIEDO :

  1. 1)  di voler procedere con gli atti di competenza in ordine alla configurazione della fattispecie di attentato contro la Costituzione dello Stato, rimettendosi alle valutazioni delle autorità competenti anche in ordine ai gravissimo reale reato qui sopra delineati;
  2. 2)  di procedere per la penale punizione dei colpevoli, ai fini di impedire la continuazione dei reati ravvisati in calce;
  3. 3)  provvedere affinchè sia riconosciuto il risarcimento degli immani danni causati allo Stato ed ai Cittadini, nonchè la violazione dei diritti costituzionali, civili,sociali in generale, e dei diritti economici sottratti allo Stato ed ai cittadini.

Ricordo, sottolineo ed enfatizzo ad uso di chi ci legge rammentando l’obbligatorietà dell’azione penale (art.112 Costituzione) in caso di evidenti violazioni di legge e l’altrettanto obbligatorio arresto in caso di flagranza di reato, ricordo altresì il giuramento prestato nei confronti della Legge, delle Istituzioni, della Repubblica, dello Stato e dei Cittadini italiani tutti, a cui l’operato di questo giudice si deve uniformare e deve rispondere, e di cui noi a nostra volta saremo severi giudici.

Mi riservo inoltre di costituirmi parte civile nell’instaurando procedimento penale;
e, ai sensi dell’ex art. 408 c.p.p., chiediamo di essere avvisati in caso di richiesta di archiviazione.

Chiedo inoltre di essere avvisato in caso di proroga del termine delle indagini preliminari, ex art. 405 c.p.p., e di essere sentito personalmente.

IN FEDE.

Appare lapalissiano che prima degli interessi relativi al contagio del Corona virus, ci sono

in contrapposizione cifre migliaia di volte superiori… di valenza assoluta in confronto di

urgenze nazionali come evidenziato …Senza voler essere delle volpi della diplomazia

appare chiaro che l’attuale demenziale governo intende a tutti i costi… contro ogni

ragionevole e costruttivo dubbio e/o pensiero coerente e positivo … condurre in porto

“l’affare della macchinazioni/manipolazione di terrorismo mediatico/epidemiologico”. Una

page10image17284672

mefistofelica congiura, truffa, raggiro, trappola, insidia, che porterà in tasche private

enormi, incalcolabili vantaggi e contemporanei danni ai cittadini e allo Stato.

page10image17104448 page10image17104064page10image17103680page10image17103104 page10image17102912page10image17102528

10