BANANE – Albert Mosseri – Johnny Lovewisdom

A p. 99, nel suo libro “L’Uomo la Scimmia e il Paradiso” Albert Mossèri scrive: LOVEWISDOM, aveva per un certo tempo fatto uso di BANANE del suo giardino, ben mature e fresche per rimpiazzare i frutti che allora mancavano. Ma ne SOFFRI’ TERRIBILMENTE: ulcere della pelle, colite febbre ecc.

Da PARTE NOSTRA abbiamo NOTATO i DISTURBI SEGUENTI dopo un consumo regolare e notevole di BANANE:

cistite leggera, ritenzione urinaria, infiammazione della vescica, pruriti cutanei, leggere vertigini, feci voluminose.”

Al contrario, non abbiamo notato NESSUN DISTURBO con le BANANE ESSICCATE o COTTE al FORNO.

Da allora, le mettiamo a “CUOCERE” VICINO ad un RADIATORE o al SOLE in un piatto dopo averle pelate e tagliate. Certamente quando si mangiano una o due banane di tanto in tanto, non si notano i disturbi sopracitati. Ma se si consumano PARECCHIE BANANE OGNI GIORNO, questi MISFATTI sono INEVITABILI, cosa che non succede se si prende qualsiasi altro frutto come mele, arance, ecc.

Infine, gli INDIGENI in INDIA, le consumano COTTE e STANNO BENE. Le chiamano “piantaggini, e sono grosse come zucche, che cuociono o trasformano in gallette. Il CALORE della COTTURA o dell’ESSICCAMENTO sembra OSSIDARE i VELENI della BANANA che DIVENTANO INOFFENSIVI.

p. 54

Quando I GORILLA organizzano un raid in una piantagione di banane, non mangiano le banane ma solo il midollo del fusto. E’ stato anche difficile spingere i gorilla adulti a mangiare le banane. Diversi anni prima di sapere che i gorilla non mangiano le banane e le rifiutano, avevamo già osservato i misfatti di questo frutto profumato.

UNA o DUE BANANE, NON sono SUFFICIENTI a CAUSARE DISTURBI VISIBILI

Ma da 1 LIBBRA a 1 Kg OGNI GIORNO, sono SUFFICIENTI a CAUSARE DIVERSI SINTOMI.

Quando ho appreso che i GORILLA NON MANGIANO le BANANE, ho avuto una conferma alle convinzioni che avevo da diversi anni.

PENSIAMO sinceramente che il dottor H. M. SHELTON si SBAGLI quando RACCOMANDA le BANANE e le NOCI, come lo fa da ormai 60 anni.

Il fatto che i GORILLA NON MANGINO né BANANE né NOCI è stato SCOPERTO solo nel 1964.

In un altro scritto Albert MOSSERI’ parla di un ADEPTO dell’IGIENISMO da 10 ANNI, che andò a digiunare da lui, per una FEBBRE ACCOMPAGNATA da DIAREE INTERMITTENTI, il ragazzo era appena tornato dall’Africa dove ERA VISSUTO CON un regime composto unicamente di MANGHI e BANANE per PARECCHIE SETTIMANE.

Malgrado io sconsigli le banane da più di 10 anni, decisi di fare una NUOVA SERIE di ESPERIMENTI, in seguito alla lettura di un articolo del dottor H. M. Shelton che ne fa un elogio.

Digiunai tutto il giorno e la sera non presi che 1 kg di banane. Rifeci due volte la stessa esperienza con solamente 700 gr. di banane.

Il RISULTATO non si fece attendere:

feci voluminose dopo 30 ore, cistite, urine frequenti la notte, mancanza di appetito (mancanza di fame), bocca impastata o/e zuccherata al risveglio, irritazione delle vie nasali, gas, testa pesante.

L’ AMIDO CRUDO

La BANANA è l’unico frutto che contiene AMIDO. Quasi tutti i legumi e le diverse noci, contengono un po’ di amido, molto poco, che il corpo elabora senza difficoltà allo stato crudo. Le PATATE ne contengono altrettanto delle banane, ma sono cotte e il loro amido è trasformato dalla cottura. Il PANE contiene due volte più amido delle banane, ma è cotto, dunque trasformato.

L’ENZIMA PTIALINA, che dà il via alla digestione degli amidi nella bocca, non è secreta che in piccole quantità presso gli adulti, manca del tutto presso i bebè. Se ne deduce, che il corpo non può elaborare che piccole quantità di amido crudo, quello contenuto nelle carote, nei legumi, ecc.

SI POTREBBE senza dubbio DIGERIRE PERFETTAMENTE UNA BANANA a condizione che sia BEN ASSOCIATA O SOLA.

Ogni ECCESSO di AMIDO CRUDO, è considerato dal corpo come un VELENO e viene RIGETTATO, provocando parecchi problemi.

Farei notare, che l’ESPERIENZA PERSONALE che ho realizzato CON le BANANE, NON PUO’ DARE gli STESSI PROBLEMI SE NON SI E’ STRETTAMENTE IGIENISTI, con un ORGANISMO PURO che REAGISCE RAPIDAMENTE ai VELENI.

NON MANGIO, ne pane, ne cereali, ne olio, ne burro, ma QUELLI CHE NE MANGIANO sono TROPPO “INCROSTATI” per RISENTIRE così presto una INDIGESTIONE di BANANE

D’altronde, sono certo che mangiando farina o patate crude, in quantità sufficiente, si avrebbero gli stessi problemi che con le banane.

Infine, le BANANE SECCHE NON HANNO AMIDO, che si è TRASFORMATO INTERAMENTE in ZUCCHERO. Si può mangiarne senza alcun timore.

Sicuramente le BANANE non sembrano causare problemi digestivi immediati, ma i PROBLEMI sono RISENTITI PIU’ TARDI (36 ORE PIU’ TARDI), o persino più GIORNI o SETTIMANE PIU’ TARDI, con la RIPETIZIONE dei PASTI di BANANE in QUANTITA’ APPREZZABILI.

Come ho già detto, in un ORGANISMO SANO, le REAZIONI sono RAPIDE, ma per un ORGANISMO già ROVINATO dal pane, dai cereali e dai grassi, le REAZIONI sono PIU’ LENTE a venire. ECCO PERCHE’ si ha la TENDENZA di CONSIDERARE le BANANE come INOFFENSIVE: non danno dei PROBLEMI nella MAGGIORANZA dei CASI, che IN UN SECONDO TEMPO.

La BANANA contiene 1,3% di PROTEINE e ha molti sali minerali e vitamine. Il dottor H. M. Shelton racconta di aver visto in Nicaragua un GIOVANE INDIGENO, forte, che gli aveva presentato il Dr. Carlos Auguello e che VIVEVA SOPRATTUTTO di BANANE, consumate in gran quantità, queste ultime mantenevano perfettamente la sua FORZA e la sua SALUTE.

RESTA da SAPERE SE questo giovane gagliardo, MANTENEVA la sua SALUTE a CAUSA delle BANANE o a DISPETTO di ESSE.

I giovani hanno un capitale vitale sbalorditivo e possono resistere a parecchi abusi. Ricordiamo anche che questi INDIGENI CUOCIONO sovente le BANANE, ciò TRASFORMA l’AMIDO.

NON RACCOMANDIAMO nessuna COTTURA, ma bisogna sapere che le BANANE COTTE NON PRESENTANO gli STESSI PROBLEMI delle BANANE FRESCHE. Esse NE HANNO degli ALTRI.

MATURE O VERDI

Il dottor H. M. Shelton scrive:

“Le BANANE GASSIFICATE non maturano e non potranno formare alimenti desiderabili nel menù.” La BANANA VERDE è un AMIDO quasi INSOLUBILE.

Per contro, la BANANA MATURA (non gassificata), è uno ZUCCHERO PREDIGERITO. E’ molto probabile che sia questo zucchero, che si combina male con gli altri alimenti. La BANANA GASSIFICATA NON MATURA, che infracidisce mentre è ancora allo stato di amido, stato praticamente insolubile, appare naturale che rovini la digestione persino presa sola.”

“Le BANANE MATURATE DIRETTAMENTE al SOLE, DIFFERISCONO dunque DA QUELLE che sono COLTE VERDI, ciò è di una importanza considerevole”

Questo dice, I FRUTTI COLTI TROPPO VERDI IMPUTRIDISCONO, ma quando sono colti un po’ meno verdi, maturano in seguito. SI POSSONO COGLIERE UN PO’ VERDI ma NON TROPPO.

A NOSTRO AVVISO, persino le BANANE BEN MATURE (buccia nera), CONTENGONO una TROPPO ELEVATA PROPORZIONE di AMIDO a meno di attendere che la loro polpa incominci a scurire per diventare colore del miele e che la consistenza sia abbastanza molle.

Ma molta poca gente accetterebbe di mangiarle in questo stato che attirano poco lo sguardo.

CONCLUSIONE:

“Con le BANANE SECCHE si è SICURI di NON AVERE PROBLEMI.”

 

FACEBOOK 2018

Elisa Valoroso ha scritto a Lorena Tosoni

Come ho scritto a Cinzia, gli effetti sono stati questi:   STITICHEZZA, SONNOLENZA ASSURDA, PESANTEZZA, GONFIORE.Più o meno questi sono stati gli EFFETTI più GRAVI che ci sono venuti mangiando 2/3 BANANE.  Mi RITROVO pienamente d’ACCORDO con l’articolo di STEFANO TORCELLAN. Il problema è l’AMIDO CRUDO, infatti stiamo avendo molti PROBLEMI anche con la ZUCCA, prima riuscivo sempre a mangiarla CRUDA  ma ora guai se lo faccio, COTTA invece non ci fa lo stesso effetto, ma non possiamo farla troppe volte.