Crisi durante il digiuno

                   “DIGIUNARE PER RINNOVARE LA VITA – Dr. H. M. SHELTON

Pag. 186

                              CRISI DURANTE IL DIGIUNO

Molte persone che intraprendono un DIGIUNO lo fanno con l’ idea che I PROCESSI DEPURATIVI che avvengono durante tale periodo siano di NATURA VIOLENTA e pensano che siano anche molto SGRADEVOLI. Ciò accade solo in una minima percentuale di casi; NON è ASSOLUTAMENTE LA REGOLA. Chiunque può digiunare per alcuni giorni, e un individuo assolutamente normale può digiunare per parecchi giorni senza il minimo inconveniente.

IL MALESSERE DURANTE IL DIGIUNO è UN SEGNO DI MALATTIA, NON DI SALUTE.

La maggior parte dei digiunatori possono trascorrere tutto il periodo del digiuno senza che avvenga alcunché di drammatico., e che non abbiano già provato durante il corso della loro vita.

LA MAGGIOR PARTE DEL LAVORO DI ESCREZIONE SI COMPIE SILENZIOSAMENTE E SENZA PRODURRE CRISI FASTIDIOSE.

Nel corpo umano gli organi escretori svolgono il compito di espellere le scorie e tutti i materiali estranei che si trovano all’interno di esso; durante il digiuno questi continuano la loro opera, di solito molto efficacemente.

_____________________________________________________________________________

                                IL DIGIUNO TERAPEUTICO

Pag. 48

L’AUMENTATA ELIMINAZIONE DI TOSSINE può essere già rilevata nel primissimo giorno di digiuno. L’ ALITO diventa molto spiacevole ed anche la PELLE può esalare un odore altrettanto spiacevole: questo avviene molto probabilmente a causa del maggiore sforzo effettuato su entrambi i polmoni e la pelle.

LE ELIMINAZIONI CATARRALI di solito aumentano durante i primi giorni del digiuno e PERMANGONO FINO AL TERMINE, quando l’ eliminazione è completa e si recupera totalmente la salute. Aumenta anche la quantità di TOSSINE DELL’URINA e questo è probabilmente dovuto alla maggiore eliminazione effettuata attraverso i reni.

IN ALCUNI CASI, una considerevole quantità di sostanze tossiche viene eliminata con il VOMITO (10% dei casi). Naturalmente, tutti questi sintomi non avvengono in tutti i casi, ma C’E’ SEMPRE un QUALCOSA CHE MANIFESTA ESTERNAMENTE questa eliminazione maggiore (dovuta al digiuno).

L’ ELIMINAZIONE PRIMARIA, comunque, manifestata semplicemente da un ASSORBIMENTO INTERNO E DALL’ AUTOLISI, NON è RESA APPARENTE DA REAZIONI ESTERNE, ECCETTO, MOLTO PROBABILMENTE, ATTRAVERSO LA PERDITA DI PESO ed una DEBOLEZZA GENERALE.

 

_____________________________________________________________________________

“INTRODUZIONE ALL’ IGIENE NATURALE” – il Dr. H. M. SHELTON

Pag. 24

 

CRISI DI DISINTOSSICAZIONE

 

Ci sono opinioni controversie circa la necessità di crisi nel recupero delle malattie croniche. Alcune autorità sostengono che il recupero completo della condizione di cronicità può verificarsi solo attraverso le crisi.

Il dott. TRALL scrive nell’enciclopedia Idropatica, volume II° pag. 62: “è appurato che MOLTI CASI di MALATTIA CRONICA sono CURATI SENZA nessun tipo di CRISI; è anche vero, secondo me, che alcuni casi sono completamente incurabili senza provocare una crisi, e io sono fermamente convinto che in molti casi le CRISI non sono necessarie se non addirittura dannose quando il TRATTAMENTO ECCESSIVO E POCO GIUDIZIOSO”

Il dott. TILDEN faceva parte di coloro i quali dicevano, mentre le crisi sono molto comuni durante il processo di guarigione da condizioni croniche, non sono assolutamente essenziali per ogni causa di guarigione.

SECONDO L’ AUTORE (Shelton) LE CRISI SONO SPESSO FORZATE DA UN TRATTAMENTO DURO.

In quelle istituzioni dove sembra prevalere l’idea che più il corpo è torturato più velocemente guarisce, non è strano per un paziente con poca resistenza essere sottoposto per un lungo periodo o molto spesso a bagni freddi. Oppure i pazienti sono obbligati a stare al sole ardente, fino a quando i loro corpi vengono bruciati dalla testa ai piedi. (altri ingozzati di cibo sano, adatto alla nostra specie, succhi di frutta e di verdure, ecc. – nota di Stefano Torcellan).

Queste cure possono portare facilmente ad una crisi.

INOLTRE io sono convinto che UN DIGIUNO PROLUNGATO PUO’ SOSTITUIRE LA CRISI, sebbene so che spesso, durante questi digiuni, le crisi sono frequenti”.

___________________________________________________________________________

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.