Digiunare per aumentare di peso

                     “DIGIUNARE PER RINNOVARE LA VITA”

                     primo libro tradotto in italiano del

                                   Dr. H. M. Shelton

Pag. 65

L’ AUMENTO DI RITENZIONE DELL’AZOTO che segue un digiuno indica anch’esso un’accelerazione della fase di metabolismo anabolico (costruttivo). LA PERSONA MAGRA che non riesce ad ingrassare con nessun tipo di dieta, intraprende un digiuno: dopo il digiuno egli aumenta di peso, spesso rapidamente, ricupera molto più peso di quanto non ne avesse perso durante il digiuno. HO VISTO GENTE CHE ERA STATA SMILZA PER ANNI DIVENTARE GRASSA.

Il digiuno della Dr.ssa KUNDE, intrapreso in collaborazione con il prof. CARLSON, per studiare i possibili effetti di ringiovanimento prodotti dal digiuno e le sue conseguenze, sono un punto a favore. Ella era già stata sotto peso,ma in seguito al digiuno ne assunse più di quanto ne aveva perso e lo fece con una quantità di cibo che poteva appena essere sufficiente a mantenere il peso prima del digiuno.

IL PESO AUMENTA, non in proporzione alla quantità di cibo ingerita, ma in rapporto alla quantità di cibo digerita e assimilata. Un esperimento riportato da UPTON SINCLAIR spiega molto bene il principio qui implicato. Egli SCOPRI’ CHE CON QUELLO CHE MANGIAVA PERDEVA PESO, e dopo attento esame, decise che STAVA MANGIANDO TROPPO. COMINCIO’ A RIDURRE LA MISURA DI CIBO CHE ERA SOLITO PRENDERE, e ben presto AUMENTO’ DI PESO. Esperienze di questo tipo, che dovrebbero essere molto più numerose, indicano non solo che in genere mangiamo troppo, ma che LA SOVRALIMENTAZIONE PRODUCE DANNO.

_____________________________________________________________________________

                         IL DIGIUNO PUO’ SALVARVI LA VITA

                                 Dr. H. M. Shelton

                                    Capitolo 15

                        Digiunare per ingrassare

Per la maggior parte delle persone, considerare il digiuno un mezzo per dimagrire è cosa facile; considerarlo, invece, un modo per ingrassare è più difficile. Tuttavia, in molti casi, accade spesso che, dopo un digiuno, si riesca ad aumentare di peso.

Gli ECCESSI ALIMENTARI con conseguente PERDITA DI PESO sono avvenimenti quotidiani; ogni giorno incontriamo persone che pur alimentandosi abbondantemente nel tentativo di ingrassare, si lamentano del fatto che “più mangiano e più dimagriscono”. Dopo aver provato una dieta ingrassante, ne provano un’altra e così via rimanendo, comunque, sempre magri. L’organismo sovralimentato spesso è sotto-nutrito fino al punto in cui, pur alimentandosi, continua a dimagrire.

Cibo e nutrizione non sono sinonimi. Non si è nutriti in proporzione alla quantità di cibo ingerito, ma in proporzione alla quantità di cibo che si riesce a digerire ed assimilare. Se la digestione e l’assimilazione risultano danneggiate, sovralimentarsi con lo scopo di ingrassare non porterà a risultati. Il deperimento è dovuto alla carenza di salute, è raramente causato dalla mancanza di cibo. In genere il deperimento è proporzionato al grado di danneggiamento della salute. Quello di cui tali persone hanno bisogno non è una maggiore quantità di cibo, ma un sistema disintossicante che permetta loro di digerire ed assimilare il cibo Se questo sarà fatto, non si avrà più alcuna difficoltà ad ingrassare.

Poiché il digiuno, tra le tante cose positive, provoca un ringiovanimento del sistema assimilativo, spesso permette ai pazienti cronicamente sottopeso di riuscire a mettere su diversi chili. Naturalmente durante il digiuno dimagriranno, ma appena questo verrà interrotto riacquisteranno più chili di quelli che avevano perso durante il periodo di astinenza. Questo è confermato sia dall’esperienza che dagli esperimenti condotti su animali.

I digiuni sperimentali hanno dimostrato che dopo un periodo di astinenza, per mantenere l’energia fisica, e necessaria una minore quantità di cibo, in quanto il digiuno produce un meccanismo fisiologico più efficiente. E` questa la ragione per la quale la persona deperita, che non ingrassa nonostante le varie “diete ingrassanti”, scopre che dopo un periodo di digiuno riesce ad ingrassare consumando meno cibo rispetto a prima. Dopo lunghe osservazioni, alcuni contadini riportarono quanto segue. Il maialino più piccolo di una figliata, tale a causa di una mancanza di latte, se viene tolto dalla madre ed alimentato adeguatamente, crescerà più in fretta degli altri, li raggiungerà e li sorpasserà nella crescita.

Osborn, Mendel e Thomson, tre autorità in campo dietetico e biochimico, con una serie di esperimenti confermarono tali osservazioni. Essi scoprirono che la crescita provocata dopo un arresto dovuto ad alimentazione insufficiente, procede più speditamente.

Un fenomeno simile si manifesta dopo un digiuno nelle persone deperite. Il periodo di riposo fisiologico fornito dal digiuno, provoca una migliore digestione, assimilazione e consumo di cibo. E` stato dimostrato che il digiuno aumenta le capacità di utilizzazione dell’azoto. Questo facilita la produzione di un tessuto migliore dei tessuti grassi, che derivano dagli eccessi di amidi, zuccheri e grassi. Per dirla in parole povere, ciò significa che l’organismo utilizza le proteine più prontamente producendo in tal modo una carne diversa da quella che forma, invece, dopo essersi riempito di zuccheri, amidi e grassi. Quando, questo ultimo tipo di alimentazione fa ingrassare, si tratta solo di qualche grammo di grasso inutile in più. Il tessuto prodotto per mezzo del consumo di proteine, oltre ad essere molto forte ed utile migliora anche l’aspetto fisico. E` importante, nel processo di recupero del peso, adottare sistemi adeguati e salutari.

E` ben noto che durante un digiuno il metabolismo viene accelerato, ciò significa che l’elaborazione della materia nutritiva da parte dell’organismo è sicuramente più efficiente. Il metabolismo è il termine che si riferisce all’insieme di processi per mezzo dei quali i cibi vengono trasformati in tessuti e le sostanze inutili eliminate. Ed è in particolare modo la fase costruttiva del metabolismo (chiamata anabolismo) a venire accelerata dal digiuno. Un fatto innegabile è che dopo un digiuno i tessuti appaiono più ricettivi agli elementi nutritivi ed assimilano ed utilizzano le vitamine, i minerali e le proteine più prontamente; questo accade perfino in quegli individui che prima del digiuno presentavano dei problemi a tale riguardo.

Nella ben alimentata, in verità nella sovralimentata America, raramente si riscontrano persone deperite a causa di un’alimentazione povera. Più spesso, la loro mancanza di peso è dovuta all’impossibilità di digerire ed assimilare il cibo che consumano. Questi individui non hanno bisogno di aumentare le quantità del cibo, ma di migliorare le loro capacità di digerirlo ed assimilarlo. Tale miglioramento può essere raggiunto solo intervenendo sui danni organici e funzionali che sono le cause dei loro problemi assimilativi.

Raramente è possibile fare ciò se il paziente continua a consumare la sua razione giornaliera di “buon cibo nutriente”. Il fatto curioso è che la maggioranza di questi pazienti, aumenterà di peso mangiando molto meno cibo di quello che sono soliti mangiare. Ed in particolare trarranno grossi vantaggi da un digiuno di durata adeguata.

I soggetti che presentano un livello di nutrizione insufficiente, in genere hanno scarso appetito. Di solito si pensa che la loro nutrizione appaia insufficiente in quanto non mangiano abbastanza. E’, invece, vero il contrario: una nutrizione povera dà come risultato un appetito ridotto. Quando il cibo non viene utilizzato dall’organismo, questo ne interrompe la richiesta: la fame cessa. La natura, in queste circostanze, è più saggia dell’uomo. Ciò di cui si ha bisogno non è più cibo, ma più capacità per poterlo utilizzare.

Il digiuno acutizza l’appetito. I pazienti, dopo un digiuno, non solo manifestano un desiderio maggiore verso il cibo, ma presentano anche una migliore digestione ed una maggiore capacità di assimilarlo. Inoltre aumentano di peso, ed in alcuni casi, lo fanno molto rapidamente. Sono stato, spesso, testimone di sorprendenti aumenti di questo genere ed ho visto individui sottopeso costante, acquistarne in tale misura da dover poi capovolgere la situazione e cercare di calare di peso.

Eccezioni di tale genere si manifestano quasi interamente in quegli individui magri, da sempre sofferenti di quella malattia, generalmente definita esaurimento nervoso o collasso nervoso. Tali persone riescono a trarre benefici dal digiuno, ma raramente riaumentano di peso immediatamente. La profonda depressione del sistema nervoso e la conseguente depressione delle funzioni dell’organismo richiedono, in questi pazienti, un lungo periodo di controllo scrupoloso non solo dell’alimentazione, ma anche nel loro modo di vivere generale, fino a che non saranno in grado di aumentare di peso una volta per tutte.

Per quanto tempo un individuo sottopeso deve digiunare per garantire un miglioramento nei processi nutritivi? Non esiste una risposta assoluta. Ogni caso è diverso, in quanto le condizioni di ogni paziente sono diverse. In alcuni casi, un digiuno di dieci giorni o di due settimane può essere sufficiente. In altri si avrà bisogno di più tempo. Raramente, un digiuno breve è sufficiente a garantire la correzione dei difetti dei processi nutritivi in grado di permettere alle persone cronicamente sottopeso di ingrassare. In questa situazione, come in tutte le altre, il digiuno deve essere svolto sotto una direzione competente e seguendo il consiglio di un esperto.

Poiché la maggioranza dei casi di soggetti sottopeso, presenti nel nostro paese, è dovuta, non ad un’insufficienza di cibo, ma all’incapacità di digerirlo ed assimilarlo, è necessario che le cause responsabili del danneggiamento nutritivo siano individuate e rimosse. Se il paziente insiste nelle abitudini che gli hanno causato il danneggiamento, non si può pensare che il digiuno riuscirà a migliorare le capacità digestive ed assimilatrici del suo organismo. Anche un digiuno è essenziale, in quanto permette il recupero dell’energia nervosa.

Dopo il digiuno, non è saggio eccedere in quegli alimenti considerati ingrassanti. Al contrario, si può stabilire una buona nutrizione, con una dieta consistente almeno al sessanta per cento in frutta e verdura fresche. Le verdure e la frutta in scatola non sono considerate alimenti validi con cui interrompere un digiuno. Le proteine ed i carboidrati della dieta compenseranno il rimanente quaranta per cento.

Oltre a migliorare la dieta, si dovrebbe rendere parte integrante della vita giornaliera di ciascun individuo, ogni altro fattore igienico che permette di costruire e mantenere un alto livello di salute. L’esercizio giornaliero, l’aria fresca, i bagni di sole se possibile, molto riposo e sonno, la tranquillità emotiva e la liberazione da tutte le abitudini nocive faciliteranno il processo di aumento di peso e la produzione del miglior tipo di tessuto.

Si sarà osservato che il presente consiglio è simile a quello dato agli individui obesi che avevano digiunato e desideravano costruire dei nuovi tessuti sani. Il fatto è che un modo di vita normale genera una condizione normale. Un peso normale affonda le sue basi nella buona salute e nelle migliori abitudini di vita. I bisogni naturali di entrambi i tipi di pazienti si equivalgono.

 

 

 

 

 

 

 

 

6 thoughts on “Digiunare per aumentare di peso

  1. Ciao, mi chiamo Daniele, domani sarò al 42esimo giorno di digiuno. Il giorno dopo comincerò dopo le ore 12(per rispettare uno dei cicli maggiori circadiani) a rinutrirmi con cibi solidi, partirò dalle mele e papaia, probabilmente per cambiare genere utilizzerò anche l’ananas. Partirò con questi frutti perchè sono di quelli che hanno abbondanti enzimi autodigerenti, quindi le prime digestioni risulteranno più facili e leggere. Ovviamente c’è un importanza cardine nella masticazione e salivazione del cibo. Il secondo giorno, comincerò con frutta dello stesso tipo per poi introdurre verdure crude, piano piano nei giorni a seguire, introdurrò il cibo cotto ma sempre in proporzione minore rispetto al crudo. In questo periodo sono dimagrito circa 15 kg, ero già abbastanza magro, ora risulto quasi scheletrico, ma è stato un passo necessario per una profonda pulizia. Avrò tempo per ingrassare più e meglio di prima. Un consiglio che voglio lasciare a chi vuole intraprendere un periodo di digiuno terapeutico di questa portata è di valutare bene l’importanza degli enteroclismi, del periodo in base al luogo dova si vive(si sente un pochino più freddo del solito) e cosa non secondaria: tentare di isolarsi più possibile dalla quotidianità perchè all’inizio le tentazioni possono far demordere, le persone intorno sapendo cosa fate o vedendo il cambiamento fisico, tenteranno di farvi rinunciare o criticheranno ciò che fate(purtroppo su questi sistemi c’è molta ignoranza).
    Siccome è una cura molto importante, c’è da non sottovalutare molti aspetti, per me va bene pubblicare la mia email per chi volesse chiedermi qualcosa: [email protected]
    Buon digiuno! Daniele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.