Di ARTHUR FIRSTENBERG – RADIAZIONI WIRELESS: ferma la rete 5G sulla Terra e nello Spazio, devastando gli impatti sulla salute e l’ambiente

venerdì 11 gennaio 2019

Appello internazionale: ci sono 26.740 firmatari a

 partire dal 4 dicembre 2018

All’ONU, all’OMS, all’UE, al Consiglio d’Europa  e ai governi di tutte le nazioni
Noi sottoscritti scienziati, medici, organizzazioni ambientaliste e cittadini provenienti da (__) paesi, chiediamo urgentemente una fermata per l’implementazione della rete wireless 5G (quinta generazione), incluso il 5G dai satelliti spaziali. 5G aumenterà in modo massiccio l’esposizione alle radiazioni a radiofrequenza (RF) sulle reti 2G, 3G e 4G per le telecomunicazioni già installate. Le radiazioni RF sono state dimostrate dannose per l’uomo e l’ambiente. Lo spiegamento del 5G costituisce un esperimento sull’umanità e sull’ambiente definito come un crimine secondo il diritto internazionale.
Sintesi
Le società di telecomunicazioni di tutto il mondo, con il supporto dei governi, sono in attesa entro i prossimi due anni per implementare la rete wireless di quinta generazione (5G). Questo è destinato a fornire ciò che è riconosciuto come un cambiamento sociale senza precedenti su scala globale. Avremo case “intelligenti”, imprese “intelligenti”, autostrade “intelligenti”, città “intelligenti” e auto a guida autonoma….

 Praticamente tutto ciò che possediamo e compriamo, dai frigoriferi alle lavatrici, dai cartoni per il latte, dalle spazzole per i capelli e dai pannolini per bambini, conterrà antenne e microchip e sarà connesso in modalità wireless a Internet. Ogni persona sulla Terra avrà accesso immediato a comunicazioni wireless ad altissima velocità ea bassa latenza da qualsiasi punto del pianeta, anche nelle foreste pluviali, nel mezzo oceano e nell’Antartico.

Ciò che non è ampiamente riconosciuto è che ciò comporterà anche cambiamenti ambientali senza precedenti su scala globale. La densità pianificata dei trasmettitori di radiofrequenza è impossibile da prevedere. Oltre a milioni di nuove stazioni base 5G sulla Terra e 20.000 nuovi satelliti nello spazio, 200 miliardi di oggetti trasmittenti, secondo le stime, faranno parte dell’Internet of Things entro il 2020 e un trilione di oggetti pochi anni dopo. A metà del 2018, il 5G commerciale a frequenze più basse e velocità più basse è stato utilizzato in Qatar, Finlandia ed Estonia. La distribuzione del 5G a frequenze estremamente elevate (onde millimetriche) è prevista per la fine del 2018.
Nonostante la diffusa negazione, l’evidenza che le radiazioni a radiofrequenza (RF) sono dannose per la vita è già schiacciante. L’evidenza clinica accumulata di esseri umani malati e feriti, prove sperimentali di danni a DNA, cellule e sistemi di organi in un’ampia varietà di piante e animali, e prove epidemiologiche che le principali malattie della civiltà moderna – cancro, malattie cardiache e diabete – sono in gran parte causata da inquinamento elettromagnetico, costituisce una base di letteratura di oltre 10.000 studi peer-reviewed.
Se i piani del settore delle telecomunicazioni per il 5G si realizzeranno,  nessuna persona, nessun animale, nessun uccello, nessun insetto e nessuna pianta sulla Terra sarà in grado di evitare l’esposizione, 24 ore al giorno, 365 giorni all’anno, a livelli di radiazione RF che sono decine o centinaia di volte più grandi di quello che esiste oggi, senza alcuna possibilità di fuga da nessuna parte sul pianeta. Questi piani 5G minacciano di provocare effetti gravi e irreversibili sugli esseri umani e danni permanenti a tutti gli ecosistemi della Terra.
Devono essere adottate misure immediate per proteggere l’umanità e l’ambiente, nel rispetto degli imperativi etici e degli accordi internazionali.
5G si tradurrà in un massiccio aumento dell’inevitabile, involontaria esposizione alle radiazioni wireless
5G a terra
Al fine di trasmettere l’enorme quantità di dati richiesti per l’Internet of Things (IoT), la tecnologia 5G, quando completamente implementata, utilizzerà onde millimetriche, che vengono trasmesse male attraverso il materiale solido. Ciò richiederà ad ogni operatore di installare stazioni base ogni 100 metri [1] in ogni area urbana del mondo. A differenza delle precedenti generazioni di tecnologia wireless, in cui una singola antenna trasmette su una vasta area, le stazioni base 5G ei dispositivi 5G avranno più antenne disposte in “phased array” [2], [3] che funzionano insieme per emettere focalizzato, orientabile, raggi laser simili che si inseguono l’un l’altro.
Ogni telefono 5G conterrà dozzine di minuscole antenne, tutte funzionanti insieme per tracciare e puntare un fascio focalizzato sulla torre più vicina. La Federal Communications Commission (FCC) degli Stati Uniti ha adottato delle regole [4] che consentono alla potenza effettiva di tali fasci di essere pari a 20 watt, dieci volte più potenti dei livelli consentiti per i telefoni attuali.
Ciascuna stazione base 5G conterrà centinaia o migliaia di antenne che puntano più raggi laser simili a tutti i telefoni cellulari e dispositivi utente nell’area di servizio. Questa tecnologia è chiamata “multiple input multiple output” o MIMO. Le regole FCC consentono che la potenza irradiata effettiva dei fasci di una stazione base 5G sia pari a 30.000 watt per 100 MHz di spettro, [2] o equivalentemente 300.000 watt per GHz di spettro, da decine a centinaia di volte più potente dei livelli consentiti per stazioni base correnti.
5G basato sullo spazio
Almeno cinque compagnie [5] stanno proponendo di fornire 5G dallo spazio da un totale di 20.000 satelliti in orbita bassa e media della Terra che copriranno la Terra con fasci potenti, focalizzati e orientabili. Ogni satellite emetterà onde millimetriche con una potenza effettiva irradiata di fino a 5 milioni di watt [6]da migliaia di antenne disposte in serie phased. Sebbene l’energia che raggiunge il suolo dai satelliti sarà inferiore a quella delle antenne a terra, irradierà le aree della Terra non raggiunte da altri trasmettitori e sarà aggiuntiva alle trasmissioni 5G a terra da miliardi di oggetti IoT. Ancora più importante, i satelliti saranno localizzati nella magnetosfera terrestre, che esercita un’influenza significativa sulle proprietà elettriche dell’atmosfera. L’alterazione dell’ambiente elettromagnetico della Terra può essere una minaccia alla vita ancora più grande della radiazione proveniente dalle antenne terrestri (vedi sotto).
Gli effetti nocivi delle radiazioni a radiofrequenza sono già stati dimostrati
Ancor prima che venisse proposta la 5G, decine di petizioni e appelli [7] da parte di scienziati internazionali, tra cui l’ Appello di Friburgo firmato da oltre 3.000 medici, hanno richiesto una fermata per l’espansione della tecnologia wireless e una moratoria sulle nuove stazioni di base. [8]
Nel 2015, 215 scienziati di 41 paesi hanno comunicato il loro allarme alle Nazioni Unite (ONU) e all’Organizzazione mondiale della sanità (OMS). [9] Hanno affermato che “numerose recenti pubblicazioni scientifiche hanno dimostrato che i campi elettromagnetici [campi elettromagnetici] colpiscono organismi viventi a livelli molto al di sotto della maggior parte delle linee guida internazionali e nazionali”. Più di 10.000 studi scientifici sottoposti a peer review dimostrano danni alla salute umana derivanti dalle radiazioni RF. [10] [11] Gli effetti includono:
Gli effetti nei bambini comprendono l’ autismo , [28] disturbo da deficit dell’attenzione e iperattività (ADHD) [29] [30] e asma . [31]
I danni vanno ben oltre la razza umana, poiché vi sono abbondanti prove di danni a diverse piante e animali [32] [33] e animali da laboratorio, tra cui:
Negative microbiologici effetti [48] sono stati inoltre registrati.
L’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) dell’OMS ha concluso nel 2011 che le radiazioni RF di frequenze da 30 kHz a 300 GHz sono probabilmente cancerogene per l’uomo (gruppo 2B) . [49] Tuttavia, recenti prove, tra cui gli ultimi studi sull’uso del telefono cellulare e il rischio di cancro al cervello, indicano che la radiazione RF è dimostrata cancerogena per l’uomo [50] e dovrebbe ora essere classificata come “cancerogeno del gruppo 1” insieme al fumo di tabacco e amianto.
La maggior parte dei segnali wireless contemporanei sono modulati a impulsi. Il danno è causato sia dall’onda portante ad alta frequenza che dalle pulsazioni a bassa frequenza. [51]
Lo spiegamento di satelliti 5G deve essere proibito
La Terra, la ionosfera e l’atmosfera inferiore formano il circuito elettrico globale [52] in cui viviamo. È ben noto che i ritmi biologici degli esseri umani, [53] [54] uccelli, [55] criceti, [56] e ragni [57] [58] sono controllati dall’ambiente elettromagnetico naturale della Terra e che il benessere di tutti gli organismi dipende dalla stabilità di questo ambiente, incluse le proprietà elettriche dell’atmosfera . [59] [60] [61] [62] Cherry , in un documento pionieristico, [63] ha spiegato l’importanza delle risonanze di Schumann [64] e perché i disturbi ionosferici possono alterare la pressione sanguigna e la melatonina e causare “cancro, malattie riproduttive, cardiache e neurologiche e morte”.
Questi elementi del nostro ambiente elettromagnetico sono già stati alterati dalle radiazioni delle linee elettriche. Le radiazioni armoniche della linea elettrica [65] raggiungono la ionosfera e la magnetosfera della Terra, dove vengono amplificate dalle interazioni onda-particella . [66] [67] Nel 1985, il dott. Robert O. Becker avvertì che la radiazione armonica della linea elettrica aveva già cambiato la struttura della magnetosfera, e che la continua espansione di questo effetto “minaccia la vitalità di tutta la vita sulla Terra”. [68]La collocazione di decine di migliaia di satelliti direttamente nella ionosfera e nella magnetosfera, che emettono segnali modulati a milioni di watt e milioni di frequenze, può alterare il nostro ambiente elettromagnetico oltre la nostra capacità di adattamento. [69]
Il monitoraggio informale ha già fornito prove che indicano effetti gravi su esseri umani e animali dai circa 100 satelliti che hanno fornito il servizio telefonico 2G e 3G dall’orbita bassa dal 1998. Tali effetti non possono essere compresi solo dalla considerazione dei bassi livelli di radiazioni sul terreno. La conoscenza di altre discipline scientifiche pertinenti deve essere presa in considerazione, compresi i campi della fisica dell’atmosfera e dell’agopuntura. [70] [71] [72] [73] L’aggiunta di 20.000 satelliti 5G inquinerà ulteriormente il circuito elettrico globale [74] [75] e potrebbe alterare le risonanze di Schumann , [76] con cui si è evoluta tutta la vita sulla Terra. Gli effetti saranno universali e potrebbero essere profondamente dannosi.
5G è qualitativamente e quantitativamente diverso da 4G
L’idea che tollereremo da decine a centinaia di volte più radiazioni a lunghezze d’onda millimetriche si basa sulla modellazione errata del corpo umano come un guscio riempito con un liquido omogeneo . [77] [78] L’ipotesi che le onde millimetriche non penetrino oltre la pelle ignora completamente i nervi, [79] ivasi sanguigni [80] [81] e altre strutture elettricamente conduttive che possono trasportare correnti indotte dalle radiazioni nel corpo. [82] [83] [84]Un altro errore potenzialmente più grave è che gli array a fasi non sono antenne ordinarie. Quando un normale campo elettromagnetico entra nel corpo, fa muovere le cariche e le correnti fluiscono. Ma quando gli impulsi elettromagnetici estremamente brevi entrano nel corpo, succede qualcos’altro: le stesse cariche in movimento diventano piccole antenne che rilanciano il campo elettromagnetico e lo mandano più in profondità nel corpo. Queste onde reimpostate sono chiamate precursori di Brillouin . [85] Diventano significativi quando la potenza o la fase delle onde cambiano abbastanza rapidamente . [86] Il 5G probabilmente soddisferà entrambi i criteri.
Inoltre, la penetrazione superficiale di per sé pone un pericolo unico per gli occhi e per l’organo più grande del corpo, la pelle, così come per le creature molto piccole. Recentemente sono stati pubblicati studi peer-reviewed, che prevedono ustioni cutanee termiche [87] nell’uomo dalla radiazione 5G e assorbimento risonante da parte di insetti , [88] che assorbono fino a 100 volte più radiazioni a lunghezze d’onda millimetriche come fanno a lunghezze d’onda attualmente in uso . Poiché le popolazioni di insetti volanti sono diminuite del 75-80% dal 1989 anche in aree naturali protette, [89] le radiazioni 5G potrebbero avere effetti catastrofici sulle popolazioni di insetti in tutto il mondo. Uno studio del 1986 di Om Gandhiha avvertito che le onde millimetriche sono fortemente assorbite dalla cornea dell’occhio e che l’abbigliamento ordinario, essendo di dimensioni millimetriche, aumenta l’assorbimento di energia da parte della pelle con un effetto di tipo risonanza. [90] Russell (2018)esamina gli effetti noti delle onde millimetriche su pelle, occhi (inclusi cataratta), frequenza cardiaca, sistema immunitario e DNA. [91]
I regolatori hanno deliberatamente escluso la prova scientifica del danno
Le parti interessate finora nello sviluppo del 5G sono state l’industria e i governi, mentre i rinomati scienziati EMF internazionali che hanno documentato effetti biologici su esseri umani, animali, insetti e piante e gli effetti allarmanti sulla salute e sull’ambiente in migliaia di studi peer-reviewed sono stati escluso. Il motivo dell’attuale inadeguato orientamento di sicurezza è che i conflitti di interesse degli organismi preposti alla normazione “a causa dei loro rapporti con le telecomunicazioni o le società elettriche minano l’imparzialità che dovrebbe governare la regolamentazione degli standard di esposizione pubblica per le radiazioni non ionizzanti”. [92] Il professor emerito Martin L. Pall espone dettagliatamente i conflitti di interesse e gli elenchi di importanti studi che sono stati esclusi,revisione della letteratura . [93]
L’ipotesi termica è obsoleta: sono necessari nuovi standard di sicurezza
Le attuali linee guida sulla sicurezza si basano sull’ipotesi obsoleta secondo cui il riscaldamento è l’unico effetto dannoso dei campi elettromagnetici. Come hanno affermato Markov e Grigoriev , “oggi gli standard non considerano il vero inquinamento dell’ambiente con radiazioni non ionizzanti”. [94]Centinaia di scienziati, tra cui molti firmatari di questo appello, hanno dimostrato che molti tipi diversi di malattie e ferite acute e croniche sono causati senza riscaldamento (“effetto non termico”) da livelli di radiazioni molto al di sotto delle linee guida internazionali. 9 Gli effetti biologici si verificano anche a livelli di potenza vicini allo zero. Gli effetti che sono stati trovati a 0,02 picowatt (trilioni di watt) per centimetro quadrato o meno includonostruttura genetica alterata in E. coli [95] e nei ratti , [96] EEG alterato negli esseri umani, [97] stimolazione della crescita nelle piante di fagioli, [98] e stimolazione dell’ovulazione nei polli. [99]
Per proteggersi dagli effetti non termici, è necessario prendere in considerazione la durata dell’esposizione. 5G esporterà tutti a molte più trasmissioni simultaneamente e continuamente, giorno e notte senza interruzione. Sono necessari nuovi standard di sicurezza e dovrebbero essere basati sull’esposizione cumulativa e non solo sui livelli di potenzama anche su frequenza, ampiezza di banda, modulazione, forma d’onda, ampiezza dell’impulso e altre proprietà biologicamente importanti. Le antenne devono essere limitate a luoghi specifici e identificati. Per proteggere gli esseri umani, le antenne devono essere situate lontano da dove le persone vivono e lavorano, ed escluse dai diritti di passaggio pubblici in cui le persone camminano. Per proteggere la fauna selvatica, devono essere esclusi dai santuari selvaggi e rigorosamente ridotti al minimo nelle aree remote della Terra. Per proteggere tutta la vita, i satelliti per le comunicazioni commerciali devono essere limitati e vietati nelle orbite della Terra bassa e media. Gli array in fase devono essere proibiti sulla Terra e nello spazio.
La radiazione RF ha effetti sia acuti che cronici
La radiazione RF ha effetti sia immediati che a lungo termine. Il cancro e le malattie cardiache sono esempi di effetti a lungo termine. Alterazione del ritmo cardiaco [100] e cambiamenti nella funzione cerebrale (EEG) [101] sono esempi di effetti immediati. Una sindrome che si chiamava malattia dell’onda radioattiva [102] nell’ex Unione Sovietica e che oggi si chiama ipersensibilità elettromagnetica (EHS) nel mondo [103] può essere acuta o cronica. Il professor Dr. Karl Hecht ha pubblicato una storia dettagliatadi queste sindromi, compilate da una revisione di oltre 1.500 articoli scientifici russi e delle storie cliniche di oltre 1.000 dei suoi pazienti in Germania. I risultati oggettivi comprendono disturbi del sonno, pressione arteriosa e frequenza cardiaca, disturbi digestivi, perdita di capelli, tinnito e rash cutaneo. I sintomi soggettivi comprendono vertigini, nausea, mal di testa, perdita di memoria, incapacità di concentrazione, affaticamento, sintomi simil-influenzali e dolore cardiaco. [104]
La linea guida EMF EUROPAEM afferma che l’EHS si sviluppa quando le persone sono “continuamente esposte nella loro vita quotidiana” a livelli crescenti di campi elettromagnetici e che “la riduzione e la prevenzione dell’esposizione a campi elettromagnetici” è necessaria per ripristinare questi pazienti alla salute. [105] L’ EHS non dovrebbe più essere considerato una malattia, ma un danno causato da un ambiente tossico che colpisce una parte sempre più grande della popolazione, stimata già in 100 milioni di persone in tutto il mondo, [106] [107] e che potrebbe presto interessare tutti [ 108] se è consentita l’introduzione in tutto il mondo di 5G.
La Dichiarazione Scientifica Internazionale sull’EHS e la sensibilità chimica multipla (MCS) , Bruxelles, ha dichiarato nel 2015 che ” [i] nazione è un costo per la società e non è più un’opzione … [W] unanimemente riconosce questo grave pericolo per la salute pubblica … [che richiede con urgenza] che le principali misure di prevenzione primaria siano adottate e prioritarie, per affrontare in prospettiva questa panepepidemia in tutto il mondo “(enfasi aggiunta). [109]
I governi mondiali stanno fallendo nel loro dovere di diligenza nei confronti delle popolazioni che governano
Nella loro fretta di implementare il 5G e incoraggiare l’uso non vincolato dello spazio esterno, l’Unione Europea, gli Stati Uniti e i governi nazionali di tutto il mondo stanno adottando misure per garantire un ambiente normativo “senza barriere”. [110] Stanno vietando alle autorità locali di far rispettare le leggi ambientali , [111] e “nell’interesse di un dispiegamento rapido ed economico”, eliminando “oneri inutili … come le procedure di pianificazione locale [e] la varietà di limiti specifici sull’elettromagnetismo emissioni di campi (EMF) e dei metodi necessari per aggregarli “. [112]
I governi stanno anche promulgando leggi per rendere le strutture wireless un uso consentito in tutti i diritti pubblici di passaggio. [113] Ad oggi, la maggior parte delle strutture wireless sono state collocate in una proprietà privata a una certa distanza da case e aziende. Affinché siano distanziati a meno di 100 metri di distanza come richiesto dal 5G, tuttavia, ora si troveranno sul marciapiede direttamente davanti a case e imprese e vicino alle teste dei pedoni, comprese le madri con bambini.
I requisiti di pubblicazione pubblica e le udienze pubbliche sono stati eliminati. Anche se ci fosse un’audizione e 100 esperti scientifici dovessero testimoniare contro il 5G, sono state approvate leggi che rendono illegale per le autorità locali prendere in considerazione la loro testimonianza. La legge statunitense, ad esempio, proibisce ai governi locali di regolamentare la tecnologia wireless “sulla base degli effetti ambientali delle radiazioni a radiofrequenza” [114] e le corti hanno invertito le decisioni normative in merito al posizionamento delle torri cellulari semplicemente perché la maggior parte delle testimonianze pubbliche riguardava la salute . [115] Gli assicuratori non forniranno copertura contro i rischi EMF, [116]e non vi è chiarezza su quale entità assumerà la responsabilità legale per danni alla vita, agli arti e alle proprietà derivanti dall’esposizione al 5G, sia a terra che a spazio. [117]
In assenza di un regime giuridico completo concordato che disciplina le attività nello spazio, la responsabilità legale per tali attività è inesistente, nonostante la prospettiva di interi continenti, l’atmosfera e gli oceani messi a rischio da essi.
 Accordi internazionali sono stati violati
Bambini e dovere di diligenza
La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia : gli Stati devono “impegnarsi a garantire al minore tale protezione e cura necessarie per il suo benessere” (articolo 3), “assicurare … la sopravvivenza e lo sviluppo del bambino “(Articolo 6) e” adottare misure adeguate per combattere le malattie … tenendo conto dei pericoli e dei rischi dell’inquinamento ambientale “(articolo 24, lettera c)).
Il Codice di Norimberga (1949 ) si  applica a tutti gli esperimenti sugli esseri umani, includendo in tal modo il dispiegamento del 5G con una nuova esposizione alle radiazioni RF che non è stata testata prima della commercializzazione per motivi di sicurezza. “Il consenso volontario del soggetto umano è assolutamente essenziale” (articolo 1). L’esposizione al 5G sarà involontaria. “Nessun esperimento dovrebbe essere condotto, dove ci sia una ragione a priori per credere che si verificherà la morte o la lesione invalidante” (articolo 5). I risultati di oltre 10.000 studi scientifici e le voci di centinaia di organizzazioni internazionali che rappresentano centinaia di migliaia di membri che hanno subito lesioni invalidanti e sono stati spostati dalle loro strutture di telecomunicazioni wireless già esistenti, sono “ragioni a priori per credere che la morte o si verificherà una lesione invalidante “.
Obbligo di informazione e campi elettromagnetici
La World Telecommunication Standardization Assembly (2012 ) dell’International Telecommunication Union (ITU) afferma che “[qui] è necessario informare il pubblico dei potenziali effetti dell’esposizione ai campi elettromagnetici (CEM)” e invita gli Stati membri “ad adottare misure adeguate per garantire la conformità con le raccomandazioni internazionali pertinenti per proteggere la salute dagli effetti negativi dei campi elettromagnetici “.
Revisione intermedia del piano d’azione europeo per l’ambiente e la salute 2004-2010 (2008): “Il Parlamento europeo … [n] che i limiti di esposizione ai campi elettromagnetici stabiliti per il grande pubblico sono obsoleti, … ovviamente non tenere conto degli sviluppi nelle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, delle raccomandazioni formulate dall’Agenzia europea dell’ambiente o delle norme di emissione più rigorose adottate, ad esempio, dal Belgio, dall’Italia e dall’Austria e non affrontare la questione dei gruppi vulnerabili, come donne incinte, neonati e bambini. “
Risoluzione 1815 (Consiglio d’Europa, 2011) : “Prendere tutte le misure ragionevoli per ridurre l’esposizione ai campi elettromagnetici, in particolare alle radiofrequenze dai telefoni cellulari, e in particolare l’esposizione a bambini e giovani”.
Ambiente
La dichiarazione della Conferenza delle Nazioni Unite sull’ambiente umano (1972): “Lo scarico di sostanze tossiche … in quantità o concentrazioni tali da eccedere la capacità dell’ambiente di renderle innocue, deve essere fermato al fine di garantire che le il danno irreversibile non viene inflitto agli ecosistemi “(principio 6).
La World Charter for Nature (1982): “Le attività che possono causare danni irreversibili alla natura devono essere evitate … [W] qui i potenziali effetti avversi non sono completamente compresi, le attività non dovrebbero procedere” (articolo 11).
La Dichiarazione di Rio sull’ambiente e lo sviluppo (1992): “Gli Stati hanno … la responsabilità di assicurare che le attività che rientrano nella loro giurisdizione o controllo non causino danni all’ambiente di altri Stati o di aree oltre i limiti della giurisdizione nazionale” (principio 2) .
Il Vertice mondiale delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile (2002): “C’è un urgente bisogno di … creare risposte politiche nazionali e regionali più efficaci alle minacce ambientali alla salute umana” (paragrafo 54 (k)).
La convenzione africana per la conservazione della natura e delle risorse naturali (2017): “Le parti adottano tutte le misure appropriate per prevenire, mitigare ed eliminare nella misura massima possibile gli effetti nocivi sull’ambiente, in particolare radioattivi, tossici e altre sostanze pericolose e rifiuti “(articolo 13).
Salute e diritti umani
La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani : “Tutti hanno diritto alla vita, alla libertà e alla sicurezza della persona” (articolo 3).
La strategia globale delle Nazioni Unite per la salute delle donne, dei bambini e degli adolescenti (2016-2030)  ha come obiettivi e obiettivi la “trasformazione”, espandendo gli ambienti abilitanti; “sopravvivere”, riducendo la mortalità materna e neonatale; e per “prosperare” garantendo salute e benessere e riducendo le morti e le malattie legate all’inquinamento.
Spazio
Il Trattato sullo Spazio Esterno (1967) richiede che l’uso dello spazio esterno sia condotto “in modo da evitare [la sua] contaminazione dannosa e anche cambiamenti avversi nell’ambiente della Terra” (articolo IX).
Le linee guida delle Nazioni Unite per la sostenibilità a lungo termine delle attività dello spazio extra-atmosferico (2018): “Gli Stati e le organizzazioni intergovernative internazionali devono affrontare … i rischi per le persone, la proprietà, la salute pubblica e l’ambiente associato al lancio, alle operazioni in orbita e alle ingresso di oggetti spaziali “(linea guida 2.2 (c)).
I governi mondiali stanno giocando a dadi con la vita sulla Terra
Albert Einstein affermò che “Dio non gioca a dadi”. [118] Tuttavia, perseguendo la trasmissione sulla Terra e dallo spazio del 5G, una tecnologia senza precedenti di onde millimetriche precedentemente utilizzata come arma energetica nelle operazioni militari e controllo della folla , [119] i governi del mondo giocano incautamente ai dadi con il futuro della vita Terra.
Rifiutare di accettare e applicare conoscenze scientifiche pertinenti e valide è eticamente inaccettabile. La ricerca esistente dimostra che i principi 5G, in particolare quelli basati sullo spazio, contravvengono a una serie di accordi internazionali.
Facciamo appello all’ONU, all’OMS, all’UE, al Consiglio d’Europa e ai governi di tutte le nazioni,
(a) adottare misure immediate per arrestare lo spiegamento del 5G sulla Terra e nello spazio al fine di proteggere tutta l’umanità, in particolare il nascituro, i neonati, i bambini, gli adolescenti e le donne incinte, nonché l’ambiente;
(b) Seguire la Risoluzione 1815 della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia e del Consiglio d’Europa, informando i cittadini, compresi insegnanti e medici, sui rischi per la salute (per adulti e bambini) dalle radiazioni RF e perché dovrebbero e come possono evitare le comunicazioni wireless e le stazioni base, in particolare nei o vicino a centri diurni, scuole, ospedali, case e luoghi di lavoro;
(c) Favorire e implementare le telecomunicazioni cablate anziché wireless;
(d) di vietare l’industria / telecomunicazioni wireless attraverso le sue organizzazioni di lobby da convincere i funzionari a prendere decisioni che permettano un’ulteriore espansione delle radiazioni RF, inclusi sotterranee e 5G spaziali;
(e) nominare immediatamente, senza influenze del settore, gruppi internazionali di EMF e scienziati sanitari indipendenti e veramente imparziali senza conflitti di interesse [120] allo scopo di stabilire nuovi standard di sicurezza internazionali per le radiazioni RF che non si basano solo sul potere livelli che considerano l’esposizione cumulativa e che proteggono da tutti gli effetti sulla salute e sull’ambiente, non solo effetti termici e non solo effetti sugli esseri umani;
(f) nominare immediatamente, senza influenza industriale, gruppi internazionali di scienziati con esperienza in campi elettromagnetici, salute, biologia e fisica dell’atmosfera, allo scopo di sviluppare un quadro normativo completo che garantisca che gli usi dello spazio esterno siano sicuri per gli esseri umani e l’ambiente, tenendo conto delle radiazioni RF, dei gas di scarico dei razzi, della fuliggine nera e dei detriti spaziali e dei loro impatti sull’ozono , [121] riscaldamento globale , [122] l’atmosfera e la conservazione della vita sulla Terra. Non solo la tecnologia a terra ma anche quella spaziale deve essere sostenibile [123] per adulti e bambini, animali e piante.
Si prega di rispondere all’amministratore di ricorso elencato di seguito,
dettagliare le misure che intendete adottare per proteggere la popolazione globale dall’esposizione alle radiazioni RF, in particolare le radiazioni 5G. Questo appello e la tua risposta saranno disponibili pubblicamente su www.5gSpaceAppeal.org .
Rispettosamente presentato,
Arthur Firstenberg, amministratore di ricorso, [email protected]
***
Primi firmatari
AFRICA
Lauraine Margaret Helen Vivian , PhD, Antropologia e Psichiatria; Associata di ricerca onoraria, Facoltà di Scienze mediche e sanitarie, Università di Copenaghen, Danimarca. Firmatario per il Sudafrica
ASIA
Girish Kumar , PhD, Professore, Dipartimento di ingegneria elettrica, Indian Institute of Technology Bombay, Powai, Mumbai, India
AUSTRALIA
Don Maisch , PhD, ricercatore indipendente, autore di “The Procrustean Approach”, Lindisfarne, Tasmania, Australia
EUROPE
Alfonso Balmori , BSc, Master in Educazione ambientale, Biologo. Valladolid, Spagna
Klaus Buchner , Dr. rer. nat., Professore, eurodeputato – Membro del Parlamento europeo, Kompetenzinitiative zum Schutz von Mensch, Umwelt und Demokratie eV, München, Germania
Daniel Favre , Dr. phil. nat., Biologo, ARA (Associazione Romande Alerte aux Ondes Electromagnétiques), Svizzera
Annie Sasco , MD, DrPH, SM, HDR, ex capo dell’unità di ricerca di Epidemiologia per la prevenzione del cancro presso l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC), Lione; ex capo ad interim, programma per il controllo del cancro dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS); ex direttore della ricerca presso l’Institut National de la Santé et de la Recherche Médicale (INSERM); Francia
NORD AMERICA
Martin Pall , professore emerito di biochimica e scienze mediche di base, Washington State University, residente a Portland, Oregon, USA
Kate Shower s , PhD, Soil Science, Senior Research Fellow, Centro per la storia ambientale mondiale, Università del Sussex, Falmer, Brighton, Regno Unito, residente a Bolton-Est, Québec,Canada
AMERICA DEL SUD
Carlos Sosa , MD, Università di Antioquia, Medellín, Colombia
*
Nota per i lettori: fai clic sui pulsanti di condivisione sopra. Inoltra questo articolo ai tuoi elenchi di posta elettronica. Crosspost sul tuo blog, forum su internet. eccetera.
Gli appunti
[1]  De Grasse M. AT & T delinea l’architettura di rete 5G. RCR Wireless News, 20 ottobre 2016. https://www.rcrwireless.com/20161020/network-infrastructure/att-outlines-5g-network-architecture-tag4 . Accesso effettuato il 9 luglio 2018.
[2] Hong W, Jiang ZH, Yu C, et al. Tecnologie di antenna multibeam per comunicazioni wireless 5G. IEEE Tr Ant Prop. 2017; 65 (12): 6231-6249. doi: 10.1109 / TAP.2017.2712819.
[3] Chou HT. Metodologia di progettazione per la matrice phased a raggi multipli di antenne con un settore di copertura relativamente arbitrario. Documento congressuale: 11a Conferenza europea sull’antenna e la propagazione; Parigi, Francia. doi: 10.23919 / EuCAP.2017.7928095.
[4] 47 CFR § 30.202 – Limiti di potenza.
[6] Commissione federale delle comunicazioni. In attesa di domanda di autorizzazione per lo spazio satellite e la stazione terrestre. Programma S, rapporto tecnico. Datato aprile 2016, archiviato il 1 marzo 2017. http://licensing.fcc.gov/myibfs/download.do?attachment_key=1200245 . Accesso 17 giugno 2018.
[7] Governi e organizzazioni che vietano o mettono in guardia contro la tecnologia wireless. Sito Web di Task Force del telefono cellulare. http://www.cellphonetaskforce.org/governments-and-organizations-that-ban-or-warn-against-wireless-technology/ . Accesso 10 giugno 2018. Aggiornato continuamente.
[8] The International Doctors Appeal (Freiburger Appeal). http://freiburger-appell-2012.info/en/home.php?lang=EN . Pubblicato nel 2012. Accessed June 10, 2018.
[9] Appello internazionale: gli scienziati chiedono protezione dall’esposizione a campi elettromagnetici non ionizzanti. Sito Web di International EMF Scientist Appeal. https://emfscientist.org/index.php/emf-scientist-appeal . Pubblicato l’11 maggio 2015. Accesso al 10 giugno 2018. A marzo 2018, 237 scienziati EMF di 41 nazioni avevano firmato l’Appello.
[10] Glaser Z. Indice cumulato alla bibliografia dei fenomeni biologici segnalati (“effetti”) e delle manifestazioni cliniche attribuite alle radiazioni a microonde ea radio-frequenza: report, supplementi (numero 1-9). Newsletter di BEMS (da B-1 a B-464), 1971-1981. http://www.cellphonetaskforce.org/wp-content/uploads/2018/06/Zory-Glasers-index.pdf.Consultato il 26 giugno 2018. Rapporto e 9 supplementi rilasciati dall’istituto di ricerca medica navale, Bethesda, MD; Divisione di Ricerca, Bureau of Medicine & Surgery, Dipartimento della Marina, Washington, DC; Ufficio per il progetto delle radiazioni elettromagnetiche, Comando di ricerca e sviluppo per la ricerca medica navale, Bethesda, MD; Centro di armi di superficie navale, Dahlgren, VA; e Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro, Rockville, MD. Indice di Julie Moore and Associates, Riverside, CA, 1984. Il tenente Zorach Glaser, PhD, ha catalogato 5.083 studi, libri e rapporti di conferenze per la Marina degli Stati Uniti fino al 1981.
[11] Sage C, Carpenter D., eds. Rapporto Biolnitiative: una motivazione per uno standard di esposizione pubblica a base biologica per le radiazioni elettromagnetiche. Sage Associates; 2012.  www.bioinitiative.org . Consultato il 10 giugno 2018. Il BioInitiative Report di 1.470 pagine, creato da un gruppo internazionale di 29 esperti, ha esaminato oltre 1.800 nuovi studi ed è continuamente aggiornato.
[12] Grigoriev Y. Bioeffetti di campi elettromagnetici modulati negli esperimenti acuti (risultati di ricerche russe). Annu Russ Natl Comm Non ionizzante Radiat Protect. 2004: 16-73. http://bemri.org/publications/biological-effects-of-non-ionizing-radiation/78-grigoriev-bioeffects07/file.html . Accesso 17 giugno 2018.
[13] Obajuluwa AO, Akinyemi AJ, Afolabi OB, et al. L’esposizione alle onde elettromagnetiche a radiofrequenza altera l’espressione genica dell’acetilcolinesterasi, il comportamento esplorativo e motorio-coordinato-correlato nei ratti maschi.Toxicol Rep. 2017; 4: 530-534. https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S221475001730063X/pdfft?md5=0af5af76124b1f89f6d23c90c5c7764f&pid=1-s2.0-S221475001730063X-main.pdf . Accesso 17 giugno 2018.
[14] Volkow ND, Tomasi D, Wang GJ, et al. Effetti dell’esposizione del segnale a radiofrequenza del telefono cellulare sul metabolismo del glucosio cerebrale. JAMA. 2012; 305 (8): 808-813. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3184892 . Accesso 17 giugno 2018.
[15] Eghlidospour M, Ghanbari A, Mortazavi S, Azari H. Effetti dell’esposizione a radiofrequenza emessi da un telefono cellulare GSM sulla proliferazione, differenziazione e apoptosi delle cellule staminali neurali. Anat Cell Biol. 2017; 50 (2): 115-123. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5509895 . Accesso 17 giugno 2018.
[16] Hardell L, Carlberg C. Telefoni cellulari, telefoni cordless e il rischio di tumori cerebrali. Int J Oncol.2009; 35 (1): 5-17. https://www.spandidos-publications.com/ijo/35/1/5/download . Accesso 17 giugno 2018.
[17] Bandara P, Weller S. Malattia cardiovascolare: è il momento di identificare i fattori di rischio ambientali emergenti. Eur J Prev Cardiol. 2017; 24 (17): 1819-1823. http://journals.sagepub.com/doi/10.1177/2047487317734898 . Accesso 17 giugno 2018.
[18] Deshmukh P et al. Compromissione cognitiva ed effetti neurogenotossici nei ratti esposti a radiazioni a microonde a bassa intensità. Toxicol Int J. 2015; 34 (3): 284-290. doi: 10.1177 / 1091581815574348.
[19] Zothansiama, Zosangzuali M, Lalramdinpuii M, Jagetia GC. Impatto delle radiazioni a radiofrequenza sui danni al DNA e antiossidanti nei linfociti del sangue periferico degli esseri umani residenti nelle vicinanze delle stazioni base di telefonia mobile. Electromag Biol Med. 2017; 36 (3): 295-305. doi: 10.1080 / 15368378.2017.1350584.
[20] Zwamborn A, Vossen S, van Leersum B, Ouwens M, Mäkel W. Effetti dei campi di radiofrequenza del sistema di comunicazione globale sul benessere e sulle funzioni cognitive di soggetti umani con e senza disturbi soggettivi. Rapporto TNO FEL-03-C148. L’Aia: laboratorio TNO di fisica ed elettronica; 2003. http://www.milieugezondheid.be/dossiers/gsm/TNO_rapport_Nederland_sept_2003.pdf .
Accesso 16 giugno 2018.
[21] Havas M. Quando teoria e osservazione si scontrano: le radiazioni non ionizzanti possono provocare il cancro? Environ Pollut. 2017; 221: 501-505. doi: 10.1016 / j.envpol.2016.10.018.
[22] Narayanan SN, Kumar RS, Potu BK, Nayak S, Mailankot M. Spettacolo di memoria spaziale dei ratti Wistar esposti al telefono cellulare. Cliniche. 2009; 64 (3): 231-234. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2666459 . Accesso 17 giugno 2018.
[23] Houston BJ, Nixon B, King BV, De Iuliis GN, Aitken RJ. Gli effetti della radiazione elettromagnetica a radiofrequenza sulla funzione spermatica. Riproduzione. 2016; 152 (6): r263-R266. http://www.reproduction-online.org/content/152/6/R263.long . Accesso 17 giugno 2018.
[24] Han J, Cao Z, Liu X, Zhang W, Zhang S. Effetto della precoce esposizione al campo elettromagnetico della gravidanza sulla cessazione della crescita degli embrioni. Wei Sheng Yan Jiu. 2010; 39 (3): 349-52 (in cinese). https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20568468 .
[25] Salford LG, Brun AE, Eberhardt JL, Malmgren L, Persson BRR. Danni alle cellule nervose nel cervello dei mammiferi dopo l’esposizione alle microonde dai telefoni cellulari GSM. Environ Health Perspect. 2003; 111 (7): 881-883. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1241519/pdf/ehp0111-000881.pdf . Accesso 17 giugno 2018.
[26] Milham S. Prova che l’elettricità sporca sta causando l’epidemia mondiale di obesità e diabete. Electromagn Biol Med. 2014; 33 (1): 75-78. doi: 10.3109 / 15368378.2013.783853.
[27] Yakymenko I, Tsybulin O, Sidorik E, Henshel D, Kyrylenko O, Kyrylenko S. Meccanismi ossidativi dell’attività biologica delle radiazioni a bassa intensità a radiofrequenza. Electromagn Biol Med. 2016; 35 (2): 186-202. doi: 10.3109 / 15368378.2015.1043557.
[28] Herbert M, Sage C. risultati in autismo (ASD) coerente con campi elettromagnetici (EMF) e radiazioni a radiofrequenza (RFR). In: Sage C, Carpenter D., eds. Rapporto Biolnitiative: una motivazione per uno standard di esposizione pubblica a base biologica per le radiazioni elettromagnetiche. Sez. 20. Sage Associates; 2012. http://www.bioinitiative.org/report/wp-content/uploads/pdfs/sec20_2012_Findings_in_Autism.pdf . Accesso effettuato il 29 giugno 2018.
[29] Divan HA, Kheifets L, Obel C, Olsen J. Esposizione prenatale e postnatale all’uso del telefono cellulare e problemi comportamentali nei bambini. Epidemiologia 2008; 19: 523-529. http://www.wifiinschools.com/uploads/3/0/4/2/3042232/divan_08_prenatal_postnatal
_cell_phone_use.pdf
 . Accesso effettuato il 29 giugno 2018.
[30] Divan HA, Kheifets L, Obel C, Olsen J. Uso del telefono cellulare e problemi comportamentali nei bambini piccoli. J Epidemiol Community Health. 2010; 66 (6): 524-529. doi: 10.1136 / jech.2010.115402. Accesso 16 luglio 2018.
[31] Li DK, Chen H, Odouli R. Esposizione materna a campi magnetici durante la gravidanza in relazione al rischio di asma nella prole. Arch Pediatr Adolesc Med. 2011; 165 (10): 945-950. https://jamanetwork.com/journals/jamapediatrics/fullarticle/1107612 . Accesso effettuato il 29 giugno 2018.
[32] Warnke U. Bees, Birds and Mankind: Distruggere la natura con “Electrosmog”. Iniziativa di competenza per la protezione dell’umanità, dell’ambiente e della democrazia; 2009.  www.naturalscience.org/wp- content / uploads / 2015/01 / kompetenzinitiative-ev_study_bees-birds-and-mankind_04-08_english.pdf . Accesso 10 giugno 2018.
[33] Balmori A. Inquinamento elettromagnetico da montanti telefonici. Effetti sulla fauna selvatica. Fisiopatologia. 2009; 16: 191-199. doi: 10.1016 / j.pathophys.2009.01.007. Accesso 10 giugno 2018.
[34] Cammaerts MC, Johansson O. Le formiche possono essere utilizzate come bioindicatori per rivelare gli effetti biologici delle onde elettromagnetiche di alcuni apparati wireless. Electromagn Biol Med. 2014; 33 (4): 282-288. doi: 10.3109 / 15368378.2013.817336.
[35] Broomhall M. riporta in dettaglio l’esodo di specie dal Monte. Area Nardi dell’area del patrimonio mondiale del Parco nazionale di Nightcap per un periodo di 15 anni (2000-2015). Rapporto per l’Organizzazione Scientifica e Culturale delle Nazioni Unite per l’educazione (UNESCO). https://ehtrust.org/wp-content/uploads/Mt-Nardi-Wildlife-Report-to-UNESCO-FINAL.pdf . Accesso 17 giugno 2018.
[36] Kordas D. Uccelli e alberi della Grecia settentrionale: cambiamenti dopo l’avvento di 4G Wireless. 2017. https://einarflydal.files.wordpress.com/2017/08/kordas-birds-and-trees-of-northern-greece-2017-final.pdf . Accesso effettuato il 29 giugno 2018.
[37] Waldmann-Selsam C, Balmori-de la Puente A, Breunig H, Balmori A. Le radiazioni a radiofrequenza feriscono gli alberi intorno alle stazioni base dei telefoni cellulari. Sci Total Environ. 2016; 572: 554-569. doi: 10.1016 / j.scitotenv.2016.08.045.
[38] Balmori A. Effetti mast di telefono cellulare su girini di rane comuni (Rana temporaria): la città si è trasformata in un laboratorio. Electromagn Biol Med. 2010 (1-2): 31-35. doi: 10.3109 / 15368371003685363.
[39] Margaritis LH, Manta AK, Kokkaliaris KD, et al. Oogenesi della drosofila come bio-marcatore che risponde alle fonti EMF. Electromagn Biol Med. 2014; 33 (3): 165-189. doi: 10.3109 / 15368378.2013.800102.
[40] Kumar NR, Sangwan S, Badotra P. L’esposizione alle radiazioni dei telefoni cellulari produce cambiamenti biochimici nelle api operaie. Toxicol Int. 2011; 18 (1): 70-72. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3052591. Accesso 17 giugno 2018.
[41] Balmori A. Efectos de las radiaciones electromagnéticas de la telefonía móvil sobre los insectos.Ecosistemas. 2006; 15 (1): 87-95. https://www.revistaecosistemas.net/index.php/ecosistemas/article/ download / 520/495 . Accesso 17 giugno 2018.
[42] Balmori A. L’incidenza dell’inquinamento elettromagnetico sui mammiferi selvatici: un nuovo “veleno” con un rallentamento della natura? Ambientalista. 2010; 30 (1): 90-97. doi: 10.1007 / s10669-009-9248-y
[43] Magras IN, Xenos TD. Cambiamenti indotti dalla radiazione RF nello sviluppo prenatale dei topi. Bioelectromagnetics 1997; 18 (6): 455-461. http://collectiveactionquebec.com/uploads/8/0/9/7/80976394/exhibit_r-62_magras_mice_study.pdf . Accesso 17 giugno 2018.
[44] Otitoloju AA, Osunkalu VO, Oduware R, et al. Effetti ematologici della radiazione a radiofrequenza dalle stazioni base GSM su quattro generazioni successive (F1 – F4) di topi albini, Mus Musculus. J Environ Occup Sci. 2012; 1 (1): 17-22. https://www.ejmanager.com/mnstemps/62/62-1332160631.pdf?t=1532966199 . Accesso effettuato il 30 luglio 2018.
[45] Magone I. Effetto delle radiazioni elettromagnetiche dalla stazione di posizione radiofonica di Skrunda sulle culture di Spirodela polyrhiza (L.) Schleiden. Sci Total Environ. 1996; 180 (1): 75-80. doi: 0048-9697 (95) 04922-3.
[46] Nittby H, Brun A, Strömblad S, et al. Effetti elettromagnetici GSM RF ed ELF EMF sulla permeabilità del BBB del ratto. Ambientalista. 2011; 31 (2): 140-148. doi: 10.1007 / s10669-011-9307-z.
[47] Haggerty K. Influenza negativa dello sfondo a radiofrequenza sui semenzali tremuli: osservazioni preliminari. International Journal of Forestry Research. 2010; Articolo ID 836278. http://downloads.hindawi.com/journals/ijfr/2010/836278.pdf . Accesso 17 giugno 2018.
[48] Taheri M, Mortazavi SM, Moradi M, et al. Valutazione dell’effetto delle radiazioni a radiofrequenza emesse dal router Wi-Fi e dal simulatore di telefonia mobile sulla suscettibilità antibatterica dei batteri patogeni Listeria monocytogenes ed Escherichia coli. Risposta alla dose. 2017; 15 (1): 1559325816688527. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5298474 . Accesso 18 giugno 2018.
[49] Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro. Radiazione non ionizzante, parte 2: campi elettromagnetici a radiofrequenza. In: Monografie IARC sulla valutazione dei rischi cancerogeni per gli esseri umani. Vol. 102. Lione, Francia: stampa dell’OMS; 2013.  http://monographs.iarc.fr/ENG/Monographs/vol102/mono102.pdf . Accesso 2 luglio 2018.
[50] Carlberg M, Hardell L. Valutazione dell’uso del telefono cellulare e del cordless e rischio di glioma utilizzando i punti di vista di Bradford Hill del 1965 sull’associazione e la causalità. Biomed Res Int. 2017: 9.218.486. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5376454 . Accesso 17 giugno 2018.
[51] Blackman CF. Prova di interruzione del segnale modulante. In: Sage C, Carpenter D., eds. Rapporto Biolnitiative: una motivazione per uno standard di esposizione pubblica a base biologica per le radiazioni elettromagnetiche. Sez. 15. Sage Associates; 2012. http://www.bioinitiative.org/report/wp-content/uploads/pdfs/sec15_2007_Modulation_Blackman.pdf . Accesso 19 giugno 2018.
[52] Williams ER. Il circuito elettrico globale: una recensione. Atmos Res. 2009; 91 (2): 140-152. doi: 10.1016 / j.atmosres.2008.05.018.
[53] Wever R. Ritmi circadiani umani sotto l’influenza di campi elettrici deboli e dei diversi aspetti di questi studi. Int J Biometeorol. 1973; 17 (3): 227-232. www.vitatec.com/docs/referenz-umgebungsstrahlung/wever-1973.pdf. Accesso 10 giugno 2018.
[54] Effetti di Wever R. ELF sui ritmi circadiani umani. In: effetti di campo elettromagnetici ELF e VLF. (Persinger M, ed.) New York: Plenum; 1974: 101-144.
[55] Engels S, Schneider NL, Lefeldt N, et al. Il rumore elettromagnetico antropogenico interrompe l’orientamento della bussola magnetica in un uccello migratore. Natura. 2014; 509: 353-356. doi: 10.1038 / nature13290.
[56] Ludwig W, Mecke R. Wirkung künstlicher Atmospherics auf Säuger. Archiv für Meteorologie, Geophysik und Bioklimatologie Serie B (Archivi per la geofisica e la bioclimatologia della meteorologia Serie B Climatologia teorica e applicata). 1968; 16 (2-3): 251-261. doi: 10.1007 / BF02243273.
[57] I campi di Morley EL, Robert D. Electric provocano dei mongolfieri nei ragni. Biologia corrente. 2018; 28: 1-7. https://www.cell.com/current-biology/pdf/S0960-9822(18)30693-6.pdf . Accesso 14 luglio 2018.
[58] Weber J. Die Spinnen sind Deuter des kommenden Wetters (I ragni sono predittori del tempo meteorologico). 1800; Landshut, Germania. “Il materiale elettrico funziona sempre nell’atmosfera; nessuna stagione può ritardare la sua azione. I suoi effetti sul tempo sono quasi indiscussi; i ragni lo sentono e alterano il loro comportamento di conseguenza. “
[59] König H. Effetti biologici di fenomeni elettrici a frequenze estremamente basse nell’atmosfera. J Interdiscipl Cycle Res. 2 (3): 317-323. www.tandfonline.com/doi/abs/10.1080/09291017109359276 . Accesso 10 giugno 2018.
[60] Sulman F. Effetto della ionizzazione dell’aria, campi elettrici, atmosfera e altri fenomeni elettrici su uomo e animale. Serie di conferenze americane. Vol. 1029. Springfield, Ill: Thomas; 1980.
[61] König HL, Krüger, AP, Lang S, Sönning, W. Effetti biologici dell’elettromagnetismo ambientale. New York: Springer-Verlag; 1981. doi: 10.1007 / 978-1-4612-5859-9.
[62] Sazanova E, Sazanov A, Sergeenko N, Ionova V, Varakin Y. Influenza delle risonanze elettromagnetiche vicino a terra sul sistema cerebrovascolare umano in tempo di violazioni eliogeofisiche. Progressi nel Simposio sulla ricerca elettromagnetica. Agosto 2013: 1661-1665.
[63] Risonanze di Cherry N. Schumann, un meccanismo biofisico plausibile per gli effetti sulla salute umana dell’attività solare / geomagnetica. Rischi naturali. 2002; 26 (3): 279-331. doi: 10,1023 / A: 1.015.637,127504 millions.
[64] Risonanze Polk C. Schumann. A Volland H, ed. Manuale CRC di Atmospherics. Vol. 1. Boca Raton, Fla: CRC Press; 1982: 111-178. https://archive.org/stream/in.ernet.dli.2015.132044/2015.132044.Crc-Handbook-Of-Atmospherics-Vol-1#page/n115/mode/2up/search/polk. Accesso 18 giugno 2018 .
[65] Park C, Helliwell R. Effetti magnetici sulla radiazione della linea elettrica. Scienza. 1978; 200 (4343): 727-730. doi: 10.1126 / science.200.4343.727.
[66] Bullough K, Kaiser TR, Strangeways HJ. Effetti involontari di modifica causati dall’uomo nella magnetosfera. J Atm Terr Phys. 1985; 47 (12): 1211-1223.
[67] Luette JP, Park CG, Helliwell RA. Il controllo della magnetosfera tramite la radiazione della linea elettrica. J Geophys Res. 1979; 84: 2657-2660.
[68] Becker RO, Selden G. The Body Electric: Elettromagnetismo e Fondazione della vita. New York: Morrow; 1985: 325-326.
[69] Firstenberg A. Emergenza Planetaria. Sito Web di Task Force del telefono cellulare. http://www.cellphonetaskforce.org/planetary-emergency . Pubblicato 2018. Accesso 10 giugno 2018.
[70] Becker RO. Il sistema di trasmissione e controllo dei dati biologici di base influenzato dalle forze elettriche. Ann NY Acad Sci. 1974; 238: 236-241. doi: 10.1111 / j.1749-6632.1974.tb26793.x.
[71] Maxey ES, Beal JB. L’elettrofisiologia dell’agopuntura; Come i campi elettrici e magnetici terrestri influenzano gli scambi di ioni di ioni dell’aria attraverso i punti di agopuntura. International Journal of Biometeorology. 1975; 19 (Supp. 1): 124. doi: 10.1007 / BF01737335.
[72] Ćosić I, Cvetković D, Fang Q, Jovanov E, Lazoura H. Risposte elettrofisiologiche del segnale umano a risonanza ELFSchumann e campi elettromagnetici artificiali. Transazioni FME. 2006; 34: 93-103. http://scindeks-clanci.ceon.rs/data/pdf/1450-8230/2006/1450-82300602093C.pdf . Accesso 18 luglio 2018.
[73] Cohen M, Behrenbruch C, Ćosić I. Esiste un legame tra i meridiani dell’agopuntura, le risonanze della terra-ionosfera e l’attività cerebrale? Atti del 2 ° Convegno internazionale sul bioelettromagnetismo, Melbourne, Australia. 1998: 173-174. doi: 10.1109 / ICBEM.1998.666451.
[74] Chevalier G, Mori K, Oschman JL. L’effetto di messa a terra (grounding) sulla fisiologia umana. Biologia europea e bioelettromagnetica. Gennaio 2006: 600-621. http://162.214.7.219/~earthio0/wp-content/uploads/2016/07/Effects-of-Earthing-on-Human-Physiology-Part-1.pdf . Consultato il 10 giugno 2018. “Risultati EEG, EMG e BVP estremamente significativi dimostrano che il ripristino del potenziale elettrico naturale della Terra nel corpo umano (messa a terra) influenza rapidamente i parametri elettrofisiologici e fisiologici umani. L’estrema rapidità di questi cambiamenti indica un meccanismo fisico / bioelettrico piuttosto che un cambiamento biochimico “.
[75] Firstenberg A. Busta elettrica terrestre. In: The Invisible Rainbow: Una storia di elettricità e vita. Santa Fe, NM: AGB Press; 2017: 113-131.
[76] Cannon PS, Rycroft MJ. Variazioni della frequenza di risonanza di Schumann durante improvvisi disturbi ionosferici. J Atmos Sol Terr Phys. 1982; 44 (2): 201-206. doi: 10.1016 / 0021-9169 (82) 90.124-6.
[77] Relazione tecnica. Istituto europeo per le norme di telecomunicazione; 2007: 7. http://www.etsi.org/deliver/etsi_tr/125900_125999/125914/07.00.00_60/
tr_125914v070000p.pdf
 . Accesso al 10 giugno 2018. “Il Manichino antropomorfo specifico (SAM) viene utilizzato per le misurazioni di prestazioni irradiate [ed è] riempito con un liquido simulante il tessuto.”
[78] Ricerca sulla tecnologia per valutare la conformità con le linee guida sulla protezione RF. Laboratorio di compatibilità elettromagnetica, Tokyo. http://emc.nict.go.jp/bio/phantom/index_e.html . Accesso al 18 luglio 2018. “Il SAR viene misurato riempiendo il liquido fantasma che ha le stesse proprietà elettriche del corpo umano in un contenitore realizzato a forma di corpo umano e analizzando l’interno usando una sonda SAR.”
[79] Becker RO, Marino AA. Elettromagnetismo e vita. Albany: State University di New York Press; 1982: 39. “Le prove sembrano essere del tutto conclusive sul fatto che ci siano correnti continue di corrente continua che fuoriescono dai neuroni propri dell’intero sistema nervoso.”
[80] Nordenström B. Circuiti elettrici chiusi biologicamente. Stoccolma: Nordic Medical Publications; 1983.
[81] Nordenström B. Impatto di circuiti elettrici chiusi biologicamente (BCEC) su struttura e funzione. Integr Physiol Behav Sci. 1992; 27 (4): 285-303. doi: 10.1007 / BF02691165.
[82] Devyatkov ND, ed. Effetti non termici della radiazione millimetrica. Mosca: USSR Acad. Sci .; 1981 (russo).
[83] Devyatkov ND, Golant MB, Betskiy OV. Onde millimetriche e il loro ruolo nei processi della vita. (Millimetrovye volny i ikh rol ‘v protsessakh zhiznedeyatel’nosti). Mosca: Radio i svyaz ‘(Radio e comunicazione); 1991 (russo).
[84] Betskii OV. Effetti biologici delle onde millimetriche a bassa intensità (Revisione). Journal of Biomedical Electronics. 2015 (1): 31-47. http://www.radiotec.ru/article/15678 . Consultato il 31 luglio 2018.
[85] Segnali elettromagnetici Albanese R, Blaschak J, Medina R, Penn J. Ultrashort: domande biofisiche, problemi di sicurezza e opportunità mediche, “Aviat Space Environ Med. 1994; 65 (5 Supp): A116-A120. http://www.dtic.mil/dtic/tr/fulltext/u2/a282990.pdf . Accesso 18 giugno 2018.
[86] Pepe D, Aluigi L, Zito D. Sub-100 ps impulsi monociclo per comunicazioni 5G UWB. 10ª Conferenza europea su antenne e propagazione (EuCAP). 2016; 1-4. doi: 10.1109 / EuCAP.2016.7481123.
[87] Nasim I, Kim S. Esposizione umana a campi RF in downlink 5G. arXiv: 1711.03683v1.https: //arxiv.org/pdf/1711.03683. Accesso 17 giugno 2018.
[88] Thielens A, Bell D, Mortimore DB. Esposizione di insetti a campi elettromagnetici a radiofrequenza da 2 a 120 GHz. Natura / Rapporti scientifici. 2018; 8: 3924. https://www.nature.com/articles/s41598-018-22271-3.pdf . Accesso 17 giugno 2018.
[89] Hallmann CA, Sorg M, Jongejans E. Più del 75% diminuisce in 27 anni di biomassa volatile totale nelle aree protette. PLOS One. 2017; 12 (10): e0185809. http://journals.plos.org/plosone/article/file?id=10.1371/journal.pone.0185809&type=printable . Accesso 17 giugno 2018.
[90] Gandhi O, Riazi A. Assorbimento delle onde millimetriche da parte degli esseri umani e delle sue implicazioni biologiche. Tecnologia IEEE Trans Microw Theory. 1986; 34 (2): 228-235. doi: 10,1109 / TMTT.1986.1133316.
[91] Russell CL. Espansione delle telecomunicazioni wireless 5G: salute pubblica e implicazioni ambientali. Environ Res 2018; 165: 484-495. https://zero5g.com/wp-content/uploads/2018/07/5-G-wireless-telecommunications-expansion-Public-health-and-environmental-implications-Cindy-L.-russell.pdf . Accesso 1 novembre 2018.
[92] Hardell L. World Health Organization, radiazione a radiofrequenza e salute: un duro da spezzare (revisione). Int J Oncol. 2017; 51: 405-413. doi: 10,3892 / ijo.2017.4046.
[93] Pall M. 5G: Grande rischio per la salute di UE, USA e internazionale: prove convincenti per otto distinti tipi di grandi danni causati da esposizioni a campi elettromagnetici (EMF) e il meccanismo che li causa. Accademia europea per la medicina ambientale. http://www.5gappeal.eu/wp-content/uploads/2018/06/pall_2018.pdf . Pubblicato maggio 2018. Accesso 22 giugno 2018.
[94] Markov M, Grigoriev Y. Tecnologia Wi-Fi: un esperimento globale incontrollato sulla salute dell’umanità, Electromagn Biol Med. 2013; 32 (2): 200-208. http://www.avaate.org/IMG/pdf/Wi-fi_Technology_-_An_Uncontrolled_Global_Experiment_on_the_Health_of_Mankind_-_Marko_Markov_Yuri_G._Grigoriev.pdf . Accesso effettuato il 23 giugno 2018.
[95] Belyaev I, Alipov Y, Shcheglov V, Polunin V, Aizenberg O. Risposta cooperativa di cellule di Escherichia coli all’effetto di risonanza di onde millimetriche a bassissima intensità. Electromagn Biol Med. 1994; 13 (1): 53-66. doi: 10,3109 / 15368379409030698.
[96] Belyaev I. Nonthermal effetti biologici delle microonde: conoscenza attuale, ulteriore prospettiva e bisogni urgenti. Electromagn Biol Med. 2005; 24 (3): 375-403. doi: 10,1080 / 15368370500381844.
[97] Bise W. Effetti a radiofrequenza e microonde a bassa potenza sull’elettroencefalogramma e sul comportamento umani. Physiol Chem Phys. 1978; 10 (5): 387-398.
[98] Brauer I. Experimentelle Untersuchungen über die Wirkung von Meterwellen verschiedener Feldstärke auf das Teilungswachstum der Pflanzen. Chromosoma. 1950; 3 (1): 483-509. doi: 10.1007 / BF00319492.
[99] Kondra P, Smith W, Hodgson G, Bragg D, Gavora J, Hamid M. Crescita e riproduzione di polli sottoposti a radiazioni a microonde. Can J Anim Sci. 1970; 50 (3): 639-644. doi: 10,4141 / cjas70-087.
[100] Frey AH, Seifert E. Illuminazione a impulsi UHF modulata del cuore associata al cambiamento della frequenza cardiaca. Scienze di vita. 1968; 7 (10 parte 2): 505-512. doi: 10.1016 / 0024-3205 (68) 90068-4.
[101] Mann K, Röschke J. Effetti dei campi elettromagnetici ad alta frequenza pulsati sul sonno umano.Neuropsychobiology. 1996; 33 (1): 41-47. doi: 10.1159 / 000119247.
[102] Tiagin NV. Aspetti clinici dell’esposizione alle radiazioni a microonde. Mosca: Meditsina; 1971 (russo).
[103] Belpomme D, Campagnac C, Irigaray P. Biomarcatori attendibili della malattia che caratterizzano e identificano l’elettroipersensibilità e la sensibilità chimica multipla come due aspetti eziopatogenici di un unico disturbo patologico. Rev Environ Health 2015; 30 (4): 251-271. https://www.jrseco.com/wp-content/uploads/Belpomme-Environmental-health-2015.pdf . Accesso 18 giugno 2018.
[104] Hecht K. Implicazioni sulla salute dell’esposizione a lungo termine all’elettrosmog. Iniziativa di competenza per la protezione dell’umanità, dell’ambiente e della democrazia. 2016: 16, 42-46. http://kompetenzinitiative.net/KIT/wp-content/uploads/2016/07/KI_Brochure-6_K_Hecht_web.pdf . Accesso 20 giugno 2018.
[105] Belyaev I, Dean A, Eger H, et al. Linea guida EME di EUROPAEM 2016 per la prevenzione, la diagnosi e il trattamento dei problemi e delle malattie legati ai campi elettromagnetici. Rev Environ Health. 2016; 31 (3): 363-397. doi: 10,1515 / reveh-2016-0011.
[106] Schreier N, Huss A, Röösli M. La prevalenza dei sintomi attribuiti all’esposizione a campi elettromagnetici: un’indagine rappresentativa trasversale in Svizzera. Soz Praventivmed. 2006; 51 (4): 202-209. doi: 10.1007 / s00038-006-5061-2. Accesso 16 luglio 2018.
[107] Schroeder E. Stakeholder-Perspektiven zur Novellierung der 26. BImSchV: Ergebnisse der bundesweitenTelefonumfrage im Auftrag des Bundesamtes für Strahlenschutz (Relazione sulle prospettive delle parti interessate sulla modifica della 26a ordinanza sul controllo delle emissioni federali: risultati del sondaggio telefonico nazionale ordinato dall’Ufficio federale per Protezione dalle radiazioni). Schr / bba 04.02.26536.020. Monaco, Germania. 2002 (tedesco).  https://www.bfs.de/SharedDocs/Downloads/BfS/DE/berichte/emf/befuerchtungen.pdf?__blob=publicationFile&v=3 . Accesso 19 luglio 2018.
[108] Hallberg Ö, Oberfeld G. Lettera al direttore: diventeremo tutti elettrosensibili? Electromagn Biol Med.2006; 25: 189-191. https://www.criirem.org/wp-content/uploads/2006/03/ehs2006_hallbergoberfeld.pdf . Accesso 22 giugno 2018.
[109] Dichiarazione scientifica internazionale di Bruxelles sull’ipersensibilità elettromagnetica e sensibilità chimica multipla. Istituto ECRI.  http://eceri-institute.org/fichiers/ 1441982765_Statement_EN_DEFINITIF.pdf . Pubblicato 2015. Accessed June 10, 2018.
[110] Eliminazione delle barriere all’entrata, 47 USC § 253. https://www.gpo.gov/fdsys/pkg/USCODE-2015-title47/pdf/USCODE-2015-title47-chap5-subchapII-partII-sec253. pdf ; 5G per l’Europa: un piano d’azione. Commissione europea; 2016.  http://ec.europa.eu/newsroom/dae/document.cfm?doc_id=17131 . Accesso 10 giugno 2018.
[111] Registro federale – Norme e regolamenti. 47 CFR parte 1 [WT Docket n. 17-79; FCC 18-30] Accelerare la distribuzione wireless a banda larga rimuovendo gli ostacoli all’investimento in infrastrutture. 2018; 83 (86) . Accesso 10 giugno 2018.
[112] 5G Per l’Europa: un piano d’azione. Commissione europea; 2016. http://ec.europa.eu/newsroom/dae/document.cfm?doc_id=17131 . Accesso 10 giugno 2018.
[113] PCIA – The Wireless Infrastructure Association. Ordinanza per l’ubicazione di impianti di telecomunicazione wireless. 2012.  https://wia.org/wp- content / uploads / Advocacy_Docs / PCIA_Model_Zoning_Ordinance_June_2012.pdf . Accesso effettuato il 29 giugno 2018.
[114] Servizi mobili, 47 USC § 332 (c) (7) (B) (iv). https://www.gpo.gov/fdsys/pkg/USCODE-2016-title47/pdf/USCODE-2016-title47-chap5-subchapIII-partI-sec332.pdf : “Nessun governo statale o locale o sua strumentalità possono regolamentare il personale strutture di servizio wireless sulla base degli effetti ambientali delle emissioni in radiofrequenza nella misura in cui tali impianti sono conformi alle normative della Commissione [Federal Communications] relative a tali emissioni. “Le corti hanno invertito le decisioni normative in merito al posizionamento delle celle cellulari semplicemente perché la maggior parte delle testimonianze pubbliche riguardava la salute
[115] Cellular Telephone Company contro Town of Oyster Bay, 166 F.3d 490, 495 (2 ° Cir. 1999). https://openjurist.org/166/f3d/490/cellular-telephone-company-at-v-town-of-oyster-bay . Accesso 10 giugno 2018; T-Mobile Northeast LLC contro Loudoun County Bd. di Suprs, 903 F.Supp.2d 385, 407 (EDVa. 2012). https://caselaw.findlaw.com/us-4th-circuit/1662394.html . Accesso 10 giugno 2018.
[116] Vogel G. A Coming Storm For Wireless? TalkMarkets. Luglio 2017.  http://talkmarkets.com/content/stocks-equities/a-coming-storm-for-wireless?post=143501&page=2 . Accesso 13 settembre 2018.
[117] Swiss Re: SONAR – Nuove scoperte sui rischi emergenti. Luglio 2014: 22. http://media.swissre.com/documents/SONAR_2014.pdf . Accesso al 10 giugno 2018. “[A] n livello crescente di interconnettività e la crescente prevalenza di sistemi di guida e feedback digitali generano anche nuove vulnerabilità. Questi potrebbero comportare effetti a cascata con danni multipli e interruzioni di lunga durata se i problemi risultassero complessi e / o difficili da riparare. L’interconnettività e la generazione permanente di dati sollevano preoccupazioni per la riservatezza dei dati e anche l’esposizione ai campi elettromagnetici può aumentare “.
[118] Albert Einstein, lettera a Max Born, 4 dicembre 1926.
[119] Tecnologia di negazione attiva. Programma di armi non letali. https://jnlwp.defense.gov/Press-Room/Fact-Sheets/Article-View-Fact-sheets/Article/577989/active-denial-technology/ . Pubblicato l’11 maggio 2016. Accesso 10 giugno 2018.
[120] I conflitti di interesse sono spesso sorti in passato. Ad esempio, la Commissione dell’UE (2008/721 / CE) hanominato membri sostenitori dell’industria per lo SCENIHR che hanno presentato all’UE una relazione fuorviante dello SCENIHR sui rischi per la salute, che ha dato carta bianca all’industria delle telecomunicazioni per irradiare i cittadini dell’UE. Il rapporto è ora citato dalle agenzie per la sicurezza delle radiazioni nell’UE. Un altro esempio è il programma nazionale di tossicologia degli Stati Uniti che contratta con la Fondazione IT’IS, che è finanziata dall’intero settore delle telecomunicazioni , per progettare, costruire e monitorare l’impianto di esposizione per uno studio biennale di 25 milioni di dollari USA sulle cellule cellulari. Successivamente ha prodotto una relazione fuorviante questo è ora citato dai funzionari dell’industria negli Stati Uniti.
[121] Ross M, Mills M, Toohey D. Potenziale impatto climatico del nero carbone emesso dai razzi. Geophys Res Lett. 2010; 37: L24810. https://agupubs.onlinelibrary.wiley.com/doi/pdf/10.1029/2010GL044548. Accesso 17 giugno 2018 .
[122] Ross MN, Schaeffer PM. Forcing radiativo causato dalle emissioni dei motori a razzo. Il futuro della Terra. 2014; 2: 177-196.  https://agupubs.onlinelibrary.wiley.com/doi/epdf/10.1002/2013EF000160 . Accesso 17 giugno 2018.
[123] Callicott JB, Mumford K. Sostenibilità ecologica come concetto di conservazione. Biologia della conservazione. 1997; 11 (1): 32-40. https://www.sierraforestlegacy.org/Resources/Community/Sustainability/
SY_CallicottMumford1997.pdf
 . Accesso 20 giugno 2018.