Carico virale e PCR

“La versione biotecnologica della macchina XEROX”: questa è chiamata dalla rivista Forbes  REAZIONE a CATENA della POLIMERASI a catena della polimerasi (PCR). 

Questa tecnica rivoluzionaria consente a uno scienziato di prelevare un campione contenente una minima quantità di DNA e replicare quella sequenza di DNA fino a quando non ci sono un milione di copie anziché solo una o due.

KARY MULLIS, INVENTORE della PCR, vinse un PREMIO NOBEL nel 1993 per la sua INVENZIONE da MILIARDI di DOLLARI, che è diventato indispensabile per qualsiasi laboratorio di genetica. È ironico che una delle prime applicazioni della PCR sia stata quella di rilevare l’HIV, considerando che lo stesso MULLIS NON CREDE che la sua invenzione sia in grado di farlo. 

MULLIS AFFERMA afferma che il problema è che la PCR è troppo efficiente: amplifica qualsiasi DNA presente nel campione, indipendentemente dal fatto che il DNA appartenga all’HIV o a un contaminante. E come decidi quale parte del materiale amplificato potrebbe essere l’HIV e quale parte del / i contaminante / i, se non riesci a rilevare l’HIV nel campione senza usare la PCR?

Uno dei principali argomenti contro l’ipotesi dell’HIV / AIDS è che, quando si utilizzano i metodi tradizionali di rilevazione dei virus, l’HIV NON E’ MAI STATO DEDOTTO in quantità significative NELLE PERSONE con AIDS. 

La cultura del virus, ad esempio, è stata adeguata per trovare segnali ( interpretati) come altri virus, ma non l’HIV. Perchè no? 

Quando la cultura del virus viene impiegata per rilevare l’HIV, l’HIV non viene mai visto o cercato nelle culture. La sua presenza è misurata con METODI molto INDIRETTI: saggi per la rilevazione della TRASCRITTASI INVERSA o di una proteina p24, nessuno dei quali è specifico per l’HIV. I metodi indiretti NON sarebbero necessari se all’inizio ci fosse una quantità significativa di HIV.

In altre parole, se fosse presente una quantità significativa di HIV, le ANTICHE TECNICHE DI LABORATORIO dovrebbero essere in grado di trovarlo. NON POSSONO. 

Ora abbiamo bisogno non solo della PCR, ma di continue modifiche e miglioramenti sulla PCR, al fine di cercare di trovare l’HIV.

È così che è nata l’idea di “carica virale”, ispirata a due spie di articoli scientifici che affermavano che l’HIV si stava occupando a replicare da miliardi: INIZIALMENTE, i documenti che affermavano che l’HIV si “NASCONDEVA NEI LINFONODI” (1,2) e PIU’ RECENTEMENTE, i DOCUMENTI Ho e Wei. (3,4) Questi ultimi STUDI hanno tentato di misurare la “CARICA VIRALE” in un dato momento, dopo di che sono stati somministrati al paziente FARMACI ANTI-VIRALI “. I farmaci dovevano prevenire la replicazione di qualsiasi nuovo HIV e la carica virale sarebbe diminuita di conseguenza. Tuttavia, entro pochi giorni, il virus rimanente si trasformerebbe in una forma resistente ai farmaci e in poche settimane la carica virale tornerebbe ai livelli pre-trattamento. Applicando una formula matematica a questa dinamica, è stato presumibilmente determinato il tasso con cui il virus si replica.

Da qui è nata quella che chiamo “TEORIA DEL LAVELLO DELLA CUCINA del Dr. Ho”. Secondo Ho, ogni giorno vengono fatti miliardi di copie dell’HIV, che infettano miliardi di CELLULE T4. 

Queste CELLULE T vengono DISTRUTTE NON dall’HIV, MA DAL SISTEMA IMMUNITARIO. Vengono reintegrati ogni giorno, ma nel corso degli anni il sistema immunitario perde terreno e l’HIV alla fine vince. Questo processo è stato paragonato a un lavandino con lo scarico aperto, l’acqua che scorreva da un rubinetto (nuove cellule T in fase di realizzazione) a una velocità leggermente inferiore rispetto a quella drenata via (cellule T infette che venivano distrutte).

È molto importante notare che gli studi sulla carica virale si basano completamente sulla PCR e sulle tecniche correlate. Questo articolo screditerà la PCR come un metodo accurato per determinare l’infezione da HIV e qualsiasi altro virus, che a sua volta metterà in dubbio qualsiasi conclusione sull’HIV che sia stata fatta sulla base delle tecniche di PCR.

Alcune nozioni di base sul DNA

La PCR sfrutta alcune proprietà fondamentali del DNA. Il DNA (così come l’RNA) è un ACIDO NUCLEICO e gli acidi nucleici sono composti da “mattoni” nucleotidici. Il DNA esiste come due fili complementari disposti in una formazione a doppia elica (due spirali intrecciate). Questi filamenti sono costituiti da molti nucleotidi legati insieme per formare una lunga catena di DNA.

La MOLECOLA NUCLEOTIDICA ha tre parti diverse: il fosfato e lo zucchero (che formano una spina dorsale o una struttura a nastro) e la base. Esistono quattro tipi di basi: A, T, C e G (ADENINA, TIMINA, CITOSINA e GAUNINA). Queste basi sono attaccate alla spina dorsale, che è avvolta nella familiare DOPPIA ELICA.

Le basi su un filo si legano alle basi sull’altro filo e questo conferisce al DNA la sua stabile struttura a doppia elica. (Pensa ai due filamenti come a formare una cerniera lampo.) La natura distinta del codice DNA di un organismo dipende dall’ordine, o sequenza, delle basi lungo la catena del DNA.

Esistono regole speciali su come le basi formano legami chimici con altre basi: una A si legherà solo a una T e una C si legherà solo a una G. Una base su un filo che si lega a una base sull’altro filo è chiamata ” coppia di basi complementari “. Questa regola dell’accoppiamento base complementare è ciò che dà al DNA la sua capacità di replicarsi esattamente.

Ogni volta che una cellula si divide, deve fare una copia del suo DNA per la nuova cellula. Il DNA a doppio filamento prima “decomprime” se stesso in due fili separati. Ogni singolo filo funge da modello o modello, da cui creare una nuova copia del suo filo complementare. (Quindi, il filo n. 1 funge da modello per creare una nuova copia del filo n. 2 e viceversa.) Il singolo filo incorpora quindi nuovi blocchi di nucleotidi dal mezzo circostante secondo la regola di accoppiamento di base complementare. In altre parole, una A disponibile sul singolo filamento afferrerà un T nucleotide, una C afferrerà un G e così via fino a quando l’intero filamento opposto viene duplicato. Alla fine di questo processo, i due filamenti originali si richiudono e i due filamenti copiati fungono da DNA per una nuova cellula.

Come funziona la PCR

La teoria dell’HIV dice che, come altri retrovirus suggeriti, contiene RNA ma nessun DNA: quando si dice che l’HIV infetti una cellula, si pensa che l’enzima trascrittasi inversa trasformi l’RNA in DNA complementare, che viene quindi inserito nel DNA della cellula ospite .

Pertanto, se la PCR viene utilizzata per analizzare la presenza di HIV nel tessuto umano, sarebbe solo alla ricerca di un breve segmento dell’intero filamento di DNA cellulare. Questo breve segmento rappresenta il materiale genetico proposto per l’HIV, che in teoria è stato incorporato nel DNA della cellula. (Gli studi sulla carica virale cercano di cercare l’HIV isolato dalle cellule. Anche qui, la PCR sta solo cercando una parte dell’intero pacchetto genetico proposto per l’ HlV, o genoma, non un intero virus.)

La PCR funziona nel modo seguente:

Passaggio 1: riscaldare il modello. Viene riscaldato un lungo pezzo di DNA contenente il frammento più piccolo da copiare. Le dcatene possono essere separate a determinate temperature elevate, e torneranno lentamente insieme dopo il raffreddamento (“ricottura”). I due fili separati sono complementari tra loro. Servono da modelli per i nuovi filoni.

Passaggio 2: aggiungere i primer. Qualcosa chiamato primer è necessario per il passaggio successivo. I primer sono nucleotidi che formano una breve sequenza di nuovi filamenti. I primer sono progettati per essere complementari a una sequenza nota che fa parte di una sequenza più ampia, e quindi è noto dove si legheranno (o ibrideranno) i primer.

I primer si attaccano a ciascuna estremità del segmento di DNA che deve essere copiato (il segmento che rappresenta il materiale genetico proposto dall’HIV). I primer hanno due scopi: a) contrassegnare ciascuna estremità del segmento target in modo che solo quel segmento venga amplificato, e non l’intero filamento, b) per avviare il processo di duplicazione. I nuovi filamenti sono costruiti blocco per blocco dall’azione di un enzima chiamato polimerasi. La polimerasi costruisce un nuovo filamento di DNA accanto a un filamento esistente. La polimerasi non funzionerà a meno che il vecchio filamento (il modello) non abbia già su di esso alcuni nucleotidi che formano una breve sequenza di nuovo filamento (il primer). (Se mai vedi un riferimento a “template-primer”, questo è ciò di cui stanno parlando.)

In altre parole, la polimerasi può formare un nuovo filamento solo se il nuovo filamento è già stato parzialmente formato. 

IN NATURA, quando il proprio DNA si sta duplicando, altri ENZIMI chiamati PRIMASI di DNA costruiscono il PRIMER SUL VECCHIO FILAMENTO.

Una volta che la polimerasi inizia, striscia lungo il singolo filamento di DNA (il modello) aggiungendo ad esso i blocchi di nucleotide uno per uno. Il primer finisce per far parte del filo appena fatto.

In natura, le polimerasi separano i filamenti di DNA mentre costruiscono il nuovo filamento di DNA. È così che vengono fatte copie duplicate del DNA in modo che cellule come il sangue e le cellule della pelle possano dividersi in due nuove cellule, un processo essenziale per la vita.

Step 3: Amplifica. Ancora una volta, dopo aver separato e le catene, i primer e l’enzima polimerasi copia il DNA a partire dal primer, realizzando una nuova copia di ciascun segmento target. Questo processo viene ripetuto per un massimo di 30-40 volte. Durante ogni ciclo, la quantità di segmenti raddoppia, quindi due segmenti diventano quattro, quattro diventano otto, quindi 16, ecc. Alla fine del processo, sono state eseguite circa un milione di copie del segmento originale. Ora abbiamo grandi quantità di DNA, dove originariamente avevi solo una piccola quantità. Questo è il motivo per cui la PCR viene definita in grado di trovare un “ago in un pagliaio”.

Ovviamente, è necessario che i primer siano specifici per l’HIV. Se la PCR produrrà un prodotto amplificato (una “PCR positiva”) dipende dal fatto che i primer aggiunti corrispondano a una parte del DNA nel campione target.

Di seguito, vedremo che la specificità dei primer per l’HIV è in dubbio. Anche se i primer erano specifici dell’HIV, se nel bersaglio sono presenti sequenze simili, i primer, in condizioni lassiste, formeranno ibridi con (o legano) sequenze correlate che non sono una corrispondenza perfetta. Eseguiranno quindi l’adescamento della polimerasi, che avvia la procedura di amplificazione, anche se all’inizio non era presente l’HIV.

Usando la PCR per trovare l’HIV

Un problema per l’ipotesi dell’HIV era che, anche con l’uso della PCR standard, i ricercatori non riuscivano a trovare molto, in questo caso, l’HIV nelle persone con diagnosi di AIDS. Per risolvere questo paradosso, gli autori dei nuovi articoli sulla “carica virale” hanno inventato due modifiche della PCR, che sostenevano fossero molto più efficienti nel trovare l’HIV. Questi erano il QC-PCR e il test del DNA ramificato (bDNA). E improvvisamente – Eureka! – sono stati trovati miliardi di copie di ciò che si credeva fosse l’HIV. La contraddizione qui sembra essere sfuggita agli autori di questi articoli: perché dovrebbero essere necessari nuovi test così potenti per trovare un microbo che è presente a miliardi? I metodi tradizionali dovrebbero essere sufficienti.

QC-PCR

Questo è il test usato negli articoli sopra citati di ANTHONY FAUCI (Pantaleo) e Ashley Haase (Embretson), che affermava che l’HIV si “nascondeva nei linfonodi”. Questi documenti sono stati accettati come fatti, anche se la QC-PCR era, e rimane, una tecnica non convalidata.

MARK CRADDOCK, dell’Università di Sydney (Australia), ha spiegato i principi e i PROBLEMI con QC-PCR come segue: (8)

“Il sistema della PCR PRODUCE FRAMMENTI di DNA. 

Si inizia con una piccola quantità di DNA e dopo ogni ciclo di PCR, la quantità di DNA che si possiede è compresa tra una e due volte la quantità all’inizio del ciclo. Pertanto, la quantità di DNA che si studiare aumenta in modo esponenziale. Il fatto che la PCR sia un processo di crescita esponenziale significa che anche gli errori sperimentali cresceranno in modo esponenziale, quindi è necessario fare molta attenzione a ciò che si fa con il processo.

“Un certo numero di persone ha deciso che dovrebbe essere possibile stimare la quantità di DNA presente in un campione usando la PCR. Questa è la cosiddetta PCR quantitativa competitiva. L’idea è quella di aggiungere al campione per essere stimata una quantità nota di DNA simile ma distinguibile e amplificare entrambi insieme. Il presupposto è che le quantità relative dei due prodotti debbano rimanere invariate, quindi è possibile calcolare la dimensione del campione con cui si è iniziato conoscendo il rapporto tra i due, determinato da osservazione quando la PCR ha prodotto abbastanza di entrambi per misurare e quanto DNA di controllo è stato aggiunto.

“Ciò che è assolutamente CRUCIALE è che le quantità relative del DNA di prova e il controllo noto devono rimanere esattamente uguali. Le variazioni minime verranno ingrandite in modo esponenziale e possono produrre ERRORI ENORMI NELLA STIMA.

“LE DIFFICOLTA’ nell’USO QUANTITATIVO  della PCR sono state EVIDENZIATE da LUC RAEYMAEKERS nella rivista ANALYTICAL BIOCHEMISTRY nel 1993. HA OSSERVATO che gli articoli pubblicati su QC-PCR contengono dati che dimostrano che l’ipotesi fondamentale che le dimensioni relative dei campioni rimangano costanti NON è soddisfatta in pratica. Nonostante ciò, i ricercatori dell’HIV continuano a utilizzare la PCR per quantificare la carica virale. Semplicemente non c’è modo di sapere SE una determinata STIMA E’ CORRETTA O E’ 100.000 VOLTE TROPPO ALTA! ”

TODD MILLER definisce la QC-PCR “l’ULTIMA MODA della SCIENZA” e concorda sul fatto che se le quantità relative del DNA TEST e il controllo noto NON sono UGUALI, c’è una cosa che puoi dire con certezza sulla stima del tuo obiettivo iniziale (la quantità di HIV RNA proposta nel CAMPIONE di SANGUE del paziente): SARA’ ERRATO.

IN CHE MODO il QC-PCR, con tutti i suoi DIFETTIi, è DIVENTATO un TEST HIV ACCETTABILE? 

MILLER spiega: “Il modo in cui questa situazione si è manifestata nella scienza moderna è questo: in primo luogo alcune persone passano molto tempo a cercare di far funzionare questo test e se sono fortunati, finiscono per pubblicare articoli sugli avvertimenti nella procedura In secondo luogo, altri ottengono il test per dare loro una risposta “sensata” e pubblicare i loro dati come un contributo significativo al campo. IN TERZO LUOGO, a causa della sua relativa novità e natura arcana, rimane quasi accettato con molti scettici passivi e pochi utenti. Tuttavia, LA MAGGIOR PARTE DI COLORO CHE LO USANO sono più INTERESSATI alla PROPRIA CARRIERA, che alla meccanica della reazione “.

bDNA – DNA PCR BRANCHED

Questo è il TEST usato nel DOCUMENTO di HO. 

Sebbene non sia, a rigor di termini, PCR, viene indicato come tale poiché incorpora la tecnologia di tipo PCR. La differenza è che il bDNA amplifica il SEGNALE, NON il BERSAGLIO. Cioè, la normale PCR AUMENTA le COPIE del BERSAGLIO in modo da poterlo trovare, MENTRE  bDNA in qualche modo ILLUMINA con un riflettore luminoso su di esso in modo da poterlo VEDERE MEGLIO. 

PROJECT INFORM è stato così gentile da inviarmi la seguente SPIEGAZIONE di come funziona bDNA: (9)

“Copie di una sonda di DNA sono attaccate alla parete di una piccola nave da laboratorio; quindi viene inserito il campione. [Una sonda di DNA è un piccolo pezzo di DNA complementare alla sequenza di DNA bersaglio.] Questa sonda si lega a una certa parte di RNA dell’HIV, se presente nel campione, contenente l’RNA nel vaso, quindi viene inserita un’altra sonda per il DNA; un’estremità di questa si attacca a un’altra parte dell’RNA dell’HIV. L’altra estremità della seconda sonda ha molti rami e ogni ramo termina con una sostanza chimica “reporter” che, in determinate condizioni, produrrà luce, che può essere rilevata dalle apparecchiature di laboratorio. Ogni molecola di HIV RNA può attaccarsi a una di queste strutture ramificate e trattenere un piccolo numero di fonti luminose , non solo uno. In questo modo è possibile rilevare quantità molto ridotte dell’RNA target, senza necessità di amplificazione della PCR. ”

Nel suo documento iniziale, HO non ha fornito dati sui protocolli per questi TEST o se sono stati affidabili. Il lettore è stato riferito ad altri due documenti che erano “in corso di stampa”. Quindi, nessun dato era disponibile in quel momento per chiunque volesse verificare questo metodo. I dati ottenuti da bDNA sono stati confermati da QC-PCR, i dettagli di QC-PCR sono stati indicati in un riferimento scritto da quattro coautori dello studio WEI, quasi ciò che potreste definire ricercatori indipendenti o obiettivi. Nella tradizione della ricerca sull’HIV, le teorie non provate e gli studi errati sono accettati senza dubbio e incorporati nella “saggezza convenzionale” PRIMA DI ESSERE ADEGUATAMENTE VALIDATI. A quel punto, il DANNO E’ STATO FATTO e, SE VENGONO SCOPERTI DIFETTI SUCCESSIVI, NON HA IMPORTANZA.

La MECCANICA del bDNA è COMPLESSA:  si hanno CINQUE diverse REAZIONI di IBRIDAZIONI. 

L’IBRIDAZIONE è una tecnica standard in cui una sonda di DNA viene inserita in un campione e si legherà a tutti i segmenti complementari che trova. È un altro TEST INDIRETTO e HA MOLTI PROBLEMI. 

Secondo il BIOLOGO MOLECOLARE BRYAN ELLISON, “L’unica volta che la biologia molecolare funziona è se PURIFICHI PRIMA LE COSER. C’è sempre la possibilità di REAZIONI CROCIATE, specialmente quando metti le tue sonde in una grande ZUPPA di PROTEINE” (che è esattamente ciò che il bersaglio campione di sangue è).

DUESBERG (scopritore dei RETROVIRUS) HA SOTTOLINEATO QUANTO SEGUE: dopo aver apportato le opportune modifiche ai suoi calcoli, HO STESSO, ha successivamente scoperto che più di 10.000 virus inferiti dal saggio del bDNA usato nel suo documento sulla loro natura, corrisponderebbero effettivamente a meno di un virus infettivo, portando a chiedersi cosa è che viene effettivamente misurato con questi test. (10) Eppure questi ARTICOLI SPECULATIVI e NON VALIDATI sono stati accettati come verità evangelica!

Nella MENTE di ELLISON, lo STUDIO DI HO è “PURA FANTASIA. NON C’E’ MAI STATO UN DOCUMENTO CHE MOSTRI CARICA VIRALE”.

I problemi con la PCR

1. LA PRECISIONE DELLA PCR NON È MAI STATA VERIFICATA DA UN CORRETTO GOLD STANDARD

Per scoprire se qualche test diagnostico per l’infezione da HIV funziona davvero, è necessario verificare il test con un gold standard indipendente. L’unico gold standard adatto a questo scopo è l’HIV stesso. In altre parole, i risultati del test sperimentale, sia esso PCR o altro, devono essere confrontati con i risultati dell’isolamento del virus in ciascun campione testato. Se in ogni paziente si riscontra un virus con PCR positiva e non viene rilevato alcun virus in ogni paziente con PCR negativa, si potrebbe dire che la PCR è estremamente accurata per rilevare l’HIV.

Il concetto di isolamento del virus come gold standard è particolarmente importante nel caso dell’HIV, poiché l’HIV è stato estremamente difficile, se non impossibile, da definire in termini genetici o molecolari. Anche se qualcuno ha mai realizzato l’isolamento del virus per l’HIV (11), non è mai stato usato come standard di riferimento per qualsiasi test diagnostico per l’HIV, inclusa la PCR. Allo stato attuale, bDNA utilizza QC-PCR come standard di riferimento; QC-PCR utilizza la PCR normale come standard di riferimento; la PCR normale utilizza i test anticorpali come standard di riferimento e i test anticorpali si usano a vicenda. Ho notato più volte che gli studi che stanno “verificando” un test anticorpale per l’HIV affermeranno invariabilmente che hanno valutato le prestazioni del loro test su campioni che erano noti per essere VERO-POSITIVO o VERO-NEGATIVO. Come facevano a saperlo? È semplice: senza un gold standard, non lo hanno fatto.

Talvolta si sostiene che “gli studi hanno dimostrato” che questi test concordano tra loro o confermano i risultati reciproci e quindi devono essere corretti. Questo non è un rigoroso pensiero scientifico. A volte è possibile ottenere i risultati di diversi test per concordare tra loro, ma ciò non dimostra nulla – non più di quanto proverebbe se cinque criminali concordassero tutti che erano da qualche altra parte quando la banca veniva derubata.

Eleopulos afferma quanto segue sull’importanza dei gold standard: “L’uso dell’isolamento virale come mezzo indipendente per stabilire la presenza o l’assenza del virus è tecnicamente noto come gold standard ed è un elemento essenziale per l’autenticazione di qualsiasi test diagnostico; senza un gold standard, l’investigatore è irrimediabilmente disorientato, dal momento che non ha un criterio autonomo contro il quale può valutare il test che sta aspirando a sviluppare. Solo in questo modo possiamo assicurare ai pazienti che una PCR HIV positiva è trovata sempre e solo in presenza di infezione da HIV, cioè i test sono altamente specifici per l’infezione da HIV. ”

Anche il noto ricercatore per l’AIDS William Blattner ha ammesso che “una difficoltà nel testare la specificità e la sensibilità dei test sui retrovirus umani (incluso l’HIV) è l’assenza di un” gold standard “finale. In assenza di gold standard sia per HTLV-1 che per HIV-1, la vera sensibilità e specificità per la rilevazione di anticorpi virali rimane imprecisa. ” (12)

Mark Craddock afferma che QC-PCR non è verificato e probabilmente non è verificabile. Chiede: “Se la PCR è l’unico modo per rilevare il virus, come si può stabilire la carica virale precisa indipendentemente dalla PCR, in modo da poter essere certi che le cifre fornite dalla PCR siano corrette?” Tutto questo è apparentemente ignorato per i ricercatori sull’AIDS, poiché si raccomanda regolarmente che la PCR, in particolare la QC-PCR, sia utilizzata come standard di riferimento per altri test HIV. (9,13)

2. LE SPECIFICITÀ DELLA PCR NON SONO MAI STATE DETERMINATE

Specificità significa quanto spesso un test darà risultati negativi nelle persone che non sono infette. La valutazione di specificità di un test rivela il livello di risultati falsi positivi che ci si aspetta quando si utilizza quel test. Senza un gold standard per l’isolamento dei virus, la vera specificità non sarà mai nota. Anche usando la concordanza con i test anticorpali come standard di riferimento, la PCR non è risultata molto specifica per l’HIV. (6)

Citando uno studio di competenza che ha coinvolto cinque laboratori con una vasta esperienza di PCR, Sloand afferma che la specificità media era del 94,7%. (14) La specificità era pari al 90%. I numeri negli anni ’90 possono sembrare buoni, ma in realtà non è così. Il numero di falsi positivi rispetto ai veri positivi dipende dalla prevalenza dell’infezione da HIV in qualsiasi popolazione sottoposta a test (15): minore è la prevalenza, più falsi positivi.

Sloand commenta che se i livelli di specificità raggiunti in questo studio fossero applicati alla potenziale popolazione di donatori di sangue (donatori di sangue ora costituiti da membri della popolazione generale a bassa prevalenza), allora  per ogni vera infezione silente rilevata, 1800 donatori non infetti sarebbero classificati come PCR positivi e 3500 come PCR indeterminati. Pertanto la PCR non è chiaramente adatta allo screening di routine del sangue trasfuso “e, per deduzione, a qualsiasi popolazione a bassa prevalenza. Con una specificità del 90%, direi che non era adatto per testare qualsiasi popolazione.

In un FAX che ho ricevuto dai Centers for Disease Control (CDC) nel 1994 in merito alla PCR, affermavano che “Né la sua specificità né la sua sensibilità sono note” e che “la PCR non è raccomandata e non è autorizzata per scopi diagnostici di routine”. (16)

In breve, “La specificità di qualsiasi forma di PCR, per il genoma dell’HIV, non è stata determinata.” (5)

3. I PRIMER PCR NON SONO SPECIFICI

Secondo ELEOPULOS, Turner e PAPADIMITRIOU, “Il requisito minimo per interpretare che un segnale PCR positivo, o l’ibridazione in generale, che dimostra l’infezione da HIV è la prova preliminare che i primer PCR e le sonde di ibridazione appartengono a un unico retrovirus, HIV, e che la PCR e le reazioni di ibridazione siano specifiche per HIV. ” Turner mi ha detto: “Gli argomenti genomici della PCR richiedono l’isolamento dell’HIV come assolutamente essenziale. Altrimenti come si fa a sapere l’origine dell’acido nucleico?”

Eleopulos contesta la realtà di un genoma dell’HIV distinto. Concedendo la sua esistenza per motivi di argomentazione, offre le seguenti prove per dimostrare che la PCR non è specifica per l’HIV: (17)

* Non c’è modo di essere sicuri che le sonde per acido nucleico “HIV” e i primer per PCR siano specifici per l’HIV perché: la maggior parte, se non tutte, le sonde utilizzate per i test di ibridazione, comprese le sonde per PCR e i primer, sono ottenute da “HIV” cresciuto nelle colture tissutali utilizzando cellule (chiamate linea cellulare) prelevate da un paziente con leucemia a cellule T4, una malattia che Gallo afferma sia causata da un retrovirus simile all’HIV – HTLV-I. E recentemente si afferma che un retrovirus sia stato isolato da una coltura cellulare non infetta da HIV usando un’altra linea cellulare. Pertanto, le linee cellulari standard utilizzate per coltivare l’HIV hanno dimostrato di indicare altri retrovirus. Poiché anche il metodo consolidato per isolare i retrovirus (che finora non è mai stato fatto per l’HIV) non è in grado di distinguere un retrovirus da un altro, non si può essere certi che le sonde per acido nucleico “HIV” e i primer PCR siano effettivamente specifici per l’HIV.

* I geni HIV proposti si ibridano con i geni strutturali di HTLV-I e HTLV-II, altri due retrovirus umani. Ciò significa che se le sonde trovano materiale genetico da questi altri retrovirus, si attaccheranno ad esso e daranno il segnale che hanno invece trovato l’HIV. Poiché è accettato che il 10% dei pazienti con diagnosi di AIDS sia portatore di HTLV-I e che il normale genoma umano contenga sequenze correlate a HTLV-I e HTLV-II, si può prevedere questo tipo di reazione crociata.

* Le cellule umane normali contengono centinaia o migliaia di sequenze simili al retrovirus, ovvero piccoli tratti di DNA che corrispondono a una piccola parte del genoma proposto dell’HIV o di altri retrovirus. E, dal momento che la PCR spesso amplifica solo una piccola parte dell’intero genoma di tutto ciò che sta cercando, come fai a sapere che ciò che trova non è una normale sequenza genica cellulare che coincide con una parte di ciò che viene proposto per l’HIV?

* Ulteriori prove del fatto che la PCR non è specifica è che le PCR positive possono essere ottenute da cellule senza acidi nucleici. Quindi se non c’è acido nucleico, non c’è DNA o RNA, e se non c’è DNA o RNA, certamente non c’è HIV.

* I prodotti chimici utilizzati nei laboratori per la preparazione di colture di tessuti (chiamati tamponi e reagenti) possono fornire segnali PCR positivi per l’HIV. (18)

4. LA PCR RILEVA SOLO UN PICCOLO FRAMMENTO DI UN INTERO VIRUS

La PCR rileva nella migliore delle ipotesi singoli geni e molto spesso solo frammenti di geni. Se la PCR trova due o tre frame genetici

da una possibile dozzina di geni completi, questa non è la prova della presenza di tutti i geni (l’intero genoma). Parte di un gene non equivale a una particella virale completa.

Gli esperti dell’HIV ammettono che la maggior parte dei genomi dell’HIV proposti è incompleta; non potrebbero mai orchestrare la sintesi di una particella virale.

Turner spiega: “Anche se tutti i genomi fossero completi, avere i piani non significa che hai costruito la casa. Puoi trasportare un intero genoma retrovirale nelle tue cellule per tutta la vita senza mai creare una particella virale”. Questi due problemi rendono ancora più incerto quale sia il significato di una PCR positiva.

5. TROVARE L’HIV RNA SULLA PCR NON SIGNIFICA LA PRESENZA DELL’HIV

In questi giorni, si continua a sentire la frase “HIV RNA PCR”. Qual è la differenza tra quella e la vecchia PCR del DNA normale? La PCR regolare cerca la versione del DNA di quello che viene spesso accettato come genoma dell’HIV; RNA PCR cerca la versione RNA, ovvero virus libero che non ha infettato una cellula.

Con la nuova idea che l’HIV si stava a replicare in  miliardi di copie, ora si riteneva necessario scoprire la quantità di virus libero che potrebbe esserci in un dato momento. Il virus libero conterrebbe solo l’RNA, quindi se la PCR trova molto “HIV RNA”, si ritiene che miliardi di copie del virus libero sciamino intorno ai tessuti del paziente. In altre parole, se trovi RNA, hai trovato anche l’HIV. Poiché si ritiene che l’HIV contenga due filamenti di RNA, la formula suggerita è: due RNA = un virus.

In realtà, le cose non sono così semplici. Nel 1993, durante la fase “L’HIV si nasconde nei linfonodi” della teoria della carica virale, Piatak e colleghi, tra cui Shaw, hanno ammesso che per determinare la quantità di particelle di HIV, si devono avere prove preliminari che l’RNA appartenga effettivamente a una particella HIV. (5) Nessuna prova del genere è stata presentata. Non è stata ancora stabilita alcuna relazione tra la quantità di RNA e la quantità di particelle che possono o meno essere presenti. E nessuno ha stabilito se l’RNA provenga da una particella virale o da qualche altra parte. Senza l’isolamento del virus, come fai a sapere l’origine dell’acido nucleico (RNA)?

6. IL VIRUS SENZA CELLULA NON È VIRUS INFETTIVO

Anche se Ho avesse ragione sul fatto che miliardi di HIV liberi da cellule fossero presenti nel flusso sanguigno, il virus libero non è per definizione un virus infettivo; è irrilevante come agente patogeno. Perché l’HIV possa infettare una cellula, la sua proteina dell’involucro, gp120, deve legarsi al sito del recettore CD4 sulla superficie della cellula. Tuttavia, già nel 1983, Gallo ha sottolineato che “l’involucro virale necessario per l’infettività è molto fragile. Tende a fuoriuscire quando il virus germoglia dalle cellule infette, rendendo così le particelle incapaci di infettare nuove cellule”. Per questo motivo, Gallo ha affermato che “potrebbe essere necessario un contatto cellula-cellula” per l’infezione retrovirale. Poiché gp120 è “cruciale per la capacità di HlV di infettare nuove cellule”, e poiché gp120 non si trova nelle particelle libere da cellule, anche se nel sangue sono presenti enormi quantità di HIV libero, non sarebbero infettive. (17)

7. La PCR NON È STANDARDIZZATA O RIPRODUCIBILE

In un recente articolo, Teo e Shaunak hanno commentato la PCR in situ: “Nonostante un notevole sforzo, la tecnica è ancora tecnicamente difficile e non ha ancora dimostrato di essere affidabile o riproducibile”. (19)

In uno studio che ha confrontato i risultati della PCR con i risultati dei test sugli anticorpi, la PCR non è stata riproducibile e “sono stati osservati risultati falsi positivi e falsi negativi in ​​tutti i laboratori (la concordanza con i test anticorpali variava dal 40% al 100%)”. (20)

8. La PCR È SOSTENIBILE ALLA CROSS-CONTAMINAZIONE

Quantità minime di acidi nucleici da campioni precedenti possono facilmente contaminare il campione attualmente in fase di test, dando un risultato falso positivo. (21) Anche i microscopici frammenti di pelle o capelli del tecnico di laboratorio possono causare questo problema. Esistono molte fonti di contaminazione incrociata e può verificarsi “in qualsiasi fase della procedura, dal punto di raccolta dei campioni fino all’amplificazione finale …” (22)

Altre cause di falsi positivi sono elencate da Teo e Shaunak: “Abbiamo ora identificato una serie di fattori che possono contribuire alla scarsa amplificazione del DNA bersaglio e alla generazione di segnali falsi positivi. Questi fattori includono gli effetti della fissazione , astrazione dei reagenti, degradazione del DNA, etichettatura finale del DNA e diffusione del prodotto  Riteniamo che si debba prestare molta attenzione nell’interpretazione dei risultati generati usando la PCR in situ. ” (19)

9. POSTI FALSI POSSIBILMENTE FREQUENTI CON LA PCR

* Uno studio di competenza per valutare le prestazioni dell’HIV PCR nel rilevare il DNA privo di cellule ha mostrato “un tasso inquietantemente elevato di positività non specifica” utilizzando i primer comunemente impiegati (SK38 / 39, per il gene gag o p24). In effetti, sono stati trovati tassi simili di positività tra campioni anticorpali sia (18% contro 26%)! (23)

* Su 30 bambini non infetti, 6 hanno avuto risultati PCR positivi “occasionali”. (24)

* La PCR eseguita su neonati non infetti di età inferiore a un anno ha mostrato 9/113 (9 su 113) 15/143, 13/137, 7/87 e 1/63 neonati per avere test PCR positivi. (25)

* Tra 117 bambini non infetti nati da madri infette da HIV, sei (5%) presentavano una PCR falsamente positiva sul sangue cordonale. (26)

* In uno studio di competenza sulla PCR, il 54% dei laboratori coinvolti ha avuto problemi con risultati falsi positivi; Il 9,3% del totale dei campioni non infetti è stato segnalato come positivo. (22)

* Uno su 69 dei non sieroconvertitori negativi agli anticorpi era PCR positivo. (27)

* Un individuo ad alto rischio era inizialmente positivo alla PCR ma negativo al ripetuto test PCR dello stesso campione da parte di due diversi laboratori. (27)

* Il gruppo di lavoro PCR dell’Organizzazione mondiale della sanità ha dimostrato alti livelli di risultati falsi positivi ottenuti durante gli studi “ciechi” sulla PCR dell’HIV. (22)

* Sheppard et al. hanno dichiarato nel loro studio: “Questo studio ha dimostrato che risultati falsi positivi, anche con rigorosi algoritmi di test, si verificano con frequenza sufficiente tra gli individui non infetti, la cosa rimane un problema serio”. (28)

* Su 327 operatori sanitari esposti all’ago dell’HIV, 4 avevano uno o più risultati PCR positivi e 7 risultati indeterminati. I campioni successivi per tutti gli 11 furono negativi e nessuno sieroconvertito  sviluppò l’antigenemia p24, portando alla conclusione che “i risultati falsi positivi si verificano anche nelle condizioni di test più rigorose”. (29)

CONCLUSIONE

Essenziale per la teoria del Dr. HO è l’idea che l’HIV muti così rapidamente che in pochi giorni o settimane è diventato resistente a qualsiasi farmaco “antivirale” che il paziente sta assumendo. Per evitare ciò, si raccomanda che il paziente prenda “combinazioni” di TRE FARMACI che teoricamente colpiscono l’HIV da tutti gli angoli contemporaneamente, riducendo così la possibilità che sopravviva un ceppo resistente. Nel frattempo, è necessario monitorare continuamente la “carica virale” con test che costano 200 dollari. L’accento è posto sull’intervento precoce, cioè dosare i pazienti con più farmaci nel momento in cui si convertono (supponendo che qualcuno avrebbe saputo quando si è verificato questo evento per iniziare) e tenerli su questi farmaci per il resto della loro vita.

Anche se NESSUNO HA DIMOSTRATO CHE SONO PRECISI, i TEST sulla CARICA VIRALE vengono PROMOSSI vigorosamente come necessità all’avanguardia per i PWA, e NON E’ DIFFICILE CAPIRE PERCHE’. 

Nel Washington Post (2-06-96), DAVID BROWN ha inavvertitamente RIVELATO il MOTIVO: “Il trattamento dell’HIV aggressivo sarà probabilmente anche più costoso rispetto al passato. MISURARE  la CARICA VIRALE COSTERA’ circa $ 200 PER TEST e la nuova generazione di medicine per HIV saranno probabilmente almeno costose come quelle che sostituiscono”.

U. S. NEWS and WORLD REPORT (2-12-96) è stato PIU’ SPECIFICO, stimando il COSTO ANNUALE di un INIBITORE della PROTEASI a circa $ 6.000 e il COSTO di COMBINAZIONI di TRIPLO FARMACO fino a $ 12.000 a $ 18.000. Sono ora prescritte combinazioni di tre o quattro farmaci, dove una (AZT) era sufficiente. Dato che sempre più farmaci sono considerati necessari per “curare” le persone, molte delle quali non hanno nulla di sbagliato in esse, è ovvio che MUCCA DA SOLDI sarà per l’INDUSTRIA FARMACEUTICA.

La TEORIA DELLA CARICA VIRALE ha creato una nuova preoccupazione per produrre uno STRESS insopportabile nella vita di persone disperate. Si dice ora che una persona abbia eliminato solo una volta i nuovi farmaci “antivirali”, principalmente gli inibitori della proteasi. Se non li prendi esattamente al momento giusto, nelle giuste combinazioni o quantità giuste, o se assumi stupidamente un solo farmaco alla volta o riduci la dose perché la dose attuale ti fa star male, il tuo VIRUS diventerà RESISTENTE e i FARMACI non funzioneranno mai più su di te. E non puoi nemmeno abbandonare le DROGHE, per lo stesso motivo, ANCHE SE ti stanno facendo AMMALARE MORTALMENTE.

OGNI ARTICOLO sull’argomento finora ha una DIVERSA IPOTESI di ESPERTI su come dovrebbe funzionare l’intero programma: NESSUNO SA se è possibile guarire o semplicemente mantenere la linea; NESSUNO CONOSCE la prognosi a lungo termine per coloro che assumono questa tripla combo tripla tossica. (Gli inibitori della proteasi hanno prodotto REAZIONI AVVERSE ESTREME in molte persone, quindi non dovrebbe essere difficile capirlo). Chiunque sia abbastanza sciocco da iscriversi diventerà un animale di prova per le persone che NON SANNO COSA STANNO FACENDO.

QUANDO smetteremo di permetterci di essere usati come cavie per qualunque schema con il cervello rotto? 

QUANDO metteremo un lucchetto sui nostri portafogli e ci rifiuteremo di pagare per il privilegio di essere avvelenati? 

E QUANDO SMETTEREMO di SOSTENERE gli ESSERE UMANIi PIU’ DEGRADATI ESISTENTI – quelli CHE TRAGGONO PROFITTO dalla SOFFERENZA degli ALTRI?

CHRISTINE JOHNSON è membro della MENSA e GIORNALISTA SCIENTIFICA INDIPENDENTE di LOS ANGELES, USA. È la persona di contatto di HEAL / Los Angeles, fa parte del Board of Advisors della rivista Continuum e redattore di Reappraising AIDS. Ha una vasta esperienza in medicina, legge e ricerca in biblioteca ed è motivata dal desiderio di scoprire la verità sull’AIDS. Ha un interesse speciale nel rendere le informazioni contenute nelle riviste di scienze tecniche accessibili al pubblico. Negli ultimi quattro anni ha seguito il lavoro di PERTH, articoli di gruppo e SCRITTI CRITICI sui TEST ANTI-CORPALI per l’HIV, inclusa un’ampia intervista con ELENI PAPADOPULOS-ELEOPULOS, che sono stati PUBBLICATI IN TUTTO IL MONDO.

Riferimenti

1. Embretson J, Zupancicl M, Ribas JL, et al. 1992. “Infezione occulta massiccia di linfociti T e macrofagi helper da parte dell’HIV durante il periodo di incubazione dell’AIDS.” Natura. 362: 359-362.

2. Pantaleo G, Graziosi C, Demarest J, et al. 1993. “L’infezione da HIV è attiva e progressiva nel tessuto linfoide durante lo stadio clinicamente latente della malattia”. Natura. 362: 355-358.

3. Ho DD, Neumann AU, Perelson AS, et al. 1995. “Rapido turnover di virioni plasmatici e linfociti CD4 nell’infezione da HIV-1”. Natura. 373: 123-126.

4. Wei X, Ghosh SK, Taylor ME, et al. 1995. “Dinamica virale nell’infezione da virus dell’immunodeficienza umana di tipo 1”. Natura. 373: 117-122.

5. Eleopulos E, Turner VF, Papadimitriou J. 1995. “Fatturato dei linfociti HIV-1 e CD4”. Riacquisire l’AIDS. 3 (6): 2-4.

6. Eleopulos E, Turner VF, Papadimitriou J. Letter to Nature. 1994. “L’HIV si sta davvero nascondendo nei linfonodi?”

7. Duesberg P, Bialy H. “Risposta a” Duesberg e alla nuova visione dell’HIV “in AIDS: indotta da virus o droga. Kluwer Academic Publishers, Boston (1996).

8. Craddock M. 1995. “HIV: Science by Press Conference”. Riacquisire l’AIDS. 3 (5): – 4.

9. Scheda informativa del progetto: test PCR. 1 agosto 1995.

10. Duesberg P, Bialy H. 1995. “L’HIV è un’illusione”. Natura. 375: 197.

11. Papadopulos-Eleopulos E, Turner VF e Papadimitriou JM. 1993. “È una prova Western Blot positiva dell’infezione da HIV?” Biotecnologia. 11: 696-707.

12. Blattner WA. 1989. Retrovirus. pp545-592. In Viral Infezioni negli umani, terza edizione, a cura di A Evans. Plenum Medical Book Company, New York.

13. Macy E, Adelman D. 1988. Lettera al New England Journal of Medicine. 15 dicembre.

14. Sloand E, Pitt E, Chiarello R, et al. 1991. “Test HIV: stato dell’arte”. JAMA. 266: 2861.

15. Maver, Robert. Aprile 1993. “Test dell’AIDS Test”. Ripensare l’AIDS. 1 (4): 4.

16. Documenti relativi al faxback dei Centri per il controllo delle malattie n. 320320, gennaio 1993.

17. Eleopulos E, Turner VF, Papadimitriou J, Causer D. 1995. “Fattore Vlll, HIV e AIDS negli emofiliaci: un’analisi della loro relazione”. Genetica. 95 (1-3): 25-50.

18. Conway B. 1990. “Rilevazione dell’HIV-1 mediante PCR in campioni clinici”, p40-45, in Tecniche di ricerca sull’HIV, a cura di A Aldovini e BD Walker, MacMillan, New York.

19. Teo IA, Shaunak S. 1995. “PCR in situ: aspetti che riducono l’amplificazione e generano risultati falsi positivi”. Histochem. J. 27: 660.

20. Defer C, Agut H, Garbarg-Chenon A, et al. 1992. “Controllo di qualità multicentrico della reazione a catena della polimerasi per la rilevazione del DNA dell’HIV.” AIDS. 6: 659.

21. Bootman JS, Kitchin PA. 1994. “Preparativi di riferimento per la standardizzazione della PCR HIV-1: uno studio collaborativo internazionale”. J. Vir. Meth. 49: 1-8.

22. Bootman JS, Kitchin PA. 1992. “Uno studio collaborativo internazionale per valutare una serie di reagenti di riferimento per la PCR HIV-1”. J. Vir. Meth. 37:23.

23. Busch MP, Henrard DR, Hewlett IK, et al. 1992. “Scarsa sensibilità, specificità e riproducibilità del rilevamento del DNA dell’HIV-1 nel siero mediante reazione a catena della polimerasi”. J. AIDS. 5: 872.

24. Garbarg-Chenon A, Segondy M, Conge A, et al. 1993. “Isolamento del virus, reazione a catena della polimerasi e produzione di anticorpi in vitro per la diagnosi di infezione da virus dell’immunodeficienza umana pediatrica”. J. Vir. Metodi. 42: 117.

25. Paui MO, Tetali S, Lesser ML, et al. 1996. “Diagnosi di laboratorio dello stato di infezione nei neonati esposti perinatalmente al virus dell’immunodeficienza umana di tipo 1”. J. Inf. Dis. 173: 68.

26. Simonon A, Lepage P, Karita E, et al. 1994. “Una valutazione dei tempi di trasmissione da madre a figlio del virus dell’immunodeficienza umana di tipo 1 mediante reazione a catena della polimerasi.” J. AIDS. 7: 952.

27. Celum CL, Coombs RW, Lafferty W, et al. 1991. “Western Blots di tipo 1 del virus dell’immunodeficienza umana indeterminata: rischio di sieroconversione, specificità dei test supplementari e un algoritmo per la valutazione.” J. Inf. Dis. 164: 656.

28. Sheppard HW, Ascher MS, Busch MP, et al. 1991. “Uno studio di competenza multicentrica sull’amplificazione genica (PCR) per la rilevazione dell’HIV-1”. J. AIDS. 4: 277.

29. Gerberding JL. 1994. “Incidenza e prevalenza del virus dell’immunodeficienza umana, del virus dell’epatite B, del virus dell’epatite C e del citomegalovirus tra il personale sanitario a rischio di esposizione al sangue: rapporto finale di uno studio longitudinale”. J. Inf. Dis. 170: 1410.

Con riconoscimenti a: Paul Philpott, ex assistente di ricerca in immunologia e attuale direttore di Reappraising AIDS; e Todd Miller, Ph.D. in biochimica e biologia molecolare, dell’Università di Miami. Una versione simile di questo pezzo è apparsa per la prima volta nel HEAL / New York Bulletin, ottobre 1996.