Fruttarismo 3M – edemi, orticaria, eczema, prurito, solanacee, cucurbitacee, B12, formicolio, insonnia…..

Fausto Scacchetti

Attenzione alle SOLANACEEE, specialmente PEPERONI. A lungo andare si accumula una quantità tossica di ACETILCOLINA   che, indirettamente provoca alcuni problemi: GONFIORE degli ARTI INFERIORI,   SUDORAZIONE NOTTURNA, ECZEMA CUTANEO, FREQUENZA URINARIA NOTURNA e VESCICA CONTRATTA e NON SI RIEMPIE MAI BENE,  causando anche DIFFICOLTÀ ad URINARE.Se qualcuno ha questi sintomi deve LASCIARE le SOLANACEE  per parecchi mesi, tanto ci vuole per smaltire la SOLANINA   stoccata nei vari tessuti del corpo.

Alessandro Di Gaia

purtroppo non è allarmismo, tutti i sintomi che ho descritto li ho da qualche mese, anche altri amici fruttariani mi hanno confermato la stessa cosa….negli ultimi mesi assumevo !/3 di PEPERONE, più i soliti POMODORI da anni senza alcun sintomo. —————————————

Francesco Pesce ha scritto:

Anche a me si sono GONFIATE le CAVIGLIE,  però avevo pensato, come possibile causa, alla mia SCARSITÀ di GLOBULI ROSSI e di EMOGLOBINA:   quest’ultima infatti, insieme all’ALBUMINA, l’altra proteina contenuta nel PLASMA, esercita un’azione di calamita nei confronti dell’ACQUA, riportando i liquidi interstiziali all’interno del flusso ematico; dunque se queste proteine scarseggiano (nel mio caso scarseggia solo l’emoglobina, mentre  l’ALBUMINA    è un po’ BASSA ma nella NORMA) i liquidi non saranno attratti a sufficienza e tenderanno a formare qualche EDEMA. E siccome la scarsità di emoglobina (13) è probabilmente dovuta alla carenza di B12 (<83), ho pensato di ricorrere all’INTEGRAZIONE di B12(tanto più che l’OMOCISTEINAè piuttosto ALTA: 50, poi rettificata a 20 in una seconda misurazione). Una precisazione: il GONFIORE alle CAVIGLIE NON SPARISCE MAI; QUANDO CAMMINO MOLTO (escursione in montagna) l’EDEMARISALE SOPRA le CAVIGLIE, in una ZONA della gamba NON tanto LONTANA dalle CAVIGLIE stesse, e dunque non rientra in circolo ma RISTAGNAin una zona diversa anche se prossima.

Ora tu avanzi l’ipotesi dell’intossicazione da SOLANINA.   In effetti io l’inverno scorso ho mangiato parecchieMELANZANE,oltre ai POMODORI (soprattutto,4 ETTI circa al GIORNO) e PEPERONI(molto meno però). Di qui il tuo consiglio di ELIMINARE le SOLANACEE  per parecchi mesi. In realtà questa spiegazione, nel mio caso, mi lascia un po’ perplesso, perché NON HO  l’ECZEMA, e quanto alla DIFFICOLTÀ NOTTURNA al RIEMPIMENTO della VESCICA e alla FREQUENZA URINARIA queste C’ERANO già PRIMA dell’EDEMA ai PIEDI.          Mi rendo tuttavia conto che l’ipotesi non è da scartare alla leggera ma anzi da sottoporre a verifica. Qui però mi trovo di fronte ad una difficoltà pratica tutt’altro che piccola: va bene ELIMINARE MELANZANE e PEPERONI, ma se elimino anche i POMODORI con che cosa la faccio l’insalata fruttariana? ZUCCHINE e CETRIOLI soltanto mi sembrano ingredienti molto poveri; i POMODORI   MATURI contengono molta  SOLANINA  oppure ci possono stare comunque in un’insalata, magari in piccola quantità, diciamo un paio d’etti?

Tornando al problema della CARENZA di B12, l’idea che mi sono fatto è che le nostre diete (di noi VEGANI, IGIENISTI, e anche  FRUTTARIANI 3mfino alla fase F2 nella quale mi trovo da 8 mesi circa) siano strutturalmente CARENTI di B12, per via principalmente del fenomeno del fabbisogno nutrizionale indotto, in particolare proteico che innalza tantissimo il fabbisogno di B12. Dunque hai voglia di non lavare le mele   in questa fase in cui mi trovo: finché non passerò a F3, la mia assunzione di proteine sarà sempre tale da indurre un fabbisogno di B12 che la dieta non potrà mai soddisfare. E siccome gli effetti di una carenza di B12 possono essere anche piuttosto seri, come nel mio caso, con GLOBULI ROSSI SCARSI, POCA EMOGLOBINA, e ALTA OMOCISTEINA, e ora anche con l’EDEMA, forse è il caso di ricorrere all’INTEGRAZIONE (con pillole sublinguali di B12 da sintesi batterica). GABRIELE CERACCHINI,  che ho già sentito e mi ha consigliato di rivolgermi a te per la tua esperienza del gonfiore alle caviglie,è CONTRARIO  all’INTEGRAZIONE,  perché sostiene che in F2 aumenta l’autoproduzione di b12 e pure la sua assimilazione. Però nel mio caso pare che ancora non ci siamo con questi benefici effetti, forse perché ancora mi concedo qualche FRUTTO ORTAGGIO COTTO, tipo  FAGIOLINI  oppure spaghetti di  ZUCCHINE  con sugo di POMODORINI. Quindi in attesa che maturino i tempi di un mio passaggio a F3, credo che per prudenza non mi resti che la via dell’INTEGRAZIONE.

Se vorrai commentare queste mie esperienze, te ne sarei molto grato. —_________________—————

Fausto Scacchetti:

Innanzi tutto con F1 e F2 non aumenta il fabbisogno proteico, anzi diminuisce rispetto alle impostazioni dietetiche precedenti (vegan, ecc.). Se hai POCA B12 ematica significa probabilmente che l’organismo ne richiede poca, proprio per la BASSA USURA PROTEICA ed ENZIMATICA (feed back), mentre magari le scorte che sono principalmente nel fegato, sono a livelli più che sufficienti. Avere l’OMOCISTEINA a 20 è NORMALE per un F1 e F2, questo sembra un dato allarmante, ma facciamo alcune considerazioni: L’OMOCISTEINA viene DISTRUTTA DA B12 e FOLATI, specialmente da quest’ultimi. Noi prendiamo grandi dosi di folati ma non si abbassa, forse i meccanismi sono più complessi e forse non è detto che debba essere bassa per stare in salute. L’OMOCISTEINA è PEICOLOSA perchè ossida le molecole, principalmente il colesterolo HDL, ma noi abbiamo bassissime dosi di HDL e tanta vitamina E + altre + polifenoli, ecc. che contrastano, credo benissimo, l’azione di questa molecola: se 20 fosse il valore di un onnariano allora è rischioso per i motivi suddetti (> HDL, < antiossidanti, ecc.). Ci potremmo chiedere se un aumento di B12 da integratore possa abbassare l’omocisteina: probabilmente si, ma se l’endogena è legata ad un fenomeno di feed back, non andrei a modificare questa fine regolazione. GAMBE E CAVIGLIE GONFIE: oltre alla SOLANINA, che può dare anche contrazione e/o CRAMPI MUSCOLARI perchè >L’ACETILCOLINA ematica, abbiamo anche la  CITRULLINA  contenuta nelle CUCURBITACEE(> OSSIDO NITRICO, potente VASODILATORE = RISTAGNO VENOSO), specialmente  COCOMERO e MELONE,> vicino alla BUCCIA. Consiglio di diminuire il melone e anguria, e SBUCCUARE CETRIOLI e ZUCCHINE,provare per almeno 10 giorni e vedere se c’è un effetto sul GONFIORE. Fatte queste prove molto probabilmente si potrà TORNARE a MANGIARE tutto ciò, comprese le SOLANACEE,  ma SENZA ESAGERARE soprattutto col pomodoro, peperone, melone e anguria. ATTENZIONE anche alla  ZUCCA,  provare ad eliminarla per qualche tempo. Suggerirei di provare anche ALTRI TIPI di MELONE,   non mangiare la polpa vicino alla buccia, evitare contemporaneamente melone – anguria – zucca e pomodori molto maturi (ISTAMINA), sceglierli non troppo  maturi, tipo da insalata quasi maturi.  SBUCCIARE CETRIOLI  e ZUCCHINE   col coltello per andare + in profondità (buccia > citrullina). Sarebbe meglio togliere, ad una parte dei  CETRIOLI,  anche la PARTE INTERNA che contiene i SEMI, specialmente quando questa è morbida. Io uso un leva-torsoli per mela, molto comodo. I cetrioli immaturi sono amari mi sembra, iPOMODORI  NON dovrebbero essere proprio ROSSI, ma NEANCHE VERDI(ma solo se si hanno sintomi di CAVIGLIE/GAMBE GONFIE, PRURITO  anche su altre parti del corpo, ORTICARIA,  GAMBE che dopo qualche ora diventano ROSSE, ecc. La B12 ematica serve soprattutto in fase di COSTRUZIONE PROTEICA: se c’è poca usura non dovrai costruire tanti altri g.r., quindi < richiesta B12, è un circolo virtuoso per il F. sostenibile, ma vizioso per l’onnariano. Controlla sulle analisi le dimensioni medie dei g.r., se sei f. sostenibile da un po di tempo avrai una media alta, g.r. + maturi che lavorano bene, che non sono soppiantati da innumerevoli g.r. giovani e piccoli, proprio a causa dell’usura proteica e, come detto, con > richiesta di B12. ——————————

-Francesco Pesce:

In effetti i miei GLOBULI ROSSI sono PIÙ GRANDI del normale: io credevo che ciò fosse una specie di compensazione del loro scarso numero, insomma di meno ma più grossi per pareggiare, una sorta di pezza rimediata dal corpo per correggere una carenza. E invece tu mi dici che si tratta di un fatto positivo. Lo stesso BASSO numero di GLOBULI ROSSI potrebbe voler dire, se non capisco male, che non ne ho bisogno di più proprio per la mia BASSA USURA PROTEICA. Insomma una logica radicalmente diversa, rispetto a quella ufficiale, di leggere i nostri valori ematici, che mi tranquillizza parecchio. A buon rendere. —————————-____

Fausto Scacchetti: ____

vi chiedo e mi chiedo? ma se il cibo specifico è la MELA che addirittura blocca la cellula in fase G0, quindi quasi nulla ricostruzione proteica, globuli rossi, ecc, quanta B12 troveremo nel sangue? i valori del range ufficiale o solo piccole tracce visto che ne serve pochissima? ——————————————

Gianluca Aria Perricone:

I valori di b12 e generali del sangue (compresa l’omocisteina) dovrebbero essere nella norma anche nei fruttariani. Il problema è che la b12 noi non la troviamo sulla frutta che compriamo, banalmente, e spesso le persone che vengono da ambienti e passati di tossicità (di ogni genere) non hanno un buon fattore intrinseco ergo vanno in carenza… Nel fruttarismo vi sono poi ancora livelli troppo alti di grassi (innaturali) e di proteine, per i quali risulta indispensabile l’azione generale delle vitamine del gruppo b… Mangiando solo mele il problema b12 nn esiste.. E probabilmente anche in un fruttariano con un organismo giovane ed efficiente e che mangi frutta spesso poco lavata e appena colta,e molti frutti blu-neri e mele bio/biodinamiche/naturali e che abbia uno stile di vita diverso dal tipo sedentario-impiegatizio-casalingo. Però a mio avviso è più facile che il problema si presenti che non, anche nel fruttariano… E il campanello di allarme sono proprio omocisteina alta b12 bassa e mcv alto (già quest’ultimo indica che c’è una carenza prolungata e bisogna intervenire). Io per si e per no, nel fruttarismo, assumo b12 galenica in gocce e da quando lo faccio sto meglio (omocisteina si è abbassata a livelli normali e nn ho più tutta una serie di sintomi che avevo prima come formicolii alle estremità degli arti). ————— ———————-

Fausto Scacchetti: ———

mcv alto corrisponde a g.r. perlopiù maturi, basta vedere il loro contenuto di emoglobina (mhc e mchc), se siamo su buoni valori vuol dire che questi g.r. non sono certo grossi e fregnoni. Vedere anche il loro numero, se sono bassi significa che c’è poco turn over di g.r. giovani per soppiantare quelli che muoiono da giovani adulti, tutti questi costituiscono una mcv bassa, perché devono essere tanti per assolvere bene alle loro funzioni (non essendo ben maturi, cioè grandi).

ROBERTO CERINI:

I sintomi della carenza di vitamina B12 (di cui necessitiamo di 2-3mg al giorno, poco meno del peso di una goccia d’acqua), sono causati dall’interferenza con la sintesi di DNA. In primis vi è una forma di ANEMIA   di tipo macrocitico megaloblastico, ma indipendentemente dall’anemia si possono verificare dei sintomi neurologici quali FORMICOLIO, INTORPIDIMENTO, SPASMI, DEPRESSIONE ed INSONNIA”.http://farmaciacampedello.it/settori/laboratorio-galenico/211-vitamina-b12-oltre-il-mal-di-schiena ————————————

Fausto Scacchetti:

La concentrazione ematica di B12 potrebbe essere correlata con la nostra alimentazione: tanta B12 ematica in onnariani, (ma non in tutti, dato i loro problemi digestivi), sotto il minimo dei valori di riferimento per i fruttariani sostenbili. VOLETE SCOMMETTERE che se un FRUIT PASSA velocemente a una DIETA VEGAN, magari al 50% cotto, senza la minima assunzione di B12 da alimenti e da integratori, immediatamente la sua B12 ematica RISALE? non si possono fare esempi con la dieta vegetariana e/o onnariana, poiché i dati sarebbero viziati dalla B12 assunta con l’alimento. ————————————

Gianluca Aria Perricone ————Mangio frutti dagli alberi appena colti pere fichi uva e sento che è come quando mi prendo la b12 nel momento in cui ne mangio. Vi hiederete ccome si faccia ad essere così sensibili… In f2 e disintossicati lo si è eccome anche al minimo nutriente. Sisi a pranzo 3 mele perché faccio molto sforzo… La sera a letto presto. Passeggiata al chiaro di luna a mare e respirare… Bicicletta, calistenica e si viaggia… Detox in corso 🙂 . Almeno 1 giorno a sole mele lo faccio a settimana; quando ne trovo buone. Mma vegan intendi? poi se uno è fruttariano, specie in f2, deve sempre controllare il ph perché se va in alcalosi sono cazzi, non solo acidosi, perché la detox si blocca… io fra f1 f2 e fruttarismi con due pasti al giorno più proteici per incrementare un po’ la massa muscolare (cosa che ha funzionato) facevo sempre comunque uno o due giorni a settimana di sole mele (m1) per la detox… ma questo lo facevo d’istinto —————————————-

Francesco Pesce:

io infatti ho un ph intorno a 8. ————————

Gianluca Aria Perricone:

troppo alto. ——————————

Roberto Cerini:

Questa qui è pericolosa! Fai attenzione. Io le ho inviato le mie analisi dove risultavano omocisteina leggermente oltre il limite max e B12 leggermente sotto il livello minimo. Lei mi ha detto che ero al secondo livello di carenza B12 e mi ha dato una terapia di urto che doveva durare tre mesi per poi stabilizzarmi con dosaggi minori. Mi ha consigliato di comprare compresse sublinguali di vit. B12 da 1000 microgrammi della SOLGAR (che si può acquistare solo su internent perchè in Italia a quel dosaggio ne è stata proibita la vendita). Alla prima compressa, non alla seconda o alla decima o dopo un mese ma alla prima, sono seguiti tali effetti collaterali: alla sera strano senso di nausea sparito dopo la cena. Al risveglio invece stessa nausea con stato confusionale (a livelli mai provati prima!), istinto suicida (veramente brutto da provare parola mia), crisi di panico e depressione. Niente male no? Ovviamente me ne sono ben guardato dall’assumere la seconda. Quindi le ho scritto di nuovo per chiedere delucidazioni e sapete la tipa cosa mi risposto? “impossibile, la B12 non da effetti collaterali, si tratta di effetto nocebo”. Ma vaffanculo! Una farmacista che fa preparazioni galeniche ho domandato cosa ne pensasse e quando mi ha chiesto il dosaggio alla mia risposta è sobbalzata e con una faccia incuriosita mi ha domandato: “ma lei è un cavallo?” Hahahahhaha, capito? Mah! Un altro medico pediatra delle mie bambine alle quali ha sconsigliato di vaccinarsi e non ha mai prescritto mezzo farmaco mi ha detto di non riprovare mai più questa pericolosissima esperienza. Cianocobalamina, ovvero cianuro. Bella storia. ——————————————-

Gianluca Aria Perricone:

Anche quella galenica è col CIANURO purtroppo… Io pure ho assunto spesso anche la solgar non ho riscontrato gli effetti collaterali che dici tu… La b12 in eccesso viene semplicemente accumulata o eliminata dall’organismo, il paradosso della b12 è che meno se ne assume e più se ne assorbe, per questo le sublinguali da 1000mcg si prendono 1 a settimana; ε nel caso di carenza se ne prendono 2 o 3 a settimana max. Io ho riscontrato un aumento di energia pauroso sia fisico sia mentale, un aumento del metabolismo tant’è che ho iniziato a mangiare molto di più.. La b12 aumenta l’efficienza della sintesi proteica di più del 50%. _________________________________

Fausto Scacchhietti:

Gianluca Aria ti sei chiesto se l’aumento metabolico e lo stato di maggiore energia fossero dovuti invece ad una reazione del corpo che cerca di disfarsi, in qualche modo, del cianuro e della b12 in eccesso? Infatti hai iniziato a mangiare molto di più, quanto invece ormai sappiamo che l’aumento di energia dinamica è data solo da una < dell’energia strutturale, ergo metabolismo. ——————————————

Gino Maini ——

si, QUANDO HO TOLTO TUTTI I GRASSI, avocado olive e olio oliva, ho sentito un NOTEVOLE MIGLIORAMENTO…la SOLANINA  pare sia soprattutto nella pianta delle PATATE  e nella BUCCIA che io tolgo, comunque ovviamente anche le patate non sono l’ideale. —————————————-

Fausto Scacchetti:

Il range di valori riportati sulle analisi sono elaborati tenendo conto dei dati della popolazione ( 99% onnivora), che affluisce a quello specifico laboratorio. Se un onnivoro ha una cospicua usura tossemica, in primis gli eritrociti, avrà bisogno di + B!2 che si ritrova nel torrente ematico, con le analisi. Quindi avere B12 alta è bene o male? Non ci sono i range, sulle analisi, per i fruttariani ne per altre categorie. Nei pronto soccorso trovano omocisteina alta a infartuati che magari hanno poca placca, dato che la cosa si ripete frequentemente accusano l’omocisteina. In un onnariano può fare danni (alto LDL, pochi antiossidanti, usura vitaminica, ecc,), mentre per un f. sostenibile probabilmente è innocua. Inoltre sembra che produciamo B12 anche dalla bocca oltre a quella che recuperiamo dai succhi biliare a livello intestinale. ——————————————-

FRANCESCO PESCE:

C’è di che RIFLETTERE circa la SOSTENIBILITÀ del FRUTTARISMO 3M. Prima LA DAVO PER SCONTATA, ora un po’ meno:                  

 tra la solanina delle solanacee, la citrullina delle cucurbitacee, gli effetti secondari della frutta grassa, la carenza di B12 e le sue ricadute sugli eritrociti e sull’omocisteina, dubbie quanto si voglia ma evidenti, cosa mi resta da mangiare, a parte le MELE? E se uno non si sentisse pronto per le sole mele? Forse gli esperimenti di Gino, con le sue mele e patate, non sono così strampalati. ———————————-

Fausto Scacchetti ——

3 m sconsiglia il fruttarismo perchè porta comunque problemi anche se non gravi e dice di passare al melarismo.: in alternativa almeno F2 o F1 .———————-/——————————

FRANCESCO PESCE

infatti io sono in F2, ma pare che non sia immune da pecche che ne minano la sostenibilità, almeno nel mio caso specifico. Kia Pupetta Mi riferisco al mio edema alle caviglie, ai miei valori sballati di omocisteina e globuli rossi, pare dovuti a carenza di b12, una carenza che 8 mesi di F2 non sono stati in grado di correggere minimamente; mi riferisco alla noia che sto avvertendo da qualche tempo per l’insalata fruttariana, cioè per l’unico pasto diverso dalla frutta dolce e dalle mele. La soluzione potrebbe certo consistere nel passaggio al melarismo, o anzi a F3, ma in tutta franchezza ancora non me la sento, ho troppa opposizione in famiglia, o mi ritiro da solo in qualche parte del mondo oppure qui le sole mele non passano, non sono accettate. Questo è un esito che non mi aspettavo, non credevo che il fruttarismo sostenibile 3m potesse mostrare le corde in modo così plateale. ho visto solo ora la tua domanda, Claudio Lo Cascio. Ne mangio minimo 5 al giorno, insomma sono in F2; poi quando faccio il giorno di sole mele ovviamente ne mangio di più . Kia Pupetta (8-10 mele al giorno e sei a corto?) ma allora sei proprio una melariana tosta, anzi potresti persino essere una melariana pura e integrale. Io invece sono solo un melariano parziale e timido, mi ci vorrà più tempo, ormai i miei riflessi non sono più quelli di un tempo, sono più lento ———————/——————

Fausto Scacchetti

Sono in F2 da almeno 3,5 anni, con qualche piccolissima eccezione, ma che conferma la regola. L’edema è fortemente diminuito soprattutto con la riduzione del melone, ma anche peperone e pomodoro (a cui adesso tolgo buccia e semi con gelatina che li protegge, inclusa). Ovviamente pochi peperoni, per lo più senza buccia, pochissima zucca, cetrioli e zucchine sbucciati per bene. In questo modo l’edema quasi sparisce. Se assumo pomodori maturi, specie in scatola in una certa quantità, allora problemi per varie ore con la minzione, che risulta più difficile (istamina che contrae la muscolatura liscia di prostata, sfintere uretrale e vescica), infiammazione delle caviglie e leggero gonfiore. Altro problema sono le OLIVE trattate al RAME, complessato in vario modo. E’ una frode alimentare, si fa soprattutto per quelle trattate alla soda (verdi dolci) che subiscono una decolorazione: per ridare colore verde usano rame che è tossico oltre una certa quantità. Il rame, tra le altre cosa ostacola l’assimilazione dello iodio da parte della tiroide. Meglio scegliere olive dolci che sono verde sbiadito tendente al giallo scuro. In questo modo rinverdiscono e coprono le macchie anche delle olive vecchie, anche di + anni, magari con forte presenza di MUFFE. I maturi contengono + istamina ma – solanina, devi gestirli in funzione della tua sensibilità alle due sostanze. Se, per esempio si ha una prostata ingrossata di se, probabilmente è + problematica l’istamina, che comunque crea un certo gonfiore e prurito, dipende dalla quantità, sensibilità individuale (scarsa presenza di DAO intestinali ed enzimi endogeni che scindono la molecola). Due anni fa ho fatto 15 gg a mele (M1), mi sentivo letteralmente scoppiare di salute, vivevo l’attimo e godevo continuamente (quasi un orgasmo continuo). Poi ho lasciato per motivi esterni e non ho + ripreso, ma sto preparandomi, anche psicologicamente per F3, a breve. Nel caso suddetto l’istamina crea gonfiore e prurito soprattutto all’altezza delle caviglie, mentre contrae la muscolatura liscia di prostata, vescica e uretra. —————————————-

CLAUDIO LO CASCIO

Io sto ascoltando molto me stesso dopo la lettura del testo 3m. Il mio corpo mi ha richiesto subito di aumentare le mele e in questo modo non ho problemi di nessun tipo. Il corpo tace ed è pieno di energie. Con gli altri tipi di frutta si finisce con l’avere molti problemi: appetito insaziabile, carenza di b12, infiammazioni varie.. Non scordiamoci gli insegnamenti della nonna che diceva che una buona parte della frutta ortaggio è :”calda”. RISCALDANTE Adesso possiamo comprendere qual era il vero messaggio delle nonne e analizzarlo in chiave scientifica!! 

FRANCESCO PESCE:

Mi pare di poter dire, dopo 9 mesi di dieta 3m, di cui 8 di F2, che il tempo del fruttarismo cosiddetto sostenibile sia ormai alle mie spalle: se fruttariano resterò, dovrà trattarsi di un fruttarismo con molte più cautele di quelle che mi erano state prospettate. Il rischio di tossicosi da consumo di solanacee e di cucurbitacee, vale a dire di tutta la nostra frutta ortaggio e perfino del melone e anguria, così come il rischio di alcolosi da consumo di f.grassa e f.ortaggio, non sono eventualità rare nel nostro ambiente, ma a quanto pare fenomeni molto diffusi e di cui tener senz’altro conto. Anche a costo di rivedere quell’appellativo forse fin troppo generoso, e cioè “sostenibile”, magari dicendo chiaramente che il fruttarismo, oltre un limitato periodo di tempo, diciamo intorno ai sei mesi, diventa a rischio di sostenibilità, soprattutto se non si è più tanto giovani. 

Non ci resta che consolarci con la prospettiva del melarismo, di cui tuttavia non abbiamo un quadro di esperienze ancora chiaro, anzi forse non abbiamo proprio nessun quadro per il momento. Le nostre impressioni su di esso sono generalmente molto positive e rincuoranti, ma era così anche col fruttarismo “sostenibile” 3 m, e sappiamo com’è andata. Io ho un ph intorno a 8, quindi decisamente alcalino, non so se si possa parlare di alcolosi in senso tecnico, può essere che mi sbaglio. E comunque è chiaro che a determinarlo è soprattutto l’avocado, e poi la zucca e la frutta ortaggio in genere. Quanto alla frutta grassa in particolare, io non escluderei neppure controindicazioni in termini di maggior richiesta di b12, per via anche dell’elevato tenore proteico dell’avocado (e pure delle olive, anche se molto meno), e per via anche della stessa alta quantità di grassi, il cui metabolismo infatti richiede un maggior intervento della b12, che chi ne sia carente difficilmente potrà soddisfare senza problemi. Non vorrei sembrare ingeneroso con la teoria 3m, a cui debbo anzi mostrarmi riconoscente per gli enormi benefici che mi ha dato in questi mesi: dico solo che ora dovrò aggiustare il tiro, e forse l’avrei già fatto se fossi stato avvertito per tempo della sua probabile necessità. La prospettiva di un fruttarismo 3m a tempo indeterminato senza più problemi né difficoltà di sorta, non solo ha perso smalto ultimamente, ma ora richiede senz’altro da parte mia l’adozione di interventi correttivi ben più che formali per poter continuare a reggersi in piedi. Il primo dei quali non può che essere una robusta iniezione di melarismo: minimo due giorni a settimana di sole mele, questo è assolutamente inevitabile, e poi le cautele suggerite da Fausto circa il consumo di solanacee e cucurbitacee, con un occhio pure alla frutta grassa per quel che riguarda il rischio di alcolosi e forse non solo quello. Quanto infine alla carenza di B12, un fenomeno che pure è molto diffuso e quasi strutturale nei nostri ambienti, la lettura che ne dà Fausto, la quale reinterpreta in termini addirittura positivi tutto quel che la medicina ufficiale sanziona come criticità, mi tranquillizza alquanto e forse mi costringerà a rivedere le mie timide posizioni in merito a questo controverso argomento; sul quale non mi sembra comunque il caso di fare guerre di religione, e ognuno si comporti come meglio crede, anche per sua tranquillità interna. Su queste nuove basi, aggiornate e corrette, penso di poter riprendere il cammino iniziato 9 mesi fa. Buon proseguimento a tutti. ———————————————

Fausto Scacchetti:

Francesco Pesce non avevo capito che intendevi alcalosi. Eliminando la zucca il pH dovrebbe abbassarsi, ti consiglio di provare. —————————

FRANCESCO PESCE:

Fausto Scacchetti Scusa un’ultima domanda forse un po’ indiscreta: tu come sei messo con la terna B12/omocisteina/eritrociti? A quando risale il tuo ultimo dosaggio? Ovviamente non ti chiedo i dettagli, ma solo un’indicazione a grandi linee, per capire se anche tu fai parte della grande schiera dei cosiddetti “carenti” di B12, secondo i valori di riferimento della medicina ufficiale (per quel che mi riguarda le mie precedenti analisi risalivano al 2013, e c’è stato un cosiddetto peggioramento, sempre fuori dal range)) ——————————-

FAUSTO SCACCHETTI:

Francesco Pesce B12 intorno a 360, omocisteina 20 ed eritrociti nella parte molto bassa del range….ma domani o dopodomani ti risponderò più dettagliatamente perchè ho ritirato alcune analisi proprio oggi, cercherò di dare un senso fruttariano a valori che sembrano anomali …magari può essere uno spunto per altre riflessioni Ricordavo male, B12 155 a febbraio 2017, ma due anni prima B12 136: dando per buone le analisi – stesso laboratorio – CON LA STESSA DIETA (F2) è AUMENTATA. 

GINO MAINI

devo correggere una affermazione sbagliata su di me che ho dato nei miei commenti precedenti.ho detto che fino alle ore 19.00 non mangio e non bevo nulla.in realtà’ pratico l’urino terapia da un anno e 9 mesi e durante il giorno,soprattutto al mattino ,faccio uso (bevo) di questa sostanza prodotta dal mio corpo.quindi il mio digiuno quotidiano non e’ totalmente anidro… —————————-

FAUSTO SCACCHETTI

Moderando melone, anguria e zucca e, tra le solanacee, il pomodoro, perché è quello + usato, che non dovrebbe essere ne acerbo ne troppo maturo, togliendo la buccia e la gelatina che include i semi, oltre a scegliere possibilmente “olive verdi dolci”, non troppo colorate di verde: purtroppo anche molte di queste hanno subito una leggera fermentazione (quelle “al naturale” sono molto peggio perché la deamarizzazione e conservazione si ottiene proprio con loro fermentazione per vari mesi, per cui possono dare disturbi intestinali alle persone + sensibili, quindi scegliere quelle che danno – fastidio, ….. fare prove), e ben sciacquate prima dell’uso, allora i problemi che io ho dovuto affrontare, perché nessuno mi aveva consigliato, vista l’ignoranza generale e soprattutto perché siamo pionieri del fruttarismo. Vedrai che così molto probabilmente scanserai vari problemi, o se appaiono saprai come regolarti visto che conosci almeno una parte problema. Sicuramente andando avanti con questa dieta si affacceranno anche altri problemi che magari non hanno una sintomatologia evidente, per questo dobbiamo stare sempre all’erta e saper interpretare i segnali anche minimi del corpo, e le analisi mediche, viste soprattutto sotto una nuova luce, anche diversa dalla classica interpretazione dei medici. —————-

FRANCESCO PESCE

Dopo lunghe e travagliate riflessioni, sono giunto alla conclusione di proseguire il percorso di perfezionamento alimentare lungo la strada 3m, senza deroghe di ritorno al passato, né sotto il profilo dietetico (quindi senza concessione alcuna alle verdure) né sotto quello dell’integrazione di b12. Desideravo informarti, Fausto, che a convincermi a prendere questa decisione, sono state soprattutto le tue argomentazioni. E anzi mi sarebbe piaciuto sentire il seguito e le implicazioni a proposito del tuo dosaggio ematico, ma va bene lo stesso così, credo che l’essenziale sia stato comunque detto. Ancora una curiosità da parte mia, a proposito delle tue diciamo forse ardite osservazioni in merito alle dimensioni dei globuli rossi, e cioè mi chiedo: si tratta “solo” di una tua personale considerazione, oppure di elaborazioni che trovano riscontro anche in campo scientifico? (Beninteso, non che le tue considerazioni non ne abbiano in qualche modo il carattere) Grazie di tutto e a buon rendere. ——————-

GIANLUCA ARIA PERRICONE

Il melariano non ha usura da acidosi o alcalosi, quindi il numero e l’efficienza dei globuli rossi rimangono uguali (la seconda aumenta). Non abbisogna di ricambio, se succede significa che il corpo non è pronto, infatti se si passa senza la dovuta gradualità al melarismo anche dal fruttarismo si potrebbero verificare alcuni sintomi negativi quali capogiri, cali di pressione, debolezza. Chiari segni che si sta procedendo troppo veloce e che bisogna fare un passetto indietro. Alterazioni nei valori del sangue (almeno dal mio punto di vista e in base a quanto ho vissuto in prima persona) oltre ai suddetti significano solo errori di transizione, che è stata fatta magari troppo velocemente e senza i dovuti accorgimenti ben descritti in tre emme. L’ingrossamento corpuscolare eritrocitico deriva da l’incapacità del globulo di trasportare l’ossigeno come dovrebbe: l’organismo reagisce in modo istintivo e genera globuli rossi di dimensioni maggiori, in modo tale da recuperare la lacuna. Quindi non è indice di una maggiore efficienza, ma semmai tutto il contrario. Indice di maggiore efficienza, semmai, sono valori bassi ( ma non sotto il range) di globuli rossi, ma con un mcv perfettamente inalterato nel tempo ( bisogna fare le analisi ogni 6 mesi minimo). ———————-

DAVIDE GABBIANELLI

Fausto Scacchetti mi è appena arrivata un allergia da meloni e pomodori forse per aver sostituito da qlc settimana il retato col giallo ? .. sto anche mangiando tanta anguria che però non sembra darmi particolarmente fastidio mentre se inserisco anche piccolissime quantità dei suddetti ortaggi il bruciore divampa immediatamente simile ad un herpes e situato ad entrambe le estremità del cavo orale per cui ogni volta che “apro bocca” mi procura dolore e lacerazione cutanea ?￰゚リᄁ.. il medico mi ha consigliato lo zoovirax che già tenevo in casa e stasera mi sono deciso ad applicarlo con sollievo perché il fastidio che è comparso da diversi giorni si era acutizzato negli ultimi gg.. ?￰゚リᆳpensavo fosse dovuto all’ eccessivo caldo e per aver lavorato sotto il Sole anche durante le ore più calde (ci potrebbe essere come concausa un calo delle difese immunitarie ?) .. come procedere alimentarmente? Oggi ho mangiato 5 mele 2 banane piccole, 2 albicocche + anguria a sazietà.. la sera eliminando i pomodori dall’ insalata fruttariana devo lasciare inalterati gli altri 4 ingredienti? (Zucca, cetriolo, avocado olive olio denocc.) Gabriele Ceracchini ? L acido malico della mela può darmi fastidio? .. i famosi grassi spazzini del sangue e alcalini dell’ avocado potrebbero essermi di aiuto ? Dovrei eliminare anche l anguria secondo voi? … potete intervenire tutti in merito, grazie :). ———————————-

FAUSTO SCACCHETTI

sembra una reazione istaminica: prova eliminando i pomodori, sono i più sospetti, togli anche l’albicocche e le pesche e susine se le assumi, hanno delle proteine che possono provocare reazioni allergiche (fanno tutte parte della stessa sottofamiglia delle Rosaceae, denominata Prunoideae), diminuisci l’assunzione di banane, migliori quelle non troppo mature. Inoltre togli per almeno una settimana il cocomero (attiva l’istamina) ed ovviamente prova anche a ridurre i melone o cambia varietà. Non credo che i grassi c’entrino molto, a meno che non assumi olive, specialmente “al naturale”, come di solito si trovano in commercio, che hanno subito una + spinta fermentazione (istamina). ——————————————

DAVIDE GABBIANELLI ..

grazie per la risposta Fausto Scacchetti ma eliminando tutto ciò rimangono quasi soltanto le mele praticamente durante il giorno in quanto nelle ultime settimane le ho sempre integrate con 1/2 banane mature + 2/3 albicocche e anguria melone.. Non mangio altri frutti .. ho anche il rammarico di avere per mesi coltivato con grande fatica i miei ortaggi fra cui pomodori e melone giallo usando soltanto acqua piovana di raccolta ed ora che finalmente si stanno maturando e non sono mai diventati così deliziosi in sapore e qualità come quest’ anno forse a causa della poca pioggia non posso mangiarli per un mese ?￰゚リモcosì li sto regalando agli amici ?￰゚リハ.. un ultima domanda Fausto Scacchetti : anche la zucca cruda può darmi fastidio in queste condizioni? (Spero di no 🙂 ) Grazie . Stamattina mangiate già 3 mele tutte insieme.. sembra sia meglio effettivamente, saprò dire qlc in seguito, grazie per consigli .. la mia scorta cibo attuale :). ——————————-

FAUSTO SCACCHETTI

Davide Gabbianelli la zucca credo di no, per questo specifico disturbo, però toglierei subito il pomodoro, specialmente molto maturo fresco e/o in scatola ed il cocomero. riduci a 1 banana e non troppo matura. ———————

DAVIDE GABBIANELLI

Quindi la sera vado di zucca cetrioli e avocado Fausto Scacchetti .. comunque generalmente quando fa molto caldo come ora come quando fa molto freddo in inverno mi blocco a livello intestinale e le difese immunitarie si abbassano per cui compaiono questi herpes, eritemi, eczemi, afte boccali e disturbi simili .. ma questa sembra proprio una reazione istaminica agli “acidi” del pomodoro e melone .. —————————

FAUSTO SCACCHETTI

Eritemi e eczemi possono essere dovuti anche alla solanina   accumulata in eccesso……controlla se quando compaiono questi disturbi hai anche sudorazione notturna. In effetti questi sintomi sono dovuti dall’acetilcolina in eccesso, che però si accumula in presenza, oltre una certa concentrazione, di solanina. ——————————-

DAVIDE GABBIANELLI

.. si spesso si verifica anche la sudorazione notturna oltre a tutti gli altri disturbi alla vescica da lei descritti nel post che pensavo fossero dovuti ad altre cause sinceramente … Non immaginavo che le solanacee potessero essere così intossicanti !! ? da crude forse lo sono maggiormente che da cotte ? ?. ——————————-

FAUSTO SCACCHETTI

Ovviamente anche l’ingrossamento del prostata conta, ma la solanina, l’istamina e quant’altro possono facilmente acutizzare il problema, soprattutto per i vegan e fruit. Durante la conservazione gli enzimi e i microrganismi degradano l’aminoacido istidina in istamina, per questo si trova + istamina nelle conserve. Comunque prima di metterli sottolio, sarebbe meglio essiccarli per portarli a bassa umidità (intorno al 12%), per scongiurare pericoli specialmente da botulino. C’è da dire che generalmente i pomodori hanno un pH < a 4,5, ritenuto sicuro per eventuali crescite batteriche pericolose. ——————————————

ROBERTO VACCARO

MAI INTEGRATA la B12, in 10 ANNI di CRUDISMO FRUTTARIANO e la avevo a 600 . Acronimo , One meal a day, mangio una sola volta al giorno , una forma di digiuno intermittente che arriva anche a 22/23 ore di digiuno. Stefano Torcellan ora che ci sono i mangi siciliani mi ci dedico con passione, poi banane, anguria, meloni, prugne, avocado , papaya, chili di uva, pesche, qualche dattero. Fra poco arriva l’annona calabrese e allora… e poi i cachi…Faccio molta attività oltre al lavoro e mangio dalle 2500/3000 CALORIE.                                                                                                                                Stefano Torcellan ho avuto EDEMI in passato quando mangiavo anche POMODORI E PEPERONI  e facevo DUE PASTI O TRE, ora non ho più un goccio di ritenzione e ho preso diversi chili di massa magra grazie anche all’attività fisica. Unica mia INTEGRAZIONE sono le PROTEINE CRUDE ESTRATTE A FREDDO DAI SEMI DI CANAPA. Attualmente 1,70 per 59 kg, un anno e mezzo fa 43 kg.                                       Stefano Torcellan mi riservo uno specchio di 3 ORE e solo 21 ORE di DIGIUNO, il corpo inizia a funzionare in in altra maniera quando digiuna per almeno 20 ore al giorno vivendo nella calma insulinica.

Oggi ho iniziato con 1 kg MELONE, poi 1,5 kg MANGHI Sicilia, poi 1,5 kg BANANE FRULLATE con un AVOCADO e PROTEINE DI CANAPA( e una pesca) Diverse persone lo fanno, anche crudisti, vegani, fruttariani e chetogenisti.                                                                                                                           

Stefano Torcellan IO NON HO PRATICAMENTE MAI FAME, potrei digiunare diversi giorni( e ne ho fatti un po’ amcje lunghetti), in 10 ANNI DI SPERIMENTAZIONI questo è il modo di nutrirmi che trovo più appagante , funzionale e ricco di aspetti positivi? Ho iniziato con digiuno intermittente 16/8 (16 digiuno e i pasti in otto ore , anche tre pasti). ——————————

FAUSTO SCACCHETTI:

Stefano Torcellan in questi casi bisognerebbe vedere quante PROTEINE assumevano, non credo che mangiassero più di 350 grammi di AVOCADO, come facevo io, che è il frutto che alza di + le proteine di un fruit, ma come risultato GAMBE sempre GONFIE. Dalla mia esperienza, parlo per me ovviamente, sono soprattutto le CUCURBITACEE, seguite a ruota dalle SOLANACEE, specialmente il PEPERONE, a GONFIARE le GAMBE.…a me GONFIE SINO all’ATTACCATURA delle COSCE. RIDUCENDO MOLTO QUESTI PRODOTTI noto che le GAMBE SI SGONFIANO....poi mi rifaccio prendere dalla gola e ricomincio ad aumentare POMODORI e CETRIOLI, col risultato che in pochissimi giorni SI RIGONFIANO . Almeno pare che sia questa la causa, nel mio caso, ma NON ESCLUDEREI anche OLIVE, AVOCADO, della FRUTTA DOLCE..……domani sera e dopodomani cenerò (F2) SENZA ORTAGGI e vediamo che succede.

 

———————————————————————————————————————————————————————————————-

Stefano Torcellan Francesco Pesce Io non reggo il regime igienistia crudista, come non reggo quello fruttariano e melariano, perché per ora mi va bene di mangiare ancora cibi cotti per vari motivi che non sto qui ad elencare, e non perché questi regimi non siano ideali. Il REGIME IGIENISTA CRUDISTA VEGANO, è quello con cui VELTRON FRY,   FIGLIO DI T. C. FRY è CRESCIUTO IN SALUTE PERFETTA, SENZA CARIE DENTALE, E SENZA EDEMI. Di questo DATO di FATTO SCIENTIFICO INCONFUTABILE, nel tuo ultimo commento non ne hai affatto parlato, nonostante io ti abbia postato 2 volte il video dell’intervista a VELTRON FRY fatta da due conduttori televisivi, dimostrando così tutta la tua mala fede e falsità con cui porti avanti le discussioni, cambiando le carte in tavola come un prestigiatore, cercando di avere ragione a tutti i costi, anche a costo di nascondere o far finta di non aver visto le evidenze scientifiche inconfutabili che dimostrano l’assoluta validità scientifica della dieta igienista crudista vegana.

1

Gestire

Mi piace

 · Rispondi ·  · Modificato

Stefano Torcellan

Stefano Torcellan Francesco Pesce Il   dottor Giuseppe Cocca   mi ha detto che non mangia cereali, quindi smettila di diffondere balle sulle persone.

Gestire

Mi piace

 · Rispondi · 

Stefano Torcellan

Stefano Torcellan Francesco Pesce Preferisco mangiare ancora cibi cotti piuttosto che fumare sigarette e marijuana come fanno alcuni fruttariani o melariani che fanno parte di questo gruppo.

1

Gestire

Mi piace

 · Rispondi · 

Francesco Pesce:  

no guarda io non ho proprio nessun disturbo, i disturbi li avevo prima, quand’ero igienista, a causa dell’ipermetabolismo cui prima ho accennato. Anche gli onnivori dicono tutti “ma io mangio pochissima carne”: sarà pure ma i macelli vanno a pieno regime. Nel vostro caso sono i cereali, che dite di mangiare “ogni tanto”, sarà. Quanto al povero Alfio, è stato la classica vittima del suo igienismo sballato: è morto di stenti e di digiuni a poco più di 60 anni. Io l’ho visto due volte nella mia vita, e mi ha sempre fatto solo un gran pena. Infatti l’igienismo crudista non è sostenibile, meglio quello con i cereali (aglutenici), alla Valdo Vaccaro, o alla Torcellan. Meglio ancora, naturalmente, Progetto 3m. A nostro modesto avviso.

 


Francesco Pesce il disturbo dell’EDEMA ALLA CAVIGLIE   su cui tanto insistete, ripeto, non è un disturbo, ma è un piccolo inconveniente temporaneo in cui possono incorrere i fruttariani 3m crudisti quando si concedono qualche trasgressione di troppo: hanno un organismo molto puro e disintossicato, gli basta anche un piccolo sgarro perché il corpo lo segnali immediatamente, sotto forma di ritenzione idrica alle caviglie (basta un uso anche modesto di sale, un po’ di frutta dolce in più, un po’ di cotto, anche di modesta quantità, e subito l’EDEMA   fa la sua comparsa, salvo scomparire immediatamente non appena si sospende l’uso del sale ecc.; io l’anno scorso ero in questa condizione, poi in inverno ho fatto qualche passo indietro, come ho ricordato sopra). Ma parlare di nostre condizioni pietose è semplicemente ridicolo: l’edema alle caviglie è piuttosto una medaglia da appuntare al petto, vuol dire che si è raggiunto un grado elevato di disintossicazione, di cui andar fieri

 

Stefano Torcellan: 

Francesco Pesce Ma non dire stupidaggini. L’EDEMA è una condizione patologica.

Gestire

Mi piace

 · Rispondi · 

Simone Cucci

Simone Cucci 

Francesco Pesce Tu non sei mai stato igienista dato che non rispettavi e non rispetti la vera fame e il senso di sazietà. ALFIO non è morto per il digiuno o la dieta, ma a causa di una pratica innaturale di cui ti avrà già parlato Stefano.

1

Gestire

21 settembre 2018

Stefano Torcellan :

Francesco Pesce Te lo dico per l’ennesima volta. ALFIO, se non praticava il sesso senza eiaculare, e non avesse sbagliato a portare avanti il digiuno che gli ha permesso di guarire dall’emorragia al pene, ma che l’ha svuotato totalmente della sua energia vitale e alla morte, sarebbe ancora qua, vivo e vegeto, a dimostrare la sostenibilità dell’Igienismo e del suo fruttarismo al 100%, al quale mi aveva detto che voleva tornare dopo aver riprovato negli ultimi anni con la dieta igienista classica crudista. Alfio ha fatto 31 anni di crudismo, dei quali 10 anni di frutta-verdure-pistacchi e anacardi crudi, altri 10 anni di solo frutta al 100%, e negli ultimi 10-11 anni è ritornato alla dieta dei primi 10 anni( frutta-semi e verdure). Alla fine, come ho già scritto, mi aveva detto che avrebbe voluto tornare al fruttarismo al 100%. Comunque, Alfio, ha ampiamente dimostrato che, sia la dieta igienista crudista, che il fruttarismo che lui praticava, erano sostenibili. Prima di parlare di Alfio, devi fare almeno 31 anni di solo frutta o solo mele in salute perfetta, senza edemi, senza globuli rossi ed emoglobina bassi, senza carenza di B12, e senza omocisteina alta, ovvero senza questa condizione patologica in cui ti trovi con la pratica del fruttarismo 3M. E’ inutile che dici di non avere problemi. visto questo tuo quadro clinico patologico e chiaramente disastroso. E’ inutile che dici che stavi male con il tuo precedente regime alimentare, che hai definito igienista, ma che in realtà non era affatto igienista, visto poi che mangiavi a orari prefissati, con quantità di cibo predestinate e sulla base delle calorie, CHIARAMENTE SENZA RISPETTARE LA VERA FAME E IL SENSO DI SAZIETA’. Quindi ripeto, prima di parlare di Alfio e dell’Igienismo, sciacquati la bocca con il detersivo Dash che lava più bianco.


Francesco Pesce infatti io QUEST’ANNO NON HO NESSUN EDEMA, proprio perché ho fatto un passo indietro nel percorso 3m di perfezionamento alimentare. E sinceramente ho un po’ di nostalgia per il mio vecchio edema. Quanto al povero Alfio, lasciamolo in pace, con le sue fisse per i digiuni e i suoi problemi di eiaculazione, probabilmente dovuti a una semplice ipertrofia prostatica, sai può succedere a quell’età

Gestire

Mi piace

 · Rispondi · 

Stefano Torcellan

Stefano Torcellan Francesco Pesce Alfio non aveva alcun problema alla prostata prima di iniziare a praticare il sesso senza eiaculare. Il medico che ha constatato la morte ha detto che l’emorragia al pene poteva essere stata causata da un papilloma che si stava staccando dalla prostata oppure dalla vescica. Quindi smettila di inventare cose su persone, che non conosci, amiche mie.

9 marzo 2019

Fausto Scacchetti Fruttariano integrale 3 m da + di 5 anni (i 5 anni prima quasi fruttariano), 3 anni fa mi si sono gonfiate le gambe e poi problemi all’apparato urinario. Tutto è iniziato quando ho introdotto nella insalata fruit i peperoni e aumentato i pomodori e parecchie zucchine e zucca specialmente nei minestroni. Sto notando che dopo aver eliminato qualsiasi traccia di solanacee e cucurbitacee le gambe si sgonfiano e i disturbi urinari, che mi hanno costretto da almeno 2 anni a sottopormi a visite e controlli strumentali urologici, si stanno attenuando vistosamente. Credo di essere particolarmente sensibile alle due famiglie di ortaggi, per cui sono costretto a lasciare temporaneamente il fruttarismo 100% (attualmente lattuga, broccoli, fagiolini al posto di pomodori e cetrioli), quando sarò matematicamente sicuro da cosa dipende cosa, probabilmente in qualche modo passerò a F3 o una versione + fattibile e poi per il futuro si vedrà.

Janna Parkhomenko Fausto Scacchetti , “2 anni a sottopormi a visite e controlli strumentali urologici” Cosa si è scoperto? Cosa ti hanno diagnosticato?

2

Gestire

Mi piace

 · Rispondi · 

Fausto Scacchetti

Fausto Scacchetti Janna Parkhomenko ipertrofia prostatica benigna e prostatite....con tutti i sintomi associati. Sospettavo che le solanacee,anche in piccole quantità, mi provocassero tutti i disturbi urinari tipici delle disfunzioni prostatiche. Durante i controlli ho riferito all‘UROLOGO   questo sospetto e lui si è detto d’accordo col fatto che i   pomodori,   per esempio, potessero causare tali sintomi spiacevoli.

1

Gestire

Mi piace

 · Rispondi · 

Janna Parkhomenko

Janna Parkhomenko Fausto Scacchetti, guarda, che le solanacee possono dare diverse reazioni antipatiche lo so, ma non crederai che possono provocare ipertrofia prostatica benigna e prostatite?..

1

Gestire

Mi piace

 · Rispondi · 

Fausto Scacchetti

Fausto Scacchetti Possono agire sula muscolatura liscia (vescica e muscolatura prostatica prossimale all’uretra) di fatto contraendo il tutto, quindi difficoltà a urinare, vescica piccola che porta a frequenti minzioni, impellenza della minzione.Il pomodoro, il peperone, la paprika, il peperoncino contribuiscono ad irritare i tessuti suddetti,    anche in piccolissime quantità, nel mio caso. Altri effetti della solanina sull’apparato urinario li ho catalogati su un foglio a studio, adesso non li ricordo bene, domani ti aggiorno.

1

Gestire

Mi piace

 · Rispondi · 

Fausto Scacchetti

Fausto Scacchetti Janna Parkhomenko Possono agire sula muscolatura liscia (vescica e muscolatura prostatica prossimale all’uretra) di fatto contraendo il tutto, quindi difficoltà a urinare, vescica piccola che porta a frequenti minzioni, impellenza della minzione. Il pomodoro, il peperone, la paprika, il peperoncino contribuiscono ad irritare i tessuti suddetti, anche in piccolissime quantità, nel mio caso. Altri effetti della solanina sull’apparato urinario li ho catalogati su un foglio a studio, adesso non li ricordo bene, domani ti aggiorno.

1

Gestire

Mi piace

 · Rispondi · 


 

Cinzia Virzì Fausto Scacchetti sei totalmente fuori strada a pensare che l’edema sia dovuto al mangiare solenacee o cucurbitacee, non c’entra proprio una mazza . Le cause sono altre .. leggi bene ovunque e non fissarti sul cibo.. che poi il cibo disturba o complica la situazione posso capirlo, ma la causa non è questa.Gestire

Mi piace

 · Rispondi·

Cinzia Virzì

 

Cinzia Virzì Fausto Scacchetti Sintomi di DETOX: cosa sono? Perché sto male? Cosa fare? – il Drago Parlante
ildragoparlante.com › IgienismoGestire


 

Francesco Sunny altro che solanacee e cucurbitacee che invece GUARISCONO da infiammazioni,
è semplicemente il

PEPERONCINO

che anche in MINIME quantità specialmente nel fruttarismo è ALTAMENTE INFIAMMATORIO e DEVASTANTE, tutto chiaro ora?

2

Gestire

Mi piace

 · Rispondi · 

Fausto Scacchetti Janna Parkhomenko Inoltre la   solanina   agisce sulla prostata,sull’urinazione, sulla defecazione, sulla sudorazione, stimola la peristalsi uretrale, irritazione gastro intestinale, > l’infiammazione dell’organismo o di alcuni organi, provoca    allergie/intolleranze, può provocare malattie autoimmuni, problemi neurologici, sposta il calcio dalle ossa ad altri tessuti, ecc.

Fausto Scacchetti

Fausto Scacchetti Stefano Torcellan quando mangio pomodoro   aumenta l’irritazione urinaria con tutti i sintomi di una   prostatite/cistite/uretrite.     Dopo vari giorni che lo ho tolto, gradualmente i sintomi si attenuano molto fino quasi a scomparire.

1

Gestire

Mi piace

 · Rispondi · 

Janna Parkhomenko

Janna Parkhomenko Fausto Scacchetti, sono le tue supposizioni o lo hai letto da qualche parte che le   solanacee   possono provocare malattie autoimmuni e problemi neurologici? Si può avere le fonti?

Gestire

Mi piace

 · Rispondi · 

Fausto Scacchetti

Fausto Scacchetti Cinzia Virzì …. invece, anche se ti rivolgi a me con una spocchia veramente gratuita e inaspettata, ti dico che da quando ho smesso di assumere sia   solanacee   che cucurbitacee   ho ottenuto che le gambe si vanno sgonfiando sempre di più e migliorano anche i problemi urinari….quando ho riprovato a rintrodurre le due famiglie di ortaggi, prima ho provato con una, poi ho smesso del tutto e quindi ricominciato con l’altra, ho notato che i problemi si ripresentavano, mi è rimasto da capire precisamente a quali sintomi sia associata ciascuna famiglia, anche se una certa idea me la sono fatta. Come vedi nonostante il fatto di essere agronomo e enologo e nonostante che da + di 30 anni lavori nel campo alimentare tecnico scientifico, in primis sicurezza alimentare e laboratorio chimico/microbiologico e mettici pure tanti anni di fruttarismo e prima veganismo, non mi ergo a stroncatore delle altrui esperienze, studi e idee e non lo accetto sia da un qualsiasi pizza e fichi ne da un cattedratico di fama…est modus in rebus.

1

Gestire

Mi piace

 · Rispondi · 

Cinzia Virzì

 

Cinzia Virzì Fausto Scacchetti ma non ho detto che il cibo non può esacerbare il problema, ma la causa non è la   zucchina    etc etcGestire

Mi piace

·Rispondi·

Fausto Scacchetti

Fausto Scacchetti Stefano Torcellan i pomodori sono irritanti per vari motivi: contengono solanina, contengono ossalati, contengono lectine, contengono tomatina, contengono e stimolano istamina, contengono antigeni che se passano la barriera intestinale causano reazione di infiammazione, ecc. Tutti i fattori suddetti causano irritazione/infiammazione.

Gestire

Mi piace

·Rispondi·

Fausto Scacchetti

Fausto Scacchetti Janna Parkhomenko non me lo sono sognato di notte….per le fonti credo sarebbe molto difficile reperirle e non ho neanche tempo e voglia…sono già stanco da lavoro, però ho potuto validare le cose che dico con l’esperienza personale mirata, mi manca ancora qualche mese di prove e poi potrò essere + preciso e sicuro….ma il grosso credo di averlo fatto…vediamo..!

Gestire

Mi piace

 · Rispondi · 

Fausto Scacchetti

Fausto Scacchetti Cinzia Virzì ho riscontrato che la causa dellEDEMA   dipende da una di queste 2 famiglie,   forse in particolare le CUCURBITACEE nei prossimi mesi potrò essere + esaustivo sul tema.

Gestire

Mi piace

·Rispondi·

Fausto Scacchetti

Fausto Scacchetti Francesco Sunny la mia esperienza e i miei studi sono diversi, comunque concordo che specie nel fruttarismo il peperoncino e paprika   sono altamente irritanti/infiammanti.

1

Gestire

Mi piace

·Rispondi·

Stefano Torcellan Fausto Scacchetti sulle    solanacee   c’è l’esperienza di Annemarie
Colbin. Qui ho scritto sulla mia esperienza con le patate, e batate(che non sono solanacee), che mi hanno causato crampi notturni agli arti inferiori. 
http://igienenaturaleortopatia.altervista.org/…/artrit…/

Tatiana Kapnilova

Tatiana Kapnilova Stefano Torcellan questo non l’ho ancora letto però non ho ancora finito il libro “A cancer therapy. Results of fifty cases” del dr. Max Gerson.     Personalmente seguo alla lettera il menu adeguando le porzioni alle mie esigenze. Non faccio la fame e non mi sembra di esagerare. Ho perso peso e per ora continuo ancora a perdere. Per ora non sono deperita però spero di fermarmi molto presto. La dieta Gerson inserisce dopo un primo periodo lo yogurt magro. Avranno i loro motivi. È mia intenzione di parlare con il medico che mi segue è comunque non intendo consumare più alimenti di origine animale a parte il miele prodotto da chi conosco. Con la dieta Gerson sto prendendo molti integratori. Spero che sia soltanto all’inizio. Anche questo è contrario all’igienismo e alle mie convinzioni, ma dato che ho deciso di affidarmi e seguire questa cura la seguirò alla lettera a parte i prodotti animali. L’Igienismo, ho iniziato a leggere ora grazie ai vostri post? e mi trova molto d’accordo.

2

Gestire

Mi piace

 · Rispondi · 

Stefano Torcellan

Stefano Torcellan Fausto Scacchetti Albert Mosseri consiglia un solo pomodoro al giorno.

Gestire

Mi piace

·Rispondi·

JANNA PARKHOMENKO 27 febbraio 2019

Ho letto i commenti. Alcune persone non credono proprio che sia possibile vivere senza i farmaci. Io posso dire che da quando sono passata prima al CRUDISMO (6 ANNI e MEZZO fa)e poi dopo UN ANNO al FRUTTARISMO, non mi sono mai ammalata e non ho mai preso alcun farmaco. Due volte all’anno faccio i viaggi lontani, America Latina, Asia, ovunque e NON MI SONO MAI AMMALATA NEL VIAGGIO, NEANCHE in INDIA, quando tutto il gruppo di 50 PERSONEè stato malissimo, FEBBRE, PROBLEMI INTESTINALI, le uniche 2 persone che si sono SALVATE ero IO E MIA FIGLIA , che MANGIAVAMO SOLO FRUTTA CRUDA. È un caso? No, non lo è. Perché prima mi ammalavo come minimo 2 volte all’anno…. CAMBIANDO l’ALIMENTAZIONE,si cambia tutto, non la sottovalutate, provate il fruttarismo crudista e potrete sperimentare la salute perfetta anche voi. Io ve lo auguro a tutti con il cuore ❤️