Il Regime ordinato da Dio. Il Frutto Proibito e il Peccato Originale – Albert Mosseri

Tratto da” L’uomo la scimmia il paradiso” di Albert Mosseri

L’ aspetto poetico di quest’opera sedurrà lo spirito più fine ed il più intuitivo quali che siano le sue convinzioni religiose.

Se le nostre credenze non sono basate su una filosofia costruttiva e coerente, se la nostra fede non sbocca in una saggezza e una salute radiosa, come nella felicità, allora sono sfumature d’ interpretazione negative e frammiste a nefasti errori. (p. 101)

p. 63
Il Dr. J. Lovewisdom, celebre moralista dell’Igienismo, vivente attualmente in Ecuador, è all’origine di un opera molto ricca da cui trarremo larghi estratti evitando per quanto possibile questioni religiose. Egli va più lontano di Shelton, ma non bisogna prendere la sua interpretazione della Bibbia parola per parola. In effetti, non si può chiedere a questa interpretazione un rigore e un’esattezza scientifici, ma la sua bellezza è certo seducente e poetica. E’ il prolungamento normale di ogni vita sana.
Tutte le ripetizioni sono volute e necessarie. Quando si esprimono delle idee così frammentarie e poetiche, è utile ripeterle spesso al fine che il lettore se ne ricordi sempre e che conservi nella mente, l’immagine dell’ideale, che è un paradiso sulla Terra.
In un modo di cose brutte e di bugie, la poesia e la verità ripetute mille volte, non stancheranno mai.

 

” Il primo capitolo della GENESI, scrive Lovewisdom, menziona Dio che creò gli ortaggi e i frutti con i semi per la loro riproduzione.
Poi quando l’ uomo e gli animali furono creati, ordinò che le piante e i frutti con semi, fossero utilizzati come alimenti.”
” E’ così che tutto era perfetto fino al giorno che rubarono le parti riproduttrici della pianta.

Si consumarono I SEMI destinati dalla Natura alla riproduzione. In effetti questi parvero PIACEVOLI AL PALATO.

Ma la NATURA li aveva DESTINATI alla RIPRODUZIONE e NON al CONSUMO.”
“Ora dal momento che i frutti e gli ortaggi permessi nel primo capitolo della GENESI e secondo il precetto di Dio, sono quelli che possono riprodursi, sarebbe logico pensare che IL FRUTTO PROIBITO nel quadro del disegno Paradisiaco menzionato nel secondo capitolo, sia IL SEME STESSO.
In effetti il suo consumo impedisce la sua germinazione che è lo scopo della Natura.
NOTIAMO che è IL SOLO FRUTTO nel caso delle piante dei diversi tipi di NOCI, dei CEREALI e dei LEGUMI.
IN CONCLUSIONE, il FRUTTO PROIBITO era semplicemente quello che la NATURA ha DESTINATO alla GERMINAZIONE e NON al CONSUMO. Mangiandolo si distrugge la vita.”
“D’altronde avendo mangiato i SEMI, l’uomo e la donna che vivevano nudi e senza vergogna, come Dio li ha creati, provarono degli ECCITAMENTI che fecero loro sentire vergogna poiché questi svelarono la loro trasgressione.
E’ PER QUESTO CHE SI VESTIRONO e NASCOSERO i loro ORGANI SESSUALI con delle foglie di fico.”
In effetti I SEMI sono delle sostanze di riproduzione che di conseguenza STIMOLANO LA PASSIONE ANIMALE.”
“Ecco come Adamo ed Eva persero la loro INNOCENZA ORIGINALE e furono cacciati dal Paradiso.
Furono inoltre condannati a lavorare e a guadagnare il loro PANE col sudore della fronte coltivando il GRANO.
GENESI 3,19: “Con il sudore del tuo volto mangerai il pane, finché tornerai alla terra,
 perché da essa sei stato tratto: polvere tu sei e in polvere tornerai.”
Ma questo cereale derivante dall’erba fu responsabile dell’aridità della terra che depredava.
La coltura degli altri CEREALI e di altri SEMI ha infine iniziato a trasformare la terra in DESERTO.
“D’altra parte la donna divenne la proprietà dell’uomo passionale che moltiplicò i suoi peccati e le sue gravidanze.
E la donna PARTORI’ nel DOLORE contrariamente a tutte le altre femmine viventi in Natura.”
Partendo da questo PECCATO ORIGINALE, si arriva a tutti i peccati seguenti e alla DEGENERAZIONE DELL’ INTERA UMANITA’.
L’ uomo doveva vivere come Dio l’aveva previsto, per Adamo ed Eva, nel Paradiso nell’innocenza.
In effetti  secondo il VANGELO DI SAN GIOVANNI: “Colui che nasce da DIO non commette peccato, poiché conserva in lui il suo seme e non può peccare, poiché è nato da DIO.”
E ancora: Colui che commette peccato (che ha perdite seminali) è con il DIAVOLO.
-Così dunque una persona che è nata da DIO non rigetterà il seme del suo corpo, ma lo conserverà in vista di una rigenerazione perpetua e di una vita lunga.”
I misfatti delle perdite sessuali sono chiaramente sottolineati nel LEVITICO 15: Il signore ha detto….l’ UOMO che ha una PERDITA SEMINALE è IMPURO.
Sarà soggetto a quel male quando l’umore avvilente si diffonderà nella sua carne.
La DONNA che ha PERDITE di SANGUE è IMPURA.”  

“Ahimè, si vedono attualmente le BREVI GENERAZIONI che conosciamo dei nostri giorni, le cui vite sono fatte di malattie e tristezza.

In effetti, TUTTE LE SPECIE ANIMALI VIVONO SETTE VOLTE il PERIODO della CRESCITA.

Un CANE, che termina il suo sviluppo a due anni, vive in media 14 anni.

Ma l‘UOMO, che termina la sua crescita all’età di 21 anni non vive 150 anni, come dovrebbe vivere. E’ l’unica eccezione in tutta la Natura.

E’ così che per secoli e millenni, l’UOMO è VISSUTO nel PECCATO.

Certo, ha imparato in continuazione, ha risolto i problemi più complicati dell’universo, ma non ha mai raggiunto la saggezza né ritrovato la sua EREDITA’ PERDUTA.

E tuttavia, i grandi santi hanno contribuito ad avvicinarlo al trono di DIO perché lo accetti nel suo regno perché possa infine ritrovare il suo Paradiso.

HO AVUTO la POSSIBILITA’ di RISCOPRIRE, prosegue Lovewisdom, LA CHIAVE che mi ha permesso di identificare L’ ERRORE DIETETICO e il FRUTTO PROIBITO che impedirono il nostro soggiorno nel Paradiso, come nel giardino dell’Eden.

Questo ERRORE e questa DISOBBEDIENZA generarono e continuano sempre a generare le passioni animali sfrenate dell’uomo.

Sebbene fossi stato ALLEVATO TRA NON CREDENTI la mia coscienza mi ha rivelato il rispetto di tutta la vita, e questo mi ha portato a NON DISTRUGGERE LA VITA PER MANGIARE.

La mia elevata sensibilità mi ha sempre poetato a credere che non è naturale uccidere per mangiare, né di mangiare ciò che dà la vita.

In effetti, la PROVVIDENZA vuole che TUTTO CIO’ CHE POSSIEDE VITA continui a VIVERE, e gli ha anche dato i mezzi di protestare chiaramente e di proteggersi.

Tante cose che gli uomini e gli animali sanguinari trovano normali, sono entrate in conflitto con la mia intuizione profonda e la mia natura elevata.

E’ così che fui condotto a cogliere IL DISEGNO ORIGINALE del CREATORE del PARADISO, concernente il REGNO DI DIO, secondo CRISTO.”

E’ evidente che i semi possono dare la vita.

In più, l’uomo è cosciente della sofferenza degli ani ali che si uccidono, ma non di un frutto o di un ortaggio che si colgono.

I frutti maturi cadono essi stessi dagli alberi.

“I mie ragionamenti, prosegue Lovewisdom, mi hanno portato a dedurre che i soli alimenti che siano naturalmente piacevoli da mangiare e che non hanno bisogno di preparazione, sono i FRUTTI e qualche ORTAGGIO succulento.

Gli alimenti che non hanno bisogno di preparazione sono quelli che non sono cotti, né salati, né mischiati, né macinati, ecc.

Fu allora che DIVENTAI FRUGIVORO.

Tutto andava bene salvo quando mangiavo i diversi tipi di NOCI.

Furono in effetti, questi ALIMENTI AFRODISIACI che mi hanno insegnato la LEZIONE del GIARDINO dell’EDEN!”

“Fu così che scoprii la SUPERIORITA’ del REGIME IGIENISTA PARADISIACO che esclude le diverse NOCI.

Quando confrontai le mie proprie scoperte con i primi precetti di DIO nella BIBBIA, realizzai che, per la prima volta nella storia dell’umanità, avevo trovato un’ ALIMENTAZIONE che PERMETTE di VIVERE SENZA PECCATO, cioè che impedisce la perdita del SEME della VITA ETERNA nell’uomo e nella donna.

Ecco come giunsi ad individuare la RADICE del PECCATO ORIGINALE che generò il decadimento dell’umanità, facendole perdere inoltre la NATURA ELEVATA che DIO gli aveva conferito nel PARADISO.”

ARRIVERA’ un GIORNO in cui l’umanità sarà pronta a ricevere questo insegnamento.

Essa capirà allora che le MESTRUAZIONI fetide della donna e lo SPERPERO SEMINALE dell’uomo, accompagnati da PASSIONE ANIMALE, possono essere EVITATI CON l’aiuto di un’ALIMENTAZIONE IGIENISTA PARADISIACA.

Questa scoperta sarà allora riconosciuta come L’ANELLO che MANCAVA alla NOSTRA SCIENZA IGIENISTA NASCENTE.”

In effetti il consumo di NOCI nei FRUTTARIANI è stato il fattore principale del loro FALLIMENTO.

In effetti, il consumo delle diverse NOCI spronato da SHELTON così come la limitazione del numero dei pasti – questi due fattori riuniti – HANNO FRENATO lo SVILUPPO dell’IGIENISMO scoraggiando la maggior parte degli adepti.

Tutto il BENEFICIO di un REGIME SANO fu così ANNULLATO, con delle CONSEGUENZE talvolta NEFASTE sulla SALUTE.

L’indigestione, la bulimia, il gas, la magrezza, le tentazioni, l’instabilità, l’angoscia, la colpevolezza davanti al fallimento, ecco quale fu la sorte dei nuovi adepti.

Attualmente non si capisce come poche NOCI possano essere NOCIVE.

Non si sono mai considerati questi semi, e queste sementi dal punto di vista della CREAZIONE né del suo scopo, poiché si resta prigionieri di una coscienza egocentrica a vista corta.

Bisogna amare il proprio CREATORE e poi il nostro prossimo, come GESU‘ l’ha insegnato.

E quando si cerca di staccarsi un po’ dai propri piaceri, allora forse si troveranno queste verità, come io le ho trovate.”

                                   

p. 72
PUREZZA ED ESTASI.
Riprendiamo lo studio della scienza dietetica della purezza attraverso la quale si possono eliminare definitivamente le mestruazioni e gli abusi seminali. Si tratta come ora sappiamo, del regime igienista paradisiaco, regime primitivo conforme alle leggi della natura che preserva l’energia la sostanza vitale. Vedremo in seguito come la PUREZZA di questo regime può condurre all ‘ESTASI.                                     Tutti i profeti e tutti santi ci assicurano che non esiste gioia più grande dello stato paradisiaco originale nel quale l’uomo fu creato. ( La donna è inclusa, l’abbiamo già detto, inclusa implicitamente nel termine generico uomo. – A. M.). In effetti, è uno stato delizioso destarsi che fa la felicità della vita e che è più sicuro di tutte le ricchezze del mondo. Infatti è la più grande ricchezza. DIO ORDINO’: tu mangerai di tutti gli alberi del del Paradiso, a esclusione Dell’albero del bene e del male. L’albero della vita porterà questo nome… si tratta evidentemente del LIBERO ARBITRIO opposto all’ ISTINTO. Quando l’istinto è atrofizzato e si gode del libero arbitrio, allora si distingue il BENE dal MALE. In effetti, quando si mangia un alimento velenoso, le coliche che seguiranno faranno distinguere il bene dal male. Ma se l’istinto è perfetto, ci si allontana istintivamente dagli alimenti pericolosi e non si distingue bene e male. Riassumiamo ancora una volta le qualità del regime paradisiaco. Esso preserva la salute ed il vigore. I FRUTTI contengono in effetti, il 90% di acqua vitale, in modo che non si corre in studio abusarne, con me in caso con gli alimenti concentrati: pane, carne, zucchero, estratti, eccetera. Le NOCI e di CEREALI sono anch’essi troppo concentrati e non contengono abbastanza inoltre sono conosciuti soprattutto per le loro qualità AFRODISIACHE, in particolar modo le NOCI, il che spreca la sostanza vitale umana. Già Adamo ed Eva provarono vergogna delle loro attività sessuali eccessive nascosero il loro sesso con una FOGLIA di FICO giusto dopo aver mangiato del frutto proibito. Basterebbe farne esperienza una o due volte. Mangiate due o tre belle manciate di MANDORLE la sera, e vedrete l’indomani la ECCITAZIONE SESSUALE al suo parossismo. È Per questo che si portano gli abiti. Poi a causa degli ALIMENTI AFRODISIACI, la DONNA ha delle GRAVIDANZE RIPETUTE (con la PILLOLA non si ha la gravidanza, ma questa provoca il CANCRO), l’uomo domina una donna e lavora duramente per averne di più del FRUTTO PROIBITO: I CEREALI E I SEMI. Non è logico pensare che le SEMENTI UMANE provengono da SEMENTI VEGETALI, visto che, le stesse sostanze esercitano le STESSE FUNZIONI? D’altra parte, il primo capitolo della genesi dice che le piante i frutti portano un seme per la propria produzione, non quella degli uomini. DISOBBEDENDO AL COMANDAMENTO DIVINO, l’uomo ha mangiato i SEMI VEGETALI, utilizzandoli come alimenti, con questo risultato pietoso di un una UMANITA’ DEGENERATA, TRISTE E INSOZZATA. Ammettiamo che una pianta può produrre un centinaio di semi e che il consumo di una parte di questi non rovinerà l’economia della natura. Ma bisogna piuttosto vedere qual è lo scopo della natura concernente i semi. È chiaro che la natura li ha destinati alla riproduzione della pianta e non al consumo. Le sostanze seminali costruiscono logicamente delle sostanze ugualmente seminali. La preparazione biologica del SEME in vista della MORTE della PIANTA produce nell’ UOMO un SEME equivalente per preparare la sua propria MORTE. In effetti, più I BAMBINI mangiano SEMI e CARNE (esquimesi, indiani, eccetera.), Più in fretta crescono e più in fretta invecchiano. Facciamo notare che SI POTANO GLI ALBERI per avere più frutti. In effetti, l’albero sente il pericolo della sua distruzione e si prepara a riprodursi. Lo stesso per un certo metodo di piantare gli alberi con un angolo di 45 gradi, per avere dei frutti più in fretta. L’albero percepisce che in questa posizione non potrà vivere a lungo e si affretta a riprodursi. Alcuni autori medici valutano ogni goccia di SPERMA 60 gocce di sangue. Ecco perché la formazione di milioni di SPERMATOZOI o semi umani potenziali dispersi nel piacere sessuale, contribuisce alla degenerazione dell’uomo. Possiamo anche renderci conto del potenziale considerevole che avrebbe potuto conservare per una vita prospera, dinamica e lunga. Quando Dio avvertì l’umanità di astenersi dal frutto proibito, parlò di morte prematura, ma nessuno tenne conto dell’avvertimento divino. E si continua a nutrirsi di SEMI di ogni tipo, provocando le MESTRUAZIONI le DISPERSIONI SEMINALI. È così che il PECCATO ORIGINALE non è solamente morale o religioso, ma FISICO prima di tutto. In effetti, i CENTRI CREATORI avevano previsto un RINGIOVANIMENTO PERPETUO con gli ormoni sessuali che stimolano l’insieme del sistema ghiandolare verso la rigenerazione. Ahimè, si consumarono I SEMI (FRUMENTO, NOCI, ecc. poi dei PROTIDI ANIMALI. I’irritazione proveniente dalla decomposizione costante di PROTIDI in ACIDO URICO, stimola così le MUTAZIONI ORMONALI. Queste mutazioni portano allo SPERMA e all’OVULO, il che sperpera la sostanza vivente dell’organismo.
p. 73.
UN ANNO È SUFFICIENTE.  
Solo il regime igienista, paradisiaco, incoraggia il ritorno allo stato ghiandolare PRE-PUBERTA’ della vera giovinezza, e permette inoltre un reale RINGIOVANIMENTO FISICO. Fortunatamente, non occorrono 10 anni per ristabilire il corpo dopo tanti anni di abusi con gli alimenti proibiti. In effetti, la nostra esperienza ci rivela che un anno è sufficiente per frenare l’attività sessuale, E per ricondurla al suo stato pre-pubertario con l’aiuto di un regime igienista paradisiaco. Infetti, con questo regime conforme alle leggi della natura, il corpo non fabbrica più molti semi che altrimenti, sarebbero perduti nelle mestruazioni. L’energia così economizzata garantisce la salute, la giovinezza e il vigore. L’uomo (e anche la donna) diventa com’era nel paradiso in stato radioso, felice come un bambino. È questa la beatitudine divina. “Noi siamo ciò che mangiamo”– non è solamente un’osservazione materialista di dietetica, ma un principio mistico. In effetti, con un regime igienista paradisiaco si ritorna verso il giardino dell’eden, nel paradiso. Si vive in un estasi permanente di unione con il creatore. La SESSUALITA‘ si trova naturalmente controllata (non abbiamo detto soppressa). La giovinezza è ritrovata in una salute radiosa e le forze mistiche sono risvegliate. Le emozioni sono sublimate dai bassi piaceri verso l’estasi suprema dell’amore di Dio. Dopo un anno o due di un regime igienista paradisiaco, le forze sessuali ritornano nell’ordine nella moderazione. Gli IMPOTENTI ritrovano la loro virilità. L’ enorme DIFFERENZA NEL RITMO SESSUALE  dell’ UOMO e della DONNA si trova anche diminuita a profitto della loro intesa di coppia.
IL GIUSTO MEZZO NELLA CASTITÀ.
Il lettore non deve comprendere da tutto ciò che è stato detto che preconizziamo la castità. Dal momento che la FABBRICAZIONE dello SPERMA degli OVULI NON PUO’ ESSERE IMPEDITA, nei completamente utilizzato dall’organismo, sarebbe stupido perderla inutilmente impugnazioni notturna involontarie, in masturbazioni o mestruazioni. Tutti gli organi funzionano con un grande margine di potere funzionale, in modo che solo il 10 o 20% del loro potere funzionale basta per mantenere il corpo. E così che il fegato, il cuore, i reni, la tiroide, lo stomaco, gli intestini, possono funzionare ed essere sufficienti quando il 70% di loro tessuti sono distrutti o alterati.  Ed è lo stesso per gli organi sessuali. La produzione di sperma è molto largamente eccedente in rapporto ai bisogni della riproduzione. Una sola goccia basta per avere un bambino, una volta all’anno per ogni donna. Per piantare un albero, un solo sei mai sufficiente. Ma questo eccedente, invece di essere inutilmente perso in eiaculazioni volontaria o involontaria  (nella donna sono le mestruazioni), può essere utilizzato con profitto in rapporti sessuali limitati, per colmare un bisogno affettivo indispensabile. Questi rapporti sessuali improduttivi saranno limitati al minimo e non saranno tollerati che tra due persone che si amano veramente. Altrimenti, niente amore, niente rapporti. Non è perché l’uomo ha mangiato il giorno prima le MANDORLE, del PANE INTEGRALE o della CARNE, che la VAGINA deve essere lo scarico dei suoi eccessi. Per ottenere questo risultato meraviglioso e questa felicità divina, è necessario, ripetiamolo ancora una volta, eliminare tutti gli ALIMENTI  AFRODISIACI, cioè gli ALIMENTI AZOTATI (i diversi tipi di noci, i legumi, i formaggi fermentati, i formaggi stagionati, le ostriche, i funghi, la carne di ogni tipo, il bianco d’uovo). D’altronde questi alimenti sono malsani per la salute generale, lo riaffermiamo. Tra gli alimenti azotati leggeri sarà tollerato solo lo YOGURT non zuccherato. IN BREVE, che i rapporti siano normali o deviati come nell’omosessualità, l’importante è di colmare i bisogni affettivi necessari con un minimo di sperpero vitale.
p. 74
IL MATRIMONIO.
Tutti i giorni vediamo l’amore che unisce due anime desiderose di associare la loro vita in un solo destino sereno. Ma sfortunatamente dal momento in cui ADAMO ed EVA mangiarono il FRUTTO PROIBITO, la maggioranza delle coppie hanno seguito lo stesso cattivo esempio del PECCATO. Ecco perché il matrimonio non ha espresso la perfezione che si aveva il diritto di aspettarsi e il controllo che dovevo ordinare l’unione dell’uomo con la donna. Il consumo del FRUTTO PROIBITO, all’occorrenza i diversi tipi di NOCI, o i CEREALI e infine la CARNE, porto l’uomo e la donna verso il PECCATO, la MALATTIA e la MORTE PREMATURA. Non è forse perfettamente naturale e sano che l’uomo viva con la donna, così come Dio lo ha voluto? Non è forse desiderabile che la donna aiuti l’uomo senza essere la sua schiava? Secondo il DISEGNO di DIO all ‘ORIGINE, l’uomo e la donna dovevano coltivare insieme il loro giardino e nutrirsi dei suoi prodotti sani e naturali. I loro rapporti dovevano comportare un amore innocente senza eccessi sessuali. Gli alimenti che Dio aveva ordinato loro di mangiare dovevano impedire ogni PASSIONE BESTIALE, ogni emozione distruttiva. Né mestruazioni, né sperpero del seme maschile. Dio non ha creato rapporti sessuali avvilenti. Solamente gli alimenti proibiti hanno sporcato il suo tempio. Non si può essere mentalmente puri quando ci si nutre di carne e di semi, quando si è sempre eccitati si vive in continuazione nel peccato mentale e fisico. Con il REGIME IGIENISTA PARADISIACO composto di frutti ortaggi, LA PRODUZIONE SEMINALE SI RIDUCE E LE MESTRUAZIONI SI FERMANO. Il PECCATO DELLA FORNICAZIONE SCOMPARE. Tuttavia un magnetismo benefico unirà l’uomo alla donna nello scopo di sviluppare le forze spirituali interiori di ognuno di essi e di partecipare all’unione con il Creatore, in una perfetta ESTASI.  Adamo ed Eva, che erano sposati nel paradiso, vivevano in una felicità perfetta – nudi e senza vergogna. – E così che il paradiso di DIO accetta il NUDISMO ma l’uomo ha infangato questo privilegio. Però gli organi sessuali sono parte integrante del Tempio di Dio, così come le mani, i piedi, il cuore e il cervello. Ma perché si cerca ai nostri giorni – giorni maledetti – di nascondere gli organi sessuali? Lo abbiamo già detto, perché gli alimenti afrodisiaci (i protidi come la carne, i diversi tipi di NOCI, i CEREALI e di LEGUMI) generano un’ ATTIVITA’ SESSUALE ECCESSIVA di cui si ha vergogna. Ne FREUD né nessun altro riuscirà a togliere all’uomo il sentimento di colpa di questa vergogna istintiva e naturale, conseguenza della disobbedienza alle leggi divine. Quando ADAMO ed EVA vivevano nudi e senza vergogna, lavoravano sicuramente insieme nel giardino dell’eden, si vedevano tutto il giorno e avevano costantemente dei contatti fisici. Ma i loro CONTATTI CARNALI non comportavano ALCUN PECCATO, fino al giorno in cui mangiarlo gli alimenti proibiti che generarono le perdite seminali. SAN GIOVANNI non ha forse detto: “Colui che nasce da Dio non commette peccato, poiché il suo seme risiede in lui ed egli non può peccare poiché è nato da Dio.” E ancora: “Colui che commette peccato (che ha perdite seminali) è con il DIAVOLO.” I misfatti delle perdite sessuali sono chiaramente sottolineati nel LEVITICO 15: “Il Signore ha detto – l’uomo che ha una perdita seminale è impuro. Sarà soggetto a quel male quando l’umore avvilente si diffonderà nella sua carne. La donna che ha perdite di sangue è impura.”
I semi eccessivi della copulazione rendono l’uomo e la donna impuri, sporchi e avviliti davanti a Dio. E’ così che nell’antico testamento si ammette, teoricamente almeno, che nello stato immacolato degli esseri viventi, non c’è perdita di sperma né fabbricazione di ovuli. Teoricamente, certo.
Io stesso ho scoperto, scrive LOVEWISDOM (Lovewisdom in inglese significa: AMORE DELLA SAGGEZZA), come i fluidi della riproduzione sono rallentati con una dieta di frutti e ortaggi succosi. La giovinezza rimpiazza allora lo stato di vecchiaia e di malattia insopportabili. Le mie osservazioni in decine di studenti erano l’interpretazione biblica letterale della genesi così come quella di altre sacre scritture che ho appena citato.                                                              
p. 75
GLI ALIMENTI ORDINATI DA DIO.      
 Il primo capitolo della Santa Bibbia riporta che Dio creò l’umanità sessualmente in uomo e donna, che insediò in un giardino fiabesco, E ordinò loro di mangiare frutta e ortaggi escludendo le sementi. Li autorizzò inoltre a vivere nudi e senza vergogna. Infine Dio trovo questo molto ben fatto. Ahimè , il peccato universale ha ricoperto il mondo intero con abiti di vergogna. Ecco come l’uomo perse la sua innocenza, perdendo l’essenza concentrata della sua sostanza fisica. Milioni di semi umani furono così persi da brevi generazioni di esseri ammalati. Invece di dissiparsi in piaceri sessuali momentanei che rendono inebetiti e stanchi, non è meglio sentire la vita frizzante e la giovinezza in tutto il corpo, con una gioia radiosa che permette di assaporare in continuazione pienamente ogni minuto che passa? Quando si perde la propria sostanza 1 milione di volte, si perde inoltre la felicità, la beatitudine, l’estasi e la gioia eterna di vivere, nella giovinezza e spiritualità. Invece di questa estasi, si giunge la tristezza, come dice la Bibbia. Si tratta, secondo le parole stesse del Dr. Lowisdom, di incamminarsi verso una ricreazione dello Stato originale e incorruttibile del corpo, in un’ ESTASI DIVINA. In effetti, l’unione con il creatore doveva portare alla gioia ed estasi divine, poiché rispettiamo così la legge per la quale i nostri corpi furono creati, a immagine di Dio. Quelli che gioiscono dell’estásì divina e della gioia di vivere, i bambini e i santi, sanno che Dio è in noi stessi. Ricerchiamo tutti la gioia di vivere, anche se soffriamo di tanto in tanto. Bisogna dirlo con le parole di San Francesco, “un santo triste è un triste santo!” Tuttavia, bisogna distinguere tra i piaceri materiali effimeri, e la gioia di vivere reale permanente. I bassi piaceri distruggono il Paradiso Eterno e la felicità del Regno di Dio.