Il primo colpito di ogni epidemia – Stefano Torcellan

Stefano Torcellan

IL PRIMO COLPITO di ogni EPIDEMIA, è la PROVA MATEMATICA che le malattie non sono trasmesse da una persona all’altra attraverso microrganismi e virus contagiosi.

Se IL PRIMO COLPITO non ha “preso” la malattia dal colpito numero zero visto che il colpito numero zero non esiste, è logico e matematicamente certo che neanche il secondo colpito ha “preso” la malattia dal primo colpito, ecc.

Sapendo che IL PRIMO COLPITO di un’epidemia non ha certamente “preso” la malattia dal colpito numero zero, come si fa a pensare e/o credere che il secondo colpito possa aver “preso” la malattia dal primo colpito?

La MATEMATICA NON E’ UN’ OPINIONE.

Nel suo libro “Assistenza Igienica ai Bambini”, il Dr. H. M. Shelton scrive:

p. 306

Provate a chiudere per un attimo gli occhi, e tornate con la mente al tempo in cui si viveva nel paradiso terrestre, quando il primo uomo e la prima donna, iniziarono a popolare la terra. COME CI SI SPIEGA allora IL PRIMO CASO DI MORBILLO? Prima di ADAMO questa malattia non esisteva, e non si poteva certo contrarla da un altro essere umano! Come fece questa PRIMA VITTIMA a rimanere contagiato? O, se preferite, come fece la malattia a contagiarlo?

p. 305

I MIEI BAMBINI furono RIPETUTAMENTE A CONTATTO CON ALTRI AFFETTI dalle COSIDDETTE MALATTIE INFETTIVE, con alcuni di questi essi CONDIVIDEVANO persino il SONNO, EPPURE non hanno MAI CONTRATTO ALCUNA MALATTIA.”

Il Dr. Arthur M. Baker (medico, autore dell’articolo “Svelato il Mito del Contagio”) scrive: “Se individui sani riescono a conservare la loro salute anche nel bel mezzo di “malattie epidemiche”, risulta evidente che la teoria del contagio è sbagliata“.

Il “CONTAGIO”, tuttavia, è uno dei MITI della MEDICINA, poiché le SCORIE TOSSICHE NON POSSONO ESSERE TRASMESSE DA UN CORPO all’ALTRO ATTRAVERSO il NORMALE CONTATTO. LE MALATTIE CONTAGIOSE sono un’INVENZIONE, poiché NESSUNO PUO’ PASSARE AD ALTRI la PROPRIA MALATTIA, NON PIU’ DI QUANTO POSSA TRASMETTERE la PROPRIA SALUTE.”

Il Dr. Giuseppe De Pace, chirurgo ortopedico ospedaliero che lavora all’ospedale Monaldi di Napoli, scrive:

Cambiando dentro sono cambiato fuori, HO MODIFICATO COMPLETAMENTE LA MIA ALIMENTAZIONE (eliminando la carne e gran parte delle proteine animali, immettendo sostanze essenziali e non raffinate, combinando bene gli alimenti). Ho sempre sofferto di INFLUENZA e RAFFREDDORI FREQUENTI specie nella stagione invernale, e mi è stato sempre obiettato che ero un soggetto linfatico” perché nato pre-termine e quindi non avevo sviluppato bene il sistema immunitario! OGGI io NON SOFFRO PIU’ di RAFFREDDORE o INFLUENZA, anche stando a contatto con soggetti influenzati, io NON PRENDO PIU’ NIENTE (…ma allora LA TEORIA SUI GERMI di PASTEUR forse NON E’ MOLTO ESATTA!!) e mi sento pieno di energia e vitalità”.

 

Il Dr. H. M. Shelton scrive:

Le COSIDDETTE MALATTIE INFETTIVE sono in realtà degli sforzi del corpo per rigettare determinati tipi di tossine, veleni, ecc., per ripulirsi. Le MALATTIE di CARATTERE ERUTTIVO rappresentano il potere di eliminazione del nostro corpo attraverso la pelle.

Albert Szent-György scrive: LA SCOPERTA consiste nel vedere ciò che tutti hanno visto e nel pensare ciò che nessuno ha pensato”.

 

VALENTINO, il figlio di mio cugino Franco, che abita dietro la casa dei miei genitori a Burano, E’ NATO CON LA VARICELLA all’ospedale di Venezia. A Burano, NON C’ERA NEANCHE UN CASO di VARICELLA prima che Valentino nascesse, e non c’erano casi di varicella NEANCHE all’OSPEDALE di Venezia dove è nato. I medici non hanno saputo dire a mio cugino Franco e a sua moglie qual è stata la causa della varicella di Valentino. VALENTINO, non ha “contagiato” nessuno all’ospedale di Venezia e nemmeno a Burano.

GIANPAOLO, che abita in un appartamento al quinto piano della palazzina dove abito io, era a letto da tre settimane con la VARICELLA, ormai sembrava guarito, quando ad un certo punto, il suo corpo ha iniziato un altro processo di disintossicazione, la SCARLATTINA. DA CHI L’HA PRESA? E’ chiaro, DA NESSUNO,…. dimostrando così, la TEORIA DEL PRIMO COLPITO. Nessun bambino, o adulto, che viveva nella mia palazzina è stato contagiato da GianPaolo o dai suoi genitori “che si portavano a presso i virus del figlio”.

A p. 312 nel suo libro Assistenza Igienica ai Bambini”, il Dr. H. M. Shelton scrive: “Nel suo libro Gli alimenti del bambino” il Dr. Harry Clements ci racconta una storia che fece il giro di tutti i giornali inglesi. Essa racconta di un caso di TUBERCOLOSI curato grazie all’insorgere della VARICELLA. I medici inglesi spiegarono, che i GERMI della VARICELLA avevano DISTRUTTO QUELLI della TUBERCOLOSI e che dalla BATTAGLIA TRA I DUE GERMI il paziente ne aveva ricevuto giovamento. Esiste un grosso pericolo: “L’ ESSERE SCIENTIFICAMENTE IGNORANTI PER UN ECCESSO DI SCIENZA.”

SARA, mia nipote, figlia di mia sorella, ha avuto la ROSOLIA senza che ci fosse un altro caso di rosolia nel suo paese e nella sua scuola. Anche in questo caso, SARA NON HA SCATENATO UN’ EPIDEMIA, nemmeno a casa sua. Infatti mio papà, che in quel periodo faceva da babysitter a mia nipote Sara, non si è ammalato di rosolia nonostante non l’avesse mai avuta, e non si sono ammalati di rosolia neanche mia sorella, suo marito, e Luca (fratello di Sara), che non l’avevano mai avuta.

SERENELLA KOPSCH (luglio 2017) scrive: “Mia figlia è stata la PRIMA COLPITA di VARICELLA ad aprile, nessun caso segnalato. La prima mia figlia. Facciamo homeschooling quindi siamo sempre in giro ed in contatto con grandi e piccoli, ma nessuno si è mai ammalato, né prima né dopo….”

PERCHE’, CASI SPORADICI DI MALATTIE, NON SI TRAMUTANO IN EPIDEMIE ?

 

A p. 35 nel suo libro L’ ORIGINE DELLE MALATTIE”, LUIGI CAPASSO, famoso paleopatologo, antropologo medico, scrive: 

p. 35

“Nel 1875 nell’ISOLA di STROMO (arcipelago delle Faraoer) la SCARLATTINA assente da 57 anni, COLPI’ SOLTANTO IL 38% della popolazione. I soggetti sopra i sessant’anni furono colpiti raramente.”

Dopo 57 anni che la varicella era assente nell’isola di Stromo, da chi ha preso la varicella il PRIMO COLPITO di quel 38% di isolani che si sono ammalati di varicella?

Chiaramente da nessuno!

 

Nel GUYTON’S TEXBOOK of MEDICAL PHYSIOLOGY, c’è scritto chiaramente che i cosiddetti VIRUS sono GENOMI, ovvero teste mitocondriali della cellula, in pratica FRAMMENTI CELLULARI MORTI. E visto che i morti, a parte Gesù, non possono resuscitare, è logico e matematicamente certo che i cosiddetti virus non possono attaccare le persone e causare le malattie.

 

La TEORIA del CONTAGIO, NON DERIVA AFFATTO DA UNA RECENTE RICERCA SCIENTIFICA, visto che è un’antica SUPERSTIZIONE POPOLARE, che è stata ufficialmente accettata come il fondamento della medicina allopatica e della microbiologia verso la fine del 19º secolo in Europa, intorno al 1870, dopo l’invenzione di sana pianta della TEORIA DEI GERMI di LOUIS PASTEUR.

Lo stesso PASTEUR RIPUDIO’ L’ ESSENZIALE DELLA SUA TEORIA sul letto di morte: “Aveva ragione Claude (alludeva a Claude Bernard), il terreno è tutto, il microbo è niente”.

CLAUDE BERNARD (1813-1878), era fisiologo, professore al Collegio di Francia.

A pag. 40 nel suo libro “STUDI SULLA BIRRA”, PASTEUR ha scritto:

In uno stato di SALUTE, il CORPO degli animali è CHIUSO all’introduzione dei GERMI ESTERNI.”

Se i microbi entrano nel corpo solo se non è sano, vale a dire malato, allora come si sviluppano le malattie?

E’ stato proprio PASTEUR a provare che sono I VELENI LA CAUSA DELLE MALATTIE E NON I MICROBI.

LOUIS PASTEUR ha utilizzato preparazioni ottenute da tessuti di animali malati iniettandole poi in animali sani rendendoli a loro volta malati.

Questo HA DATO L’ APPARENZA CHE I GERMI CAUSINO LA MALATTIA quando in realtà queste PREPARAZIONI eranoESTREMAMENTE VELENOSE.

Questa non è una procedura scientifica, ma DIMOSTRA semplicemente il fatto che SI PUO’ FAR AMMALARE QUALCUNO AVVELENANDO IL SUO SANGUE. Confermando così la teoria della Tossiemia del dottor John Tilden, ovvero la teoria base dell’Igiene Naturale.

Ma anche questi STUDI di PASTEUR, sono stati furbamente INSABBIATI dalla mafia della sanità, per ovvi motivi economici.

 

La dottoressa GUYLAINE LANCTOT, nel suo libro “LA MAFIA DELLA SANITA’” (macro edizioni), ha dedicato diversi capitoli sulla questione del CONTAGIO:

-A pag. 173 PASTEUR…O BECHAMP? Due teorie.

-A pag.174 Due uomini

-A pag.175 Due sistemi di valore

-A pag.177 MA NON DUE VERITA’

-A pag. 178 Perché questo accanimento assassino?

-A pag. 179 DA BECHAMP A NAESSENS

-A pag, 180 Una vera risposta: la SOMATIDE (microzima).

-A pag. 180 Un vero esame il SOMATOSCOPIO

-A pag. 182 LA SCELTA TRA PASTEUR E BECHAMP

La dottoressa GUYLAINE LANCTOT, (canadese), per 25 anni ha praticato la sua professione collaborando in diverse occasioni con le industrie farmaceutiche.

Dopo questo libro è stata CITATA IN TRIBUNALE più volte dalle ditte farmaceutiche.

 

Nel suo libro “Exposing the Myth of the Germ Theory” il Dr. Arthur M. Baker, scrive:

LE MALATTIE NON SONO INFEZIONI; sono piuttosto PROCESSI di PURIFICAZIONE del CORPO e NON SONO PROVOCATE da BATTERI o da “VIRUS”.

Né i “VIRUS” né i BATTERI possono CAUSARE la MALATTIA/PROCESSO RISANANTE.

IL VERO RESPONSABILE è lo STILE DI VITA BIOLOGICAMENTE SCORRETTO dell’AMMALATO.

Quando le abitudini debilitanti vengono abbandonate, non vi sarà ulteriore ACCUMULO DI SCORIE TOSSICHE e il corpo non avrà più bisogno di mettere in moto i processi di guarigione/malattia. La buona salute ne sarà il naturale risultato.

L’illusione del contagio

La gente è stata educata ad essere terrorizzata dai batteri e dai virus e a credere implicitamente nell’idea del contagio: e cioè che specifiche entità patogene, aggressive e maligne, siano in grado di passare da un ospite all’altro. “CONTAGIO“, NELLA DEFINIZIONE MEDICA, è la trasmissione della malattia per contatto: una malattia infettiva può essere comunicata per contatto da una persona che ne è affetta o attraverso un oggetto che essa ha toccato. Il dizionario a questo proposito parla di “virus o altri agenti infettivi” o di “qualcosa che funga da tramite per la trasmissione della malattia con mezzi diretti o indiretti”.

Il “CONTAGIO”, tuttavia, E’ UNO DEI MITI DELLA MEDICINA, poiché LE SCORIE TOSSICHE NON POSSONO ESSERE TRASMESSE DA UN CORPO ALL’ALTRO ATTRAVERSO IL NORMALE CONTATTO

LE MALATTIE CONTAGIOSE SONO UN’INVENZIONE, poichéNESSUNO PUO’ PASSARE AD ALTRI LA PROPRIA MALATTIA, NON PIU’ DI QUANTO POSSA TRASMETTERE LA PROPRIA SALUTE.

Ciò che accade in realtà

UN INDIVIDUO IN SALUTE, con un flusso sanguigno incontaminato e relativamente puro, non avrà quindi alcun motivo di temere le “malattie contagiose”. Di norma, NON E’ POSSIBILE TRASMETTERE AD ALTRI IL PROPRIO CARICO DI TOSSICITA’, a meno che esso non venga estratto dal nostro corpo (come accade nelle DONAZIONI di SANGUE) e poi iniettato ad un’altra persona (ad esempio con una TRASFUSIONE). In questo caso può verificarsi un “CONTAGIO” MEDICAMENTE INDOTTO (intossicazione, avvelenamento) o MALATTIA IATROGENICA, che non ha però nulla a che fare con quelli che si verificano nell’ambito dei naturali processi biologici della vita. E’ questa la REALE SPIEGAZIONE di ciò che chiamiamo “CONTAGIO”.

Le vere cause e i fattori del contagio

In realtà IL COSIDDETTO “CONTAGIO” NON ESISTE, poiché gli unici agenti in grado di “produrre” le malattie sono le abitudini nocive come l’abuso di alcool, caffè, sigarette, farmaci, cibi-spazzatura, cibi raffinati, scarsità di riposo, mancanza di esercizio e di luce solare, ecc. Sono le abitudini di vita sbagliate che generano le malattie che vediamo diffuse tra la popolazione. NON C’ E’ NESSUN “INSETTO CHE GIRA”: è ciò che facciamo al nostro corpo che distrugge le sue necessità sistemiche.

Conclusione

Le cosiddette “malattie contagiose” come l’AIDS, le malattie veneree, il piede dell’atleta, non sono più contagiose di qualsiasi altra malattia. Ma ad alcuni interessi commerciali è utile che la gente creda che lo siano. Fondamentalmente, l’accettazione della teoria del contagio presuppone l’accettazione della teoria dei germi come causa delle malattie: e cioè che specifici batteri o “virus” possano produrre i sintomi di malattie specifiche. Questa teoria è stata più volte dimostrata erronea in campo scientifico, e perfino Pasteur ammise la sua insostenibilità.

NONOSTANTE CIO’, la teoria dei germi e la teoria del contagio continuano ad essere propagandate dal moderno sistema medico, il cui prestigio, i cui profitti e il cui potere dipendono largamente dalla fiducia in questa assurda teoria. In sostanza, la popolazione crede a ciò che l’ESTABLISHMENT MEDICO vuole che creda. La teoria del contagio serve a tenere alta la domanda di farmaci e di cure mediche e ospedaliere.

Se conducete una VITA SANA, probabilmente non vi ammalerete mai.

Le malattie sono provocate solo da abitudini di vita improprie.

Non dimenticate che solo le INDUSTRIE mediche, ospedaliere e farmacologiche sostengono che la salute si possa recuperare somministrando FARMACI VELENOSI. Questo è probabilmente uno dei più spaventosi semi delle malattie “contagiose”. Una vita sana è, in ogni caso, la migliore assicurazione contro qualsiasi malattia.

 

T. C. FRY

COME POSSONO CREDERE NEL CONTAGIO QUELLI CHE SANNO CHE LE MALATTIE SONO PROCESSI DI DISINTOSSICAZIONE?

Se il corpo è padrone nel suo ambito come lo è, e se controlla sempre tutto dalla nascita alla morte, allora dobbiamo guardare TUTTI I PROCESSI E FENOMENI DEL CORPO, come AZIONI CORPOREE, (decise dall’intelligenza somatica). La dimostrazione, che il corpo si disintossica in tutti i processi di malattia, è ampiamente attestata, quando tutti i casi di malattia sono posti in condizione di digiuno, con un riposo completo, rapidamente essi diventano sani. QUANDO IL CORPO FA SCATTARE E CONDUCE UN PROCESSO DI DISINTOSSICAZIONE, batteri, germi e virus non sono i padroni della situazione, né gli agenti causativi. LE TOSSINE DA ESPELLERE, sono il terreno per batteri e funghi. I batteri e i funghi, proliferano solo DOPO che il loro cibo è per loro assimilabile, non prima.. Il corpo, è sempre il PERNO nei processi di malattia e li termina quando gli obbiettivi sono compiuti. Se i microbi fossero i padroni del gioco, ovviamente non arresterebbero i loro processi distruttivi.

IL MICROBO APPARE SOLO DOPO L’ INSORGENZA DELLA MALATTIA.

In molti casi di POLMONITE, gli pneumococchi appaiono sulla scena da 36 a 72 ore DOPO l’insorgenza della malattia.

Il Dr. Hadwen stesso aveva dichiarato: “Nessuno ha mai trovato il BACILLO della TUBERCOLOSI durante i primi stadi della malattia. Certe autorità affermano, che il microbo si manifesta solamente DOPO 2 ANNI dall’inizio di questa malattia, e che IN CERTI CASI, NON LO SI TROVA NEANCHE DOPO LA MORTE.

E’ EVIDENTE che LA TUBERCOLOSI NON E’ DOVUTA AI MICROBI.

Nella rivista Physical Culture, il Dr. Fraser di Toronto Canada, descrive una serie di ESPERIMENTI effettuati tra il 1911 e 1918 per determinare se i microbi causassero la malattia. Si sono passati i PRIMI 3 ANNI (1911-1914) a cercare di sapere se il microbo appaia prima o dopo l’ inizio della malattia. Il VERDETTO FU: IL MICROBO appare DOPO LA MALATTIA. – (Le bon guide de l’hygienisme n° 57 p. 20)

T. C. FRY

Bisogna comprendere, che tutti gli esseri umani reagiscono allo stesso modo uniforme, allo stesso tipo di veleno e non allo stesso tipo di batterio, bacillo, germe, virus”.

“E’ così che un EMETICO, sarà eliminato con dei vomiti, da tutte le persone che lo ingeriranno, così come un LASSATIVO sarà eliminato dall’intestino e un DIURETICO sarà eliminato dall’apparato urinario, da tutte le persone che li ingeriranno”. Infine, il régime alimentare e le altre pratiche, che causano l’ influenza e le altre affezioni in una persona, causeranno gli stessi problemi, in tutte le persone che vivono e che mangiano nello stesso modo. CONOSCENZE ELEMENTARI E LOGICA.”

ORGANISMI SIMILI reagiscono con MALATTIE SIMILI quando sono soggetti ad INFLUENZE, CONDIZIONI o VELENI SIMILI, non significa che sono contagiosi.

Normalmente questo significa, che quelli che sono COLPITI IN MODO ANALOGO, hanno praticato le STESSE ABITUDINI MALSANE.”

Tutti gli ESSERI UMANI REAGISCONO in MODO IDENTICO quando le CIRCOSTANZE sono IDENTICHE”.

Dr. H. M. Shelton

IL CORPO ELIMINA, UNA FORMA DI AVVELENAMENTO IN UN MODO, ed UN’ ALTRA FORMA DI AVVELENAMENTO IN UN ALTRO MODO. L’ AVVELENAMENTO AZOTATO da adito a malattie che differiscono da quelle che produce l’AVVELENAMENTO da IDRATI DI CARBONIO. Perché le persone tendono ad avere delle MALATTIE INTESTINALI in ESTATE e RESPIRATORIE in INVERNO?

Dr.ssa Vivian Virginia Vetrano

Perché non ammettere che uno STILE DI VITA IDENTICO ed un’ALIMENTAZIONE SIMILE possano esserne la CAUSA? Delle INFLUENZE CLIMATICHE possono essere anche un FATTORE SCATENANTE.

 

T. C. Fry

NESSUNA MALATTIA PUO’ ESSERE TRASMESSA ATTRAVERSO LE NORMALI AZIONI SVOLTE QUOTIDIANAMENTE, ciò che è “CONTAGIOSO” sono le ABITUDINI TOSSICHE a cui gli esseri umani si sottopongono o vengono sottoposti. E’ stato calcolato che tra sigarette, alcol, condimenti, cibi cotti (inadatti alla nostra specie) e bevande analcoliche, droghe, ecc. L’ INDIVIDUO MEDIO è abituato a circa 40 ATTI TOSSICI, che lo avvelenano giornalmente. C’E’ DA MERAVIGLIARCI, dunque, CHE con un DENOMINATORE COMUNE, come quello sopracitato, MOLTI INDIVIDUI MANIFESTINO lo STESSO TIPO di CRISI DISINTOSSICANTI e PURIFICATRICI?

——————————————————————————————————-

Attraverso lo STUDIO della FISIOLOGIA e dell’ANATOMIA COMPARATE si evince che OGNI SPECIE ANIMALE è adatta ad un determinato cibo e che l’UOMO è FRUGIVORO, come sostenevano tutti i più celebri naturalisti della storia dell’umanità: “CHARLES DARWIN, HERMANN REINHEIMER, CARL Linnèe ovvero CAROLUS LINNAEUS, che ha creato il metodo di classificazione naturale delle piante e degli animali, utilizzato tutt’ora, sebbene siano trascorsi due secoli (famoso per la nomenclatura binomia), GEORGES CUVIER (il padre della paleontologia), COLIN SPENCER, JOHN RAY, GEORGES LOUIS LECLERC, meglio conosciuto come CONTE di BUFFON, Il Dr. LOUIS D’AUBENTONUM, collaboratore di BUFFON, meglio noto come DAUBENTON, Dr. RICHARD LEHNE, anatomista,  ALEXANDER von HUMBOLD,  RICHARD OWEN, THOMAS HENRY HUXLEY, Sir ARTHUR KEITH, ALAN WALKER, antropologo.”

E QUESTO FA CAPIRE che la CAUSA  PRINCIPALE delle MALATTIE dell’UOMO, sono gli ALIMENTI INADATTI ALLA NOSTRA SPECIE, oltre all’ARIA e all’ACQUA INQUINATE.

——————————————————————————————————

Dal 1986, alla facoltà di medicina, non si insegna più FISIOLOGIA e ANATOMIA COMPARATE, chiaramente perché lo studio di queste due importantissime e fondamentali materie mette in pericolo il PRESUPPOSTO BASE della MEDICINA UFFICIALE, ovvero L’ ONNIVORISMO dell’UOMO, che elimina dalle cause di malattia la causa più importante in assoluto, ovvero GLI ALIMENTI INADATTI alla NOSTRA SPECIE, favorendo così la TEORIA dei GERMI di PASTEUR, che fa guadagnare alla MAFIA della SANITA’ più soldi di ogni altra falsa teoria medica.

———————————————————————————————————

ONNIVORISMO dell’uomo & TEORIA dei GERMI di PASTEUR.

FRUGIVORISMO dell’uomo & TEORIA della TOSSIEMIA

1)

ESCULAPIO, il dio greco della medicina = MEDICINA UFFICIALE = ONNIVORISMO = TEORIA ESOGENA dei GERMI = FARMACI e VACCINI = INTOSSICAZIONE del CORPO = MALATTIA IATROGENA = SPESE per i MALATI = GUADAGNI MILIARDARI per le CASE FARMACEUTICHE e L’INDUSTRIA ALIMENTARE = AUMENTO del POTERE della MAFIA della SANITA’.

2)

IGEA, la dea della salute degli antichi ateniesi = IGIENE NATURALE = FRUTTARISMO = TEORIA ENDOGENA della TOSSIEMIA = DIGIUNO e DIETA FRUTTARIANA = DISINTOSSICAZIONE del CORPO = SALUTE = NESSUNA SPESA per i MALATI = FALLIMENTO delle CASE FARMACEUTICHE e dell’INDUSTRIA ALIMENTARE = SCOMPARSA della MAFIA della SANITA’.