Il mal di latte. Intolleranze, allergie e malattie da latte e latticini – Lorenzo Acerra – Dr. Dan Bagget – Dr. Luciano Proietti

Dan Bagget, pediatra in Alabama, è uno di quei medici che ad un certo punto scopre una prevalenza quasi assoluta di intolleranza al latte tra i suoi pazienti e si mette a raccomandarne l’eliminazione. In una lettera dell’autore del libro Non bevete quel latte (Oski 1992), dott Bagget dice: <<Non ho più un solo paziente con ASMA attiva. Inoltre, mentre prima, cioè tra il 1963 e il 1967, 20 dei miei assistiti hanno avuto necessità di intervento chirurgico per APPENDICITE, negli ultimi cinque anni e mezzo, solo due pazienti hanno dovuto ricorrere al chirurgo per questa patologia, ed in entrambi i casi si trattava di bambini incorreggibili consumatori di LATTE>>.

E continua:

Mentre prima, tra il 1963 e il 1967, 500 dei miei assistiti hanno dovuto essere RICOVERATI IN OSPEDALE (con un periodo medio di ricovero di cinque giorni), oggi che i bambini e le famiglie da me informati hanno capito e mi seguono nello step di eliminazione del latte, solo 12-14 dei miei pazienti vengono ricoverati ogni giorno e il periodo medio di ricovero è di tre giorni.

Ogni volta che uno dei bambini nella cerchia dei miei assistiti ha una FARINGITE da streptococco o un pioderma, possiamo scoprire dall’anamnesi che egli ha interrotto il regime senza latticini proprio nell’arco dei cinque giorni precedenti l’episodio. INFEZIONI da germi dello streptococco non attaccheranno un bambino che ha escluso ogni forma di prodotto caseario dalla sua alimentazione. Ho potuto fare questa attenta osservazione negli ultimi cinque anni e mezzo e, finora, non ci sono state eccezioni.

 

Per le TONSILLITI, LUCIANO PROIETTI pediatra presso l’ospedale Regina Margherita di Torino, gli fa eco (febbraio 1990):

Abbiamo potuto osservare che i bambini soggetti a tonsilliti recidivanti con pus e febbre alta miglioravano drasticamente e spesso guariscono completamente, eliminando dalla dieta latte e latticini.

Inoltre, 400 BAMBINI (di età compresa tra i 2 e i 15 anni) che assumevano pochi cibi animali, avevano una bassissima incidenza di infezioni (riniti, tracheiti, angine) e non erano mai affetti dalla TONSILLITE BATTERICA PURULENTA diversamente dal gruppo di controllo della stessa età.

Numerosi studi rilevano ADENOIDI e TONSILLE INGROSSATE nel gruppo di bambini che ha consumato più a lungo e in maggiori quantità latte e formulazioni sue derivate.

Michel Odent nel 1980 ha prodotto uno studio su ampia scala di questo.

Il Dr. Herbert M. Shelton (1972) invita i chirurghi a consultare la vasta letteratura medica (e sospendere il latte) prima di portare il piccolo in sala chirurgica

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.